Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 14 LUGLIO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Studio italiano. Bimbi con enuresi notturna più esposti a problemi neuropsichiatrici

di David L. Levine

I bambini che soffrono di enuresi notturna, rispetto ai loro coetanei sani, sono più esposti a problemi comportamentali potenzialmente associati a questo disturbo. L’ipotesi arriva da uno studio italiano, condotto dall’Università di Catania, che ha preso in considerazione 400 bambini.

23 DIC - (Reuters Health) – I genitori di bambini con enuresi notturna “devono essere consapevoli che questo disturbo potrebbe rappresentare una condizione di notevole comorbidità con altri legati allo sviluppo neurologico”, dice Renata Rizzo, del reparto di Psichiatria Infantile e Adolescenziale dell’Università di Catania. Rizzo e colleghi hanno studiato 200 bambini con enuresi monosintomatica primaria, reclutati nel reparto di neuropsichiatria dell’Università di Catania, e 200 soggetti di controllo sani e senza disturbi neurologici, reclutati in scuole locali. 
 
Come riportato online il 25 novembre sul Journal of Pediatric Urology, tutti i bimbi avevano QI normali e non presentavano diabete o malformazioni renali. Nel gruppo con enuresi notturna, 138 partecipanti (69%) presentavano una storia familiare di enuresi notturna, rispetto ai 24 (12%) di quello sano. Rispetto al gruppo di controllo, il gruppo dell’enuresi notturna aveva punteggi significativamente più elevati nei test che misuravano i sintomi relativi ad affettività e ansia. Tra i test figuravano la Child Behavior Check List e la Multidimensional Anxiety Scale for Children di Conner’s. Inoltre, in questo gruppo si sono verificati tassi più elevati di disturbi ossessivo-compulsivi, soprattutto fra le ragazze, e tic più gravi.


“I nostri risultati sono in linea con le linee guida di consenso sulla pratica per la gestione dell’enuresi – aggiunge Renata rizzo – e i medici non dovrebbero sottovalutare gli effetti dell’enuresi sullo sviluppo psicosociale. La presenza contemporanea di enuresi e alcuni disturbi afferenti allo sviluppo neurologico è ben nota. In un recente studio, l’ADHD è stato riscontrato nel 30-40% dei bambini con enuresi, rispetto al 6-10% della popolazione generale”.
 
Fonte: Journal of Pediatric Urology 2016
 
David L. Levine
 
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science) 

23 dicembre 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy