Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 17 NOVEMBRE 2017
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Oms: giornata mondiale della sepsi. Congresso on line per insegnare a prevenirla e curarla. L'intervento video del Dg Oms 

Congresso Mondiale di Sepsis: “Sepsis materna e neonatale", un congresso online gratuito che accende i riflettori su questi aspetti trascurati della sepsi. Tedros Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms: "Ecco cosa si può fare per ridurre il rischio di sepsi". LA RISOLUZIONE OMS.

12 SET - Il 12 settembre è per l’Oms la giornata mondiale della Sepsi.

La sepsi è una condizione pericolosa per la vita che si presenta quando la risposta del corpo all'infezione provoca lesioni ai propri tessuti e organi. Poiché le infezioni complicano spesso malattie gravi, la sepsi è una via che spesso porta alla morte sia nelle malattie trasmissibili che non trasmissibili in tutto il mondo. 

Se la sepsi si sviluppa durante la gravidanza, durante o dopo la nascita, o dopo un aborto, si chiama sepsi materna. La sepsi nei neonati è chiamata sepsi neonatale.

Alla vigilia della Giornata mondiale della sepsi 2017, Oms e Hrp (il programma speciale per la ricerca, lo sviluppo e la formazione in materia di ricerca nella riproduzione umana del Programma UNDP / UNFPA / UNICEF / WHO / World Bank) si sono uniti con l'Alliance Global Sepsis per ospitare lo "Spotlight” del Congresso Mondiale di Sepsis: “Sepsis materna e neonatale", un congresso online gratuito che accende i riflettori su questi aspetti trascurati della sepsi, a cui è possibile accedere e partecipare da questo link: https://wscspotlight.org/.


Basandosi sulla risoluzione approvata dagli Stati membri dell'OMS presso l'Assemblea mondiale della sanità del 2017 per affrontare la prevenzione, la diagnosi e la gestione della sepsi, l'OMS sta svolgendo un ruolo importante nell'Iniziativa Globale sulla Sepsia materna e neonatale.

Inoltre, l'OMS e HRP stanno collaborando con i partner per sostenere un grande studio multi-paese sulla sepsi materna in più di 500 strutture sanitarie in 54 paesi, al fine di comprendere meglio la prevalenza della sepsi materna e anche come viene impedita e trattata il mondo.
Da domani, 13 settembre, sarà attivo un sito per la prevenzione e cura della sepsi nel mondo:  http://srhr.org/sepsis

Fattori di rischio
Quando le strutture sanitarie sono sovraffollate, le donne con risorse insufficienti corrono maggiori rischi di infezione e sepsi. Le donne che subiscono tagli cesarei in queste condizioni sono a rischio ancora maggiore. 
Anche i lavoratori sanitari sono spesso ignari dei segni e dei sintomi della sepsi e non sono in grado di riconoscere la condizione e di trattarla in tempo.
 
Le migliaia di morti causate dalla sepsi potrebbero essere state evitate. Come illustra Tedros Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms, nel suo intervento in video, “sappiamo cosa si può fare per ridurre il rischio di sepsi:
























































· accesso ad acqua pulita e igiene;
· accesso alla cure di qualità durante la gravidanza e la nascita;
· responsabile e tempestivo accesso ai giusti farmaci;
· corretta prevenzione e controllo delle infezioni negli ospedali e nelle cliniche.
Inoltre, gli operatori sanitari devono essere adeguatamente formati per poter riconoscere i segni della sepsi e per curare in modo efficace tale condizione”.




 

12 settembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy