Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 31 MARZO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Cancro della prostata metastatico. Chirurgia o radioterapia prolungano sopravvivenza

L’intervento chirurgico di asportazione della prostata o la radioterapia allungano la sopravvivenza negli uomini con cancro della prostata metastatico. È quanto dimostra uno studio coordinato da Sami-Ramzi Leyh-Bannurah dell’University of Montreal Health Center, in Canada, e del Prostate Cancer Center Hamburg-Eppendorf di Amburgo.

14 APR - (Reuters Health) – La terapia standard per il cancro della prostata con metastasi prevede la soppressione degli ormoni androgeni, senza agire localmente, ma diversi studi hanno riportato un miglioramento della sopravvivenza con terapie localizzate.
 
Lo studio
Partendo da queste premesse, Leyh-Bannurah e colleghi hanno utilizzato dati del database Surveillance, Epidemiology and End Results (SEER) allo scopo di esaminare la mortalità dovuta al tumore, a seconda dei diversi trattamenti: a livello locale, incluse la prostatecotomia e la radioterapia, e rispetto a nessun intervento di questo tipo. I ricercatori hanno preso in considerazione 13mila uomini con cancro della prostata metastatico diagnosticato tra il 2004 e il 2013. Dall’analisi dei casi, è risultato che il tasso di mortalità cancro-specifico era del 65% più basso dopo asportazione della prostata e del 52% inferiore tra chi si sottoponeva a radioterapia, rispetto a chi non faceva nessun trattamento.
 
I fattori di rischio per valutare la mortalità evidenziati avevano un punteggio di Gleason maggiore o uguale a otto, uno stadio clinico 4 e un sotto-stato M1c o, se gli uomini erano divorziati o vedovi. L’intervento chirurgico o la radioterapia sono risultate efficaci, in particolare, nei pazienti con zero o un solo fattore di rischio, mentre si sono rivelate meno efficaci nei pazienti con due o più fattori.
 
“Questi dati rafforzano l’interesse al trattamento locale negli uomini che soffrono di tumore della prostata metastatico e resistente alla soppressione degli androgeni, soprattutto nei casi meno aggressivi”, commenta Anthony Turpin, del CHRU di Lille, in Francia. “Se sono possibili entrambe le opzioni, l’intervento chirurgico sembrerebbe essere più efficace, anche se lo studio non riporta dati sulla qualità della vita”, ha sottolineato l’esperto, spiegando che in ogni caso sono necessari dati da studi clinici, dal momento che quello riportato è uno studio retrospettivo.

 
Fonte: Reuters Health
 
Will Boggs
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science)

14 aprile 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy