Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 08 AGOSTO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Psicosi più precoce per chi fa uso di cannabis


Secondo un’accurata metanalisi pubblicata sugli Archives of General Psychiatry l’uso di sostanze psicoattive, e di cannabis in particolare, si associa allo sviluppo anticipato di 2-3 anni di disturbi psicotici.

04 LUG - L’uso di cannabis è stato più volte messo in rapporto con psicosi e altri disturbi psichiatrici, rapporto che per alcune ricerche sarebbe causale. Ci sono state anche osservazioni di un’associazione tra la sostanza e un’età d’insorgenza più precoce di queste forme, specie per la schizofrenia.
Sul nesso di causalità per lo sviluppo più precoce di tali disturbi, però, non tutti i ricercatori concordano. Un’accurata metanalisi di numerosi studi sull’argomento, che tiene conto delle varie difformità metodologiche e relative ai soggetti considerati, porta ora chiari elementi a sostegno di questa ipotesi. L’uso di cannabis sembra essere fortemente connesso con manifestazioni psicotiche anticipate e con sviluppo di psicosi, almeno in alcuni soggetti.
Non sono pochi i limiti dovuti alle differenze tra gli studi condotti, valutano gli autori di questa metanalisi, che sono ricorsi ai principali database dei relativi trial in lingua inglese: da variabili demografiche, a uso di altre sostanze, a trattamenti in atto, eccetera. Si sono individuati 443 studi dei quali 83 rispondevano ai criteri d’inclusione, per un totale di 8167 pazienti psicotici utilizzatori di sostanze psicoattive e 14.352 non utilizzatori.

L’età d‘esordio della psicosi negli utilizzatori di cannabis è apparsa inferiore di 2,7 anni rispetto ai non utilizzatori; nei pazienti con uso di sostanze di vario tipo l’anticipo è di 2 anni. Per quanto concerne l’alcol, invece, non è risultato un anticipo significativo.
Complessivamente, negli utilizzatori di sostanze l’età è risultata anticipata di 1,7 anni rispetto al gruppo controllo.
Si è messo in luce anche un esordio di psicosi più precoce nelle femmine che nei maschi (-3,4 anni contro -1,87), risultato però non significativo con l’analisi di meta-regressione. L’anticipo è stato più marcato tra chi aveva un utilizzo più pesante e continuativo di sostanze rispetto a chi faceva un uso più soft o aveva smesso (-2,72 anni contro -2,07) ma anche in questo caso senza significatività statistica.
Nella conclusione degli autori della metanalisi la più alta proporzione di pazienti psicotici utilizzatori di cannabis tra quanti usavano sostanze conferma una sua associazione con uno sviluppo più precoce di queste forme psichiatriche. Riguardo alla schizofrenia si era ipotizzato che la cannabis fosse un fattore causale, o favorente in soggetti vulnerabili o esacerbante, o che fosse più probabile che gli schizofrenici usassero tale sostanza. Da questo studio esce rafforzata la tesi che la cannabis precipiti la schizofrenia e gli altri disturbi psichiatrici, forse per un’interazione di fattori genetici e ambientali o interferenze cerebrali soprattutto in una delicata fase di maturazione come nell’adolescenza.
Non c’è supporto all’ipotesi che sviluppi psicosi precoci chi è più portato all’uso di tutte le sostanze, dato che l’associazione non emerge per l’alcol da solo, anche se resta da approfondire l’eventuale propensione di questi pazienti per certe sostanze, come il fumo. Quanto ai meccanismi, gli autori rilevano che rimane da chiarire se la cannabis e le altre sostanze abbiano un effetto neurotossico diretto, attraverso un’alterazione dell’attività della dopamina o modificazioni relative ad altri neurotrasmettitori, così come a quale livello gli effetti siano reversibili. In ogni caso, i risultati dell’analisi sostengono che riducendo la cannabis si possa ritardare o, al limite, prevenire alcuni casi di psicosi. Tuttavia, anche nelle persone che svilupperebbero comunque la psicosi, un ritardo di due-tre anni sarebbe importante in particolare nella transizione dalla tarda adolescenza all’età giovane- adulta, diminuendo sul lungo periodo le conseguenze del disturbo psicotico.
 
Elettra Vecchia 

04 luglio 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy