Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 19 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Sonno. Se lo “regolano” i genitori, ragazzi più riposati

Secondo i risultati di un recente sondaggio canadese, condotto su oltre 1.600 genitori con almeno un figlio di età compresa tra 5 e 13 anni o tra i 14 e i 17 anni, per ottenere che i figli dormano a sufficienza durante i giorni feriali, è necessario seguire un programma con regole precise. non basta incoraggiarli ad andare a dormire.

06 GIU - (Reuters Health) – Secondo le linee guida canadesi sul sonno e la salute, i bambini di età compresa tra i 5 e i 13 anni dovrebbero dormire per almeno nove e gli adolescenti dai 14 ai 17 anni per almeno otto ore. Tuttavia queste raccomandazioni sono spesso trascurate da figli e genitori. Per questi motivi alcuni ricercatori del Public Health Ontario di Toronto, guidati da Heather Manson, hanno esaminato i dati di un sondaggio su 1.622 genitori con almeno un figlio di età compresa tra i 5 e i 17 anni.
 
La ricerca evidenziato che i ragazzi avevano il 59% in più di probabilità di soddisfare le raccomandazioni delle linee guida nei giorni feriali se i loro genitori applicavano un programma di regole ben definito. A seconda dell’età del ragazzo, la percentuale di genitori che ne dichiarava l’aderenza alle linee guida sul sonno, variava da circa il 68% al 93% nei giorni feriali e dal 49% all’86% nei fine settimana. In particolare si è visto che il numero di bambini che hanno ottenuto la quantità minima di sonno raccomandato è aumentata in quella dai 5 ai 9 anni, ma poi è diminuita nella fascia dai 10 a 17 anni.

 
Adolescenti più “variabili”
I ragazzi di 15 anni hanno mostrato la maggiore variazione tra i giorni feriali e quelli del fine settimana, con il 38% in meno di ragazzi che dormivano il tempo minimo consigliato durante i fine settimana rispetto a quanto facevano nei giorni feriali. Va aggiunto che complessivamente il 94% dei genitori ha riferito di incoraggiare il proprio figlio ad andare a dormire in un momento specifico e circa l’84% ha riferito di far rispettare le regole del sonno. Lo studio ha sostanzialmente dimostrato che l’applicazione delle regole è più efficace dei semplici promemoria anche dopo aver corretto i dati per altri fattori confondenti, come l’età e il sesso del bambino, il reddito familiare, l’istruzione genitoriale e altre regole come la limitazione del tempo davanti allo schermo della TV o dell’uso di PC e smartphone in camera da letto.
 
Fonte: BMC Public Health
 
Lisa Rapaport
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science)

06 giugno 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy