Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 21 SETTEMBRE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Gabapentin in associazione a oppioidi aumenterebbe rischio depressione respiratoria

di Will Boggs

Il gabapentin è comunemente usato come trattamento aggiuntivo nel dolore cronico. Ma assunto insieme a farmaci oppioidi determinerebbe un aumento del rischio di morte improvvisa correlata agli oppioidi. Uno studio su PLoS Medicine

09 OTT - (Reuters Health)– L'assunzione concomitante di gabapentin e oppioidi aumenterebbe del 60% il rischio di morte correlata a oppioidi. Una percentuale che salirebbe, con l'aumento del dosaggio di gabapentin. È quanto avrebbe evidenziato uno studio pubblicato su PLoS Medicine e guidato da Tara Gomes del St. Michael's Hospital e dell'Università di Toronto, in Canada.
 
Il gabapentin è comunemente usato come trattamento aggiuntivo nel dolore cronico, ma può anche indurre depressione respiratoria, tanto che in etichetta è riportata l'avvertenza che può provocare questo effetto collaterale in associazione con gli oppiacei.
 
Per lo studio, Gomes e colleghi hanno preso le informazioni da diversi database canadesi per esaminare se la concomitante terapia con gabapentin è associata ad un aumento del rischio di morte accidentale correlata agli oppioidi. Dai risultati è emerso che la probabilità di una morte correlata agli oppioidi era del 49% più alta tra le persone che assumevano gabapentin e oppiacei, rispetto a coloro che venivano trattati solo con oppiacei.

 
Una dose moderata di gabapentin, tra i 900 e 1800 mg, sarebbe associata ad un aumento del 56% del rischio di morte associata ad oppioidi, mentre alte dosi, oltre i 1800 mg, sarebbero associate a un aumento del 58% e infine dosi molto alte, oltre i 2500 mg, con un aumento del rischio dell'83%.
 
Secondo Toby Weingarten, della Mayo Clinic di Rochester, in Minnesota, “i risultati di questo studio sono preoccupanti e dimostrano che l'uso di queste terapie non deve essere preso alla leggera e la loro assunzione deve essere monitorata con attenzione”.
 
“Quando si prescrive gabapentin, le dosi dovrebbero essere aumentate lentamente fino a raggiungere quelle terapeutiche”, ha inoltre precisato l'esperto.
 
Mentre Alyssa Peckham, del Midwestern University College of Pharmacy di Glendale, in Arizona, ha spiegato che “il gabapentin è un farmaco che potrebbe essere soggetto a un potenziale abuso da parte dei pazienti trattati negli USA e in Canada, per cui il suo utilizzo dovrebbe essere tenuto sotto stretto controllo”.
 
Fonte: PLoS Medicine
 
Will Boggs
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science)

09 ottobre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy