Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 27 SETTEMBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

OMS. Rischio epidemia colera da Yemen ad Arabia Saudita

di Tom Miles

Lo Yemen è colpito da un’epidemia di colera, anche se nelle ultime settimane il numero delle vittime si è drasticamente ridotto. L’OMS teme che  questa infezione possa propagarsi fino in Arabia Saudita, dove a settembre milioni di persone s’incontreranno per l’annuale pellegrinaggio alla Mecca

17 LUG - (Reuters Health) – Un’epidemia di colera che sta interessando lo Yemen, con 332 mila persone colpite, potrebbe diffondersi in Arabia Saudita in coincidenza con il pellegrinaggio dei fedeli alla Mecca, a settembre. È la preoccupazione espressa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) venerdì scorso. Il pellegrinaggio muove dai due ai quattro milioni di musulmani ogni anno, compresi 1,5-2 milioni di stranieri, facendo aumentare il rischio di diffusione di malattie quali febbre dengue, febbre gialla, Zika virus e malattie menigococciche, incluso il colera. Secondo Dominique Legros, esperta di colera dell’OMS, in Arabia Saudita sono anni che non si verifica un’epidemia di questa infezione, grazie all’aumento della sorveglianza e ai test rapidi per intercettare i casi in fase iniziale. Ad ogni modo, l’esperta è convinta che l’Arabia Saudita sia “ben preparata” per un’eventuale emergenza.

Come si manifesta la malattia
Il tempo di incubazione della malattia, che causa diarrea, è di poche ore. E una volta che i sintomi hanno inizio, il colera può uccidere entro qualche ora se il paziente non viene trattato tempestivamente. Tuttavia, come sottolinea Legros, le persone che manifestano sintomi sono solo la punta dell’iceberg, mentre l’80% dei pazienti non ha sintomi. “È per questo che consigliamo di eseguire test negli aeroporti”, ha spiegato l’esperto. In Yemen il numero di nuovi casi è continuato ad aumentare di circa seimila unità al giorno, anche se il numero di morti sembra essere in flessione, essendo passato da 20-40 al giorno delle scorse settimane a nove nell’ultima.

Fonte: Reuters Health News

Tom Miles

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

17 luglio 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy