Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 26 LUGLIO 2017
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Spagna. Sabbia nei parchi giochi contaminata da batteri pericolosi

Una ricerca condotta in Spagna e pubblicata su Zoonoses and Public Health ha evidenziato un problema crescente e allarmante per la salute pubblica. La sabbia contenuta nelle ‘casse’, che fanno parte dei parchi giochi per bambini di pubblico accesso, potrebbe essere contaminata da colonie di Clostridum difficile.

13 LUG - (Reuters Health) - Attenzione ai sabbiai pubblici che rappresentano un vero e proprio ricettacolo di germi potenzialmente patogeni. L'alert arriva dai ricercatori dell'Universidad Complutense de Madrid, il cui studio è stato pubblicato su Zoonoses and Public Health. Tra i patogeni rilevati il Clostridum difficile, un batterio molto pericoloso e talvolta mortale che provoca diarrea ed è molto resistente ai farmaci.

Un'infezione che si propaga
Il C. difficile è tipicamente considerato un problema per i pazienti molto compromessi e con scarse difese immunitarie che si trovano di solito negli ospedali, ma attualmente è sempre più facile ritrovare questo batterio anche fuori dalle strutture sanitarie, come sottolineano Jose Blanco e colleghi della facoltà di medicina veterinaria dell'Universidad Complutense de Madrid, nel loro articolo pubblicato su Zoonoses and Public Health. Gli studi hanno confermato che i sabbiai pubblici, possono ospitare organismi patogeni, compresi parassiti e i batteri.

La metà dei sabbiai analizzati contaminati da C. difficile

Nel nuovo studio, il team di Blanco ha testato la sabbia di 20 sabbiai per i bambini e da 20 aree sabbiose per i cani che si trovano nei parchi di Madrid. In totale si è visto che erano positive per C. difficile 22 casse di sabbia. Di queste, otto erano colonizzate da ceppi tossigeni (patogeni per l’uomo).

No allarmismi
In ogni caso, Blanco ha affermato che questi risultati non devono creare allarmismo e ha fatto notare che il C. difficile non infetta i bambini di età inferiore ai 2 anni. "Dobbiamo imparare a vivere con questi germi. Se i nostri figli vivono in un ambiente molto pulito, il loro sistema immunitario non potrà svilupparsi correttamente, e probabilmente saranno presenti problemi immunitari diversi come l'allergia - afferma - È importante non lasciare materiale organico nelle sabbie pubbliche, perché potrebbero servire da cibo a diversi tipi di animali durante la notte. E anche pulire le casse di sabbia da una possibile contaminazione da materiale fecale animale (soprattutto la mattina)".

Fonte: Zoonoses Public Health 2017
(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Nutri&Previeni)

13 luglio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy