Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 19 AGOSTO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Parti prematuri: gli integratori multivitaminici potrebbe ridurre il rischio

Secondo i dati di una ricerca pubblicata sull’American Journal of Clinic Nutrition, l’assunzione di integratori multivitaminici nel periconcepimento ridurrebbe del 16% il rischio di parto prematuro e del 17% l’eventualità di dare alla luce bebè sottopeso. Benefici tuttavia circoscritti alle gestanti di peso normale, mentre non sono stati riscontrati effetti nei soggetti in sovrappeso.

09 SET - L’uso regolare di integratori multivitaminici nelle 4-6 settimane del periconcepimento da parte di donne in normopeso riduce i rischi di parto pretermine e la necessità di prestare terapie al neonato. È quanto emerso da una ricerca condotta dall’Università di Aarhus (Danimarca) in collaborazione con l’Università di Pittsburgh (Usa), recentemente pubblicata sull’American Journal of Clinic Nutrition e rilanciata oggi dall’’Osservatorio FederSalus.
I risultati della ricerca, infatti, l’assunzione di integratori multivitaminici nel periconcepimento hanno fatto registrare una riduzione del 16% il rischio di parto prematuro e del 17% l’eventualità di dare alla luce bebè sottopeso rispetto al periodo di gestazione. I benefici appena menzionati, tuttavia, sono circoscritti alle gestanti di peso normale, mentre non sono stati riscontrati effetti di sorta nei soggetti in sovrappeso.
Lo studio clinico danese-statunitense è stato condotto su un campione di 35.897 donne che partecipavano al programma DNBC (Danish National Birth Cohort). L’uso di multivitaminici è stato monitorato per un periodo di 12 settimane nel periodo del concepimento. Per parto prematuro è stato assunto convenzionalmente il parto avvenuto prima della 37ª settimana di gestazione.

“E’ possibile che l’assunzione di multivitaminici nel periodo del periconcepimento possa essere una strategia semplice e sicura per migliorare l’esito della gravidanza e che abbia effetti sostanzialmente analoghi all’integrazione di folati,” annotano i ricercatori, che tuttavia invitano a interpretare con cautela i risultati raggiunti, ricordando che i benefici degli integratori alimentari sono in relazione ad altri fattori attinenti lo stile di vita.  




 

09 settembre 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy