Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 19 SETTEMBRE 2017
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Maculopatie. Consiglio di Stato: “Riconfezionamento per uso intravitreale di Avastin possibile anche nelle farmacie territoriali”

I giudici di Palazzo Spada ribaltano una sentenza del Tar che aveva bocciato un ricorso presentato nel 2014 da una farmacia territoriale contro una determina Aifa. “Illogica e insufficiente la motivazione addotta dall’Aifa nel decretare la riserva alle sole farmacie ospedaliere della possibilità di frazionare e confezionare l’Avastin per la sua utilizzazione off label per l'uso intravitreale”. LA SENTENZA

13 GEN - Il frazionamento e il nuovo confezioanmento del bevacizumab (Avastin) per l’impiego off label nel trattamento di maculopatie e glaucoma può essere svolto anche nelle farmacie territoriali. A stabilirlo il Consiglio di Stato che ha ribaltato la decisione di primo grado del Tar Lazio e ha accolto il ricorso presentato nel 2014 da un titolare di farmacia bresciano secondo contro la determina Aifa riserva alle sole farmacie ospedaliere della possibilità di ripartire l’Avastin per la sua utilizzazione off label.
 
I giudici hanno accolto la tesi del farmacista secondo cui “il discrimine può fondarsi sulle attrezzature di cui sono dotate le farmacie pubbliche e private, ma non sulla loro natura pubblica o privata, in quanto essa non implica di per sé la maggiore qualificazione professionale e la maggiore sicurezza nel compimento dell’attività tecnico professionale, che deve necessariamente rispondere ai medesimi standard di qualità”.
 
Per questo motivo “la garanzia di sterilità (che era stata prevista in un parere espresso nell’aprile precedente dal Consiglio superiore di Sanità) non può giustificarsi con la sola natura ospedaliera della farmacia incaricata del confezionamento del prodotto, ma, semmai, con la previsione delle necessarie dotazioni tecniche e metodiche da utilizzarsi, ritenute idonee a scongiurare la contaminazione del prodotto durante la lavorazione”.

 
Così per i giudici “sono quindi condivisibili le affermazioni dell’appellante, dirette a sostenere l’illogicità e l’insufficienza della motivazione addotta dall’AIFA nel decretare la riserva alle sole farmacie ospedaliere della possibilità di ripartire l’Avastin per la sua utilizzazione off label”.

13 gennaio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy