Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 24 AGOSTO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Ustioni. Speranze dalla pelle di un pesce brasiliano

Alcuni ricercatori brasiliani stanno sperimentando un nuovo trattamento per le ustioni gravi che sembra alleviare il dolore e ridurre i costi sanitari. Con la pelle di tilapia, un pesce che abbonda nei fiumi del Brasile, stanno ottenendo ottimi risultati. A oggi sono stati trattati 56 pazienti.

26 MAG - (Reuters Health) – La pelle di maiale congelata e persino il tessuto umano sono stati per lungo tempo applicati sulle ustioni per mantenerle umide e consentire il trasferimento del collagene, una proteina che promuove la guarigione delle ustioni. Gli ospedali pubblici brasiliani, però, non dispongono di manufatti di pelle umana e suina e delle alternative artificiali facilmente disponibili nei paesi occidentali; dunque normalmente in Brasile si usano bende e garze per trattare queste lesioni cutanee dolorose e difficili da guarire.

La scoperta
Alcuni scienziati dell’Università Federale di Ceara nel Brasile settentrionale, hanno scoperto che la pelle della tilapia ha umidità, collagene e resistenza a livelli paragonabili a quelli della pelle umana e potrebbe favorire la guarigione delle ustioni. In Cina i ricercatori hanno testato la pelle di tilapia sui roditori per studiarne le proprietà curative,; quelli degli scienziati del Brasile sono i primi studi che riguardano gli esseri umani.
 
“L’uso della pelle di tilapia sulle ustioni è senza precedenti”, ha affermato Odorico de Morais, professore presso l’Università di Ceara. “La pelle di pesce viene solitamente gettata via, quindi stiamo usando questo prodotto per trasformarlo in qualcosa che porterà anche un vantaggio sociale”. Il trattamento può accelerare la guarigione di diversi giorni e ridurre la necessità di utilizzare cure e farmaci dolorosi, affermano i ricercatori brasiliani. I tecnici di laboratorio hanno trattato la pelle di pesce con diversi agenti sterilizzanti e l’hanno inviata a São Paulo per l’irradiazione allo scopo di debellare qualsiasi microrganismo eventualmente presente, prima dell’imballaggio e della refrigerazione. Una volta puliti e trattati i lembi di pelle di tilapia, possono durare fino a due anni. E il trattamento rimuove anche ogni possibile odore di pesce.


 
La sperimentazione
Ad oggi questa terapia alternativa è stata utilizzata su almeno 56 pazienti per il trattamento di ustioni di secondo e terzo grado. La pelle di tilapia viene applicata direttamente sulla zona bruciata e ricoperta da un bendaggio, senza la necessità di spalmare alcuna crema. Dopo circa 10 giorni, i medici rimuovono la benda e la pelle di pesce, che si è asciugata e staccata dalla bruciatura, si può rimuovere facilmente. Morais ha affermato, in conclusione, che il trattamento della pelle di tilapia costa il 75% in meno rispetto ai trattamenti con le creme come la sulfadiazina, I ricercatori sperano che il trattamento si dimostri commercialmente valido e possa incoraggiarne la diffusione e l’uso medico.
 
Fonte: Reuters Health News


Paulo Whitaker e Pablo Garcia

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science) 

26 maggio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy