Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 02 FEBBRAIO 2023
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Dronedarone sotto la lente dell’Ema


L’agenzia europea sta rivalutando il profilo benefici/rischi dell’antiaritmico per un sospetto aumento del rischio di morte e ospedalizzazioni per cause cardiovascolari. In attesa del responso, l’Ema raccomanda ai pazienti di non interrompere il trattamento e ai medici di attenersi scrupolosamente alle raccomandazioni contenute nelle informazioni sul prodotto.

22 LUG - “L’Agenzia Europea dei Medicinali sta rivalutando i benefici e i rischi del medicinale antiaritmico Multaq (dronedarone) poiché i dati preliminari provenienti da uno studio clinico (PALLAS) hanno mostrato un incremento del rischio di effetti avversi cardiovascolari come morte da cause cardiovascolari, ictus e ospedalizzazione per cause cardiovascolari in pazienti con fibrillazione atriale permanente”. A danne annuncio è l’Ema in una nota in cui spiega che se i nuovi dati fossero confermati, potrebbero “incidere sulle indicazioni terapeutiche approvate” per il farmaco, che attualmente è destinato a “pazienti adulti clinicamente stabili con anamnesi di fibrillazione atriale o con fibrillazione atriale non permanente in corso, per prevenire una recidiva di fibrillazione atriale o per diminuire la frequenza ventricolare”.
Al momento l’Ema raccomanda ai pazienti di non interrompere il trattamento e ai medici di non cambiare il comportamento prescrittivo. “In attesa della conclusione dell’attuale rivalutazione - precisa l’agenzia - si ricorda ai medici prescrittori dell’Unione Europea di seguire le raccomandazioni contenute nelle Informazioni sul Prodotto relativamente alle indicazioni terapeutiche, controindicazioni e avvertenze già definite. In particolare, si raccomanda ai medici prescrittori di monitorare regolarmente i pazienti al fine di assicurarsi che rientrino nell’ambito delle indicazioni autorizzate e non progrediscano verso una fibrillazione atriale permanente”.
Da quasi un anno l’attenzione dell’ente regolatorio è ricaduta sul dronedarone: nel gennaio 2011 il Comitato per i medicinali per uso umano ha avviato una rivalutazione del rapporto beneficio-rischio del farmaco a seguito di segnalazioni di severo danno epatico. Ora, l’analisi del comitato scientifico sarà estesa anche al rischio cardiovascolare.
Un responso definitivo è atteso per il prossimo settembre.

22 luglio 2011
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy