Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 26 LUGLIO 2017
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Philip Morris. Con iQOS verso un futuro smoking free

iQOS, il dispositivo che riscalda il tabacco delle sigarette messo a punto da Philip Morris, aiuta i fumatori a lasciare le sigarette tradizionali. In Gran Bretagna il 70% di chi usa questo dispositivo si è dichiarato in grado di abbandonare le “bionde”.

13 LUG - (Reuters Health) – Philip Morris International punta forte su iQOS, il dispositivo riscalda il tabacco senza provocare combustione, nella convinzione che possa contribuire a eliminare il fumo dalla Gran Bretagna nei prossimi anni. Da quando iQOS è stato lanciato nel Regno Unito nel mese di dicembre, Philip Morris ha rilevato che circa il 70% delle persone che lo utilizzano sono in grado di abbandonare le sigarette convenzionali, come ha dichiarato Peter Nixon, CEO di Philip Morris per UK e Irlanda. “È una cosa senza precedenti”, ha detto Nixon nel corso di una trasmissione radiofonica.
 
“Siamo molto incoraggiati dal fatto che prodotti come iQOS possano cambiare completamente le regole del gioco”. Mentre le e-cigrette utilizzano liquidi contenenti nicotina, IQOS riscalda bastoncini di tabacco, chiamati Heets, ad una temperatura sufficiente per creare vapore ma non fumo. Philip Morris, che ha le sigarette Marlboro tra i suoi marchi a diffusione mondiale, ha chiesto agli enti regolatori statunirensi di riconoscere iQOS come “prodotto a rischio modificato”.

Il relativo beneficio per la salute dei dispositivi elettronici per il fumo è stato indagato in uno studio condotto il mese scorso. Si è scoperto che rilasciano sostanze chimiche potenzialmente oncogene, talvolta a concentrazioni più alte rispetto alle sigarette convenzionali. Anche British American Tobacco e Japan Tobacco commercializzano dispositivi “vaping” a base di tabacco, ma Philip Morris è in testa alle vendite.

 
PMI vende circa 7 miliardi di Heets all’anno, ma Nixon ha detto che la società spera di produrne 100 miliardi il prossimo ,dopo aver cominciato da meno di 400 milioni nel 2015.”Un giorno smetteremo di vendere sigarette”, ha detto Nixon nell’intervista radiofonica. “Ci stiamo muovendo molto velocemente”. Ci sono ancora 7,5 milioni di fumatori in Gran Bretagna, ha detto Nixon, e Philip Morris ha assunto freelancers per aiutarli a passare a iQOS. I freelancers parlano con i fumatori e possono guadagnare 50 sterline da Philip per ogni persona che convertono dalle sigarette a iQOS. “Con questi tipi di programmi possiamo arrivare a quasi zero sigarette tradizionali nei prossimi anni”, ha detto Nixon.

Fonte: Reuters Health News

Martinne Geller

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

13 luglio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy