Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 26 SETTEMBRE 2017
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Alzheimer. Le alterazioni del sonno profondo contribuiscono alla sua insorgenza

Le alterazioni del sonno profondo potrebbero aumentare la quantità di beta amilode nel liquido cerebrospinale. Un cattivo sonno, nel tempo, si associa a livelli più elevati di proteina Tau nel liquido cefalorachiano (CSF). Lo hanno rilevato Yo-El Ju e colleghi della Scuola di Medicina della Washington University di St. Louis.

14 LUG - (Reuters Health) –Le proteine Beta amiloide e Tau costituiscono le placche e i grovigli che sono il segno distintivo della malattia di Alzheimer. Alcuni studi hanno dimostrato che i livelli di Beta amiloide diminuiscono durante il sonno e si innalzano durante la veglia e che anche solo una notte senza sonno ne innalza i livelli.
 
Tuttavia non è chiaro quale preciso aspetto della disfunzione del sonno possa causare l’accumulo della proteina; forse l’interruzione del sonno a onde lente, che corrisponde alla fase più profonda del sonno quella senza sogni, quando le cellule cerebrali (neuroni) sono a riposo, perché in quel momento i livelli di beta amiloide scendono. Siccome le cellule cerebrali rilasciano amiloide durante l’attività, si suppone che se le cellule cerebrali non riescono a”riposare” con il sonno profondo producono un eccesso di amiloide.

Lo studio
Partendo da questa premessa, Yo-El Ju e colleghi della Scuola di Medicina della Washington University di St. Louis hanno monitorato il sonno di 17 individui tra i 35 e i 65 anni di età ed è emerso che il sonno profondo interrotto era seguito da elevati livelli di beta amiloide nel liquidi cerebrospinale al mattino.“La proteina Tau richiede più tempo per arrivare dal cervello fino al midollo spinale per cui abbbiamo monitorato il sonno della settimana precedente e abbiamo scoperto che peggiore era stato il sonno, maggiore era la quantità di Tau accumulata nel CSF”, dice Ju.
 
Ovviamente lo studio non dimostra se e come il sonno interrotto contribuisca al rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer, ma sicuramente in qualche modo le due cose sono associate attraverso un possibile meccanismo. Il team sta studiando adesso se il trattamento delle apnee ostruttive del sonno possa ridurre i livelli di Tau e Beta amilode e, potenzialmente, il rischio di Alzheimer.


Fonte: Brain

Anne Harding

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

14 luglio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy