Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 27 GIUGNO 2017
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Antibiotici. Ecco come possono migliorare le prescrizioni ospedaliere

Una revisione del Cochrane Database ha permesso di individuare alcune buone pratiche per una corretta prescrizione degli antibiotici in ambito ospedaliero, che possono aumentare la compliance dei pazienti del 19%.

17 FEB - (Reuters Health) – Con alcuni interventi è possibile migliorare le pratiche di prescrizione degli antibiotici per i pazienti ospedalieri. È quanto emerge da una revisione del Cochrane Database. Peter Davey della University of Dundee, nel Regno Unito, ha revisionato insieme ai colleghi le pratiche attraverso le quali i medici ospedalieri possono migliorare la prescrizione di antibiotici.
 
Il gruppo ha preso in esame di 221 studi, 58 dei quali erano trial controllati randomizzati. Gli interventi rientravano ampiamente in due categorie: tecniche restrittive, che applicano regole per far sì che i medici prescrivano correttamente, e tecniche permissive, che forniscono consigli o feedback per aiutare i medici a prescrivere appropriatamente. Entrambi gli approcci hanno portato un maggior numero di pazienti ospedalieri a ricevere il trattamento giusto per la loro condizione in base a politiche di prescrizione antibiotica, con un aumento medio nella compliance del 19% e una riduzione media di due giorni nella durata totale del trattamento antibiotico. Tali interventi hanno anche diminuito la durata dei ricoveri (di circa un giorno) senza aumentare i decessi.

 
Le evidenze
In tre studi gli incentivi finanziari nazionali – mirati a ridurre l’accesso al primo dosaggio antibiotico per le persone ricoverate per polmonite acquisita all’interno della comunità – erano legati a un maggior tasso di diagnosi scorretta di polmonite. Per quanto riguarda la corretta somministrazione degli antibiotici, le tecniche restrittive risultavano efficaci tra i medici che ritardavano a somministrare la prima dose di antibiotico, anche se complessivamente gli interventi che includevano un feedback risultavano molto più efficaci di quelli che non lo prevedevano. “Non abbiamo bisogno di ulteriori studi per rispondere alla domanda se questi interventi riducano l’uso non necessario di antibiotici, ma servono ulteriori ricerche per comprendere le conseguenze non intenzionali dell’uso di interventi restrittivi”, osservano i ricercatori.

Fonte: Cochrane Database Systematic Review 2017
 
Reuters Staff
 
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

17 febbraio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy