Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 06 FEBBRAIO 2023
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Malattie mentali e diete povere tra i big killer del Millennio

di Kate Kelland

Non solo tumori e malattie cardiovascolari. Tra i big killer del Nuovo Millennio dobbiamo inserire anche disordini mentali e regimi alimentari insufficienti. Un trend messo a fuoco dallo studio Global Burden of Disease, pubblicato da The Lancet

18 SET - (Reuters Health) – Le malattie cardiache e il tabacco, insieme alle guerre e al terrorismo, sono i più pericolosi killer per la salute dell’uomo, che è minacciata anxche da diete povere di nutrienti e i disordini mentali, cause dirette di gravi malattie che possono portare alla morte. A certificare questa evidenza epidemiologica è lo studio Global Burden of Disease (GBD) che ha rilevato come l’aumento dell’aspettativa di vita sia proporzionale a quello degli anni in cui le persone vivono in cattive condizioni di salute. E questo trend è maggiormente evidente nei paesi poveri. “La morte è il motivo che ci spinge a contrastare tenacemente le malattie più gravi, ma forse prestiamo troppo poca attenzione alle cause di queste malattie”, dice Christopher Murray, direttore dell’Istituto per la Metrics Health and Evaluation (IHME) presso l’Università di Washington, che ha condotto lo studio.

Già lo studio IHME nel 2016, che ha coinvolto più di 2.500 ricercatori in circa 130 paesi, aveva attribuito alla dieta povera circa un deesso su 5i in tutto il mondo, mentre il tabagismo è responsabile della morte di 7,1 milioni di persone. Le diete a basso contenuto di cereali integrali, frutta, noci e semi, olii di pesce e ad elevato contenuto di sale, son oi fattori di rischio più comuni per casi di casi di obesità, ipertensione, iperglicemia e ipercolesterolemia.

Lo studio ha messo anche in evidenza che i decessi da armi da fuoco, conflitti e atti di terrorismo sono aumentati globalmente e che le malattie non trasmissibili o croniche, come le cardiopatie e il diabete, provocano il 72% di tutte le morti in tutto il mondo. In particolare le cause principali di morte prematura nella maggior parte del mondo sono le malattie cardiache, che hanno ucciso 9,48 milioni di persone nel 2016. Le malattie mentali si sono rivelate pure molto aggressive nei confronti dei pazienti e della società, con 1,1 miliardi di persone che vivono con disturbi psicologici o psichiatrici e problemi di abuso di sostanze nel 2016. I principali disturbi depressivi sono classificati nelle prime 10 cause di malattia in tutti i continenti.

Fonte: The Lancet 2017

Kate Kelland

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

18 settembre 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy