Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 20 AGOSTO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

USA verso la “Trumpcare”. Ma non sarà un cammino facile

Comincia a delinearsi il profilo della legge che sostituirà l’Affordable Care Act, la riforma voluta da Obana, che ha allargato l’accesso ai servizi sanitari a milioni di cittadini americani. Ma il cammino del nuovo testo non sembra in discesa. Anche perché non tutto il Partito Repubblicano vuole smantellare completamente l’Obamacare.

27 FEB - (Reuters Health) – Il piano per sostituire l’Obamacare prevederebbe un tetto ai fondi attribuiti agli Stati per il Medicaid, il programma di assicurazione sanitaria per i più poveri, e l’eliminazione dei sussidi fiscali sulla base del reddito per l’acquisto di piani individuali nel 2020. Questo è quanto emerge dalle prime indiscrezioni che trapelano sui media USA. E anche se lo staff della Camera dei Rappresentanti non ha fatto alcun commento ufficiale, Trump e i Repubblicani hanno dichiarato che presenteranno un piano in sostituzione dell’Obamacare già nelle prossime settimane.
 
Ma il cammino non sarà tutto in discesa. Sembra che i rappresentanti del Partito Repubblicano debbano ancora accordarsi su un testo unico che vada a sostituire l’Affordable Care Act, la riforma sanitaria voluta nel 2010 da Obama. Mancherebbero, per esempio, dettagli sul futuro proprio di Medicaid, il programma che sotto l’amministrazione Obama è stato ampliato a 30 Stati, e indicazioni sul finanziamento della nuova legge sanitaria. Inoltre, non è ancora chiaro quanto ampio sia il sostegno alla riforma in seno al Partito Repubblicano, né quanto il suo percorso legislativo potrà essere immune da emendamenti nei passaggi attraverso le varie Commissioni del Congresso.

 
I Repubblicani, comunque, hanno diverse volte promesso di non voler ‘tirare la coperta’ dei milioni di americani che hanno guadagnato l’accesso all’assistenza sanitaria con l’Obamacare. Una legge, tra l’altro, che recenti sondaggi attestano fra quelle a maggiore consenso negli USA. Secondo un’indagine della Kaiser Family Foundation, l’84% degli intervistati USA sarebbe d’accordo a mantenere i finanziamenti federali a sostegno di Medicaid.
 
Fonte: Reuters Health News

(Versione italiana per Daliy Health News/ Quotidiano Sanità)

27 febbraio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy