Quotidiano on line
di informazione sanitaria
17 DICEMBRE 2017
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Antibiotico resistenza. Senza nuovi farmaci a rischio chirurgia e terapia del cancro. Un nuovo dossier dell’OMS

Senza contare che il costo dell'assistenza sanitaria per i pazienti con infezioni resistenti è superiore a quello per la cura dei pazienti con infezioni non resistenti a causa della durata della malattia, test addizionali e uso di farmaci più costosi. Globalmente, ad esempio, ogni anno 480.000 persone sviluppano una tubercolosi resistente a molteplici farmaci e la resistenza ai farmaci sta cominciando a complicare anche la lotta contro l'HIV e la malaria. PIANO DI AZIONE GLOBALE SULLA RESISTENZA ANTIMICROBICA; RESISTENZA ANTIMICROBICA: RELAZIONE SULLA SORVEGLIANZA; ANALISI SITUAZIONI MONDIALI DI RISPOSTA ALLA RESISTENZA ANTIMICROBICA

10 OTT - La resistenza antimicrobica (AMR) minaccia la prevenzione e il trattamento di una serie sempre crescente di infezioni causate da batteri, parassiti, virus e funghi. L'AMR è un pericolo sempre più grave per la salute pubblica globale e richiede, secondo l’Oms, azioni in tutti i settori governativi e della società.

Nella sua ultima scheda aggiornata a ottobre 2017, l’Oms sottolinea che senza antibiotici efficaci, il successo di gran parte della chirurgia e della chemioterapia del cancro sarebbe compromesso.

Il costo dell'assistenza sanitaria per i pazienti con infezioni resistenti è superiore a quello per la cura dei pazienti con infezioni non resistenti a causa della durata della malattia, test addizionali e uso di farmaci più costosi.

Globalmente, ad esempio, ogni anno 480.000 persone sviluppano una tubercolosi resistente a molteplici farmaci e la resistenza ai farmaci sta cominciando a complicare anche la lotta contro l'HIV e la malaria.

Che cosa è la resistenza antimicrobica
La resistenza antimicrobica si verifica quando i microrganismi (come i batteri, i funghi, i virus e i parassiti) cambiano nel momento in cui vengono esposti a farmaci antimicrobici (come antibiotici, antimicotici, antivirali, malattie antimalariche e antihelminici). I microrganismi che sviluppano la resistenza antimicrobica sono talvolta chiamati "superbugs".

Di conseguenza, i farmaci diventano inefficaci e le infezioni persistono nel corpo aumentando il rischio di diffusione agli altri.

Perché la resistenza antimicrobica è una preoccupazione globale
Nuovi meccanismi di resistenza emergono e si diffondono a livello mondiale, minacciando la capacità di trattare le comuni malattie infettive, con conseguente malattia prolungata, disabilità e morte.
Senza antimicrobici efficaci per la prevenzione e il trattamento delle infezioni, le procedure mediche come il trapianto di organi, la chemioterapia del cancro, la gestione del diabete e la chirurgia maggiore (ad esempio, parti cesarei o sostituzioni dell'anca) presentano un rischio molto elevato.

La resistenza antimicrobica aumenta il costo dell'assistenza sanitaria con soggiorni più lunghi negli ospedali e richiede una maggiore assistenza intensiva.

La resistenza antimicrobica mette a rischio i guadagni degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio e mette in pericolo il conseguimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Cosa accelera l'emergere e la diffusione della resistenza antimicrobica
La resistenza antimicrobica avviene naturalmente nel tempo, di solito attraverso i cambiamenti genetici. Tuttavia, l'uso improprio e l'uso eccessivo di antimicrobici sta accelerando questo processo. 
In molti luoghi, gli antibiotici sono abusati in persone e animali e spesso prescritti senza una supervisione professionale. 

Esempi di abuso sono quando vengono presi da persone con infezioni virali come raffreddori e influenza, e quando vengono somministrati come promotori di crescita negli animali.
I microbi resistenti agli antimicrobici si trovano nelle persone, negli animali, nel cibo e nell'ambiente (in acqua, suolo e aria). Si possono diffondersi tra persone e animali, e da persona a persona. 

Il cattivo controllo delle infezioni, le condizioni sanitarie inadeguate e la manipolazione del cibo inappropriata incoraggiano la diffusione della resistenza antimicrobica.

Resistenza nei batteri
Attualmente la resistenza agli antibiotici è presente in ogni paese.
I pazienti con infezioni causati da batteri resistenti ai farmaci presentano maggiori rischi di ottenere risultati clinici peggiori e morti e consumano più risorse sanitarie rispetto ai pazienti infetti da ceppi non resistenti degli stessi batteri.

La scheda dell’Oms fa alcuni esempi.
La resistenza a Klebsiella pneumoniae - batteri intestinali comuni che possono causare infezioni pericolose per la vita - a uno dei più recenti trattamenti (antibiotici di carbapenem) si è diffusa in tutte le regioni del mondo. K. pneumoniae è causa principale delle infezioni acquisite in ospedale come la polmonite, le infezioni del sangue e le infezioni nei neonati e nei pazienti in terapia intensiva. In alcuni paesi, a causa della resistenza, gli antibiotici di carbapenem non funzionano in più della metà delle persone trattate per le infezioni da K. pneumoniae .

La resistenza a E. coli a uno dei medicinali più utilizzati per il trattamento delle infezioni delle vie urinarie (antibiotici del fluorochinolone) è molto diffusa. Ci sono paesi dove questo trattamento è inefficace in più della metà dei pazienti.

La resistenza all'ultima soluzione farmacologica per la gonorrea (antibiotici di cefalosporina di terza generazione) è stata confermata in almeno 10 paesi (Australia, Austria, Canada, Francia, Giappone, Norvegia, Slovenia, Sudafrica, Svezia e Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord).
L’Oms ha recentemente aggiornato le linee guida per la gonorrea per affrontare la resistenza emergente. Le nuove linee guida non raccomandano quinoloni (una classe di antibiotici) per il trattamento della gonorrea a causa degli elevati livelli di resistenza. Inoltre, sono state aggiornate anche le linee guida per le infezioni da chlamydia e la sifilide.

La resistenza ai farmaci per il trattamento di infezioni causate da Staphlylococcus aureus - una causa comune di infezioni gravi nelle strutture sanitarie e nella comunità - è diffusa. Le persone con MRSA (staphylococcus aureusresistenti alla meticillina ) hanno il 64% in più probabilità di morire rispetto alle persone con una forma non resistente dell'infezione.

Colistin è l'ultima terapia per le infezioni pericolose causate da Enterobacteriaceae resistenti ai carbapenemi. La resistenza alla colistina è stata recentemente rilevata in diversi paesi e regioni, rendendo infezioni causate da tali batteri non trattabili.

Resistenza alla tubercolosi (TB)
L'Oms stima che nel 2014 ci sarebbero stati circa 480.000 nuovi casi di tubercolosi resistente ai farmaci multi-resistenti (MDR-TB), una forma di tubercolosi resistente ai 2 più potenti farmaci anti-TB. Solo circa un quarto di questi (123.000 casi) sono stati rilevati e segnalati. MDR-TB richiede cicli di trattamento che sono molto più lunghi e meno efficaci di quelli per TB non resistente. In tutto il mondo, solo la metà dei pazienti MDR-TB è stata trattata con successo nel 2014.

Tra i nuovi casi di TB nel 2014, circa il 3,3% si è rivelato resistente ai farmaci multidrug. La percentuale è maggiore tra le persone precedentemente trattate per la TB, al 20%.
Tubercolosi resistente ai farmaci (XDR-TB), una forma di tubercolosi resistente a almeno 4 dei farmaci anticorpi anti-TB, è stata identificata in 105 paesi. Circa il 9,7% delle persone con MDR-TB hanno XDR-TB.

Resistenza alla malaria
A luglio 2016 è stata confermata la resistenza al trattamento di elezione per la malaria di P. falciparum (terapie combinate con artemisinina, noto anche come ACT) in 5 paesi della subregione del Grande Mekong (Cambogia, Repubblica democratica popolare del Laos, Myanmar , Thailandia e Vietnam). In molti casi, i pazienti con infezioni resistenti alla artemisinina recuperano completamente dopo il trattamento, purché trattati con un ACT contenente un farmaco efficace. Tuttavia, lungo il confine Cambogia-Thailandia, P. falciparum è diventato resistente a quasi tutti i farmaci antimalarici disponibili, rendendo il trattamento più impegnativo e richiedendo un monitoraggio attento. Esiste un rischio reale che la resistenza alla multidrugs si espanda presto anche in altre parti della subregione. La diffusione di ceppi resistenti in altre parti del mondo potrebbe costituire una grande sfida per la salute pubblica e compromettere importanti successi recenti nel controllo della malaria.
Una " strategia dell'Oms per l'eliminazione della malaria nella subregione del Grande Mekong (2015-2030) " è stata approvata da tutti e cinque i paesi e dalla Cina.

Resistenza all'HIV
Nel 2010, circa il 7% delle persone che iniziano la terapia antiretrovirale (ART) nei paesi in via di sviluppo aveva resistenza ai farmaci. Nei paesi sviluppati, la stessa cifra era del 10-20%. Alcuni paesi hanno recentemente riportato livelli superiori al 15% di quelli che hanno iniziato il trattamento per l'HIV e fino al 40% tra le persone che hanno ripreso il trattamento. 

L'aumento dei livelli di resistenza ha importanti implicazioni economiche, in quanto i regimi di seconda e terza linea sono 3 volte e 18 volte più costosi rispetto ai farmaci di prima linea.

Dal settembre 2015, l'Oms ha raccomandato che tutti coloro che vivono con l'HIV inizino con un trattamento antiretrovirale. L'uso più elevato di ARM dovrebbe aumentare ulteriormente la resistenza in tutte le regioni del mondo. Per massimizzare l'efficacia a lungo termine dei regimi ART di prima linea e per garantire che le persone stiano assumendo il regime più efficace, è essenziale continuare a monitorare la resistenza e minimizzarne la sua ulteriore diffusione. In consultazione con i paesi, i partner e le parti interessate, l'Oms sta attualmente sviluppando un nuovo " Piano d'azione globale per la resistenza ai farmaci contro l'HIV (2017-2021) ".

Resistenza all'influenza
I farmaci antivirali sono importanti per il trattamento di influenza epidemica e pandemica. Finora, praticamente tutti i virus dell'influenza A circolanti nell'uomo erano resistenti a una categoria di farmaci antivirali - inibitori M2 (amantadina e rimantadina). Tuttavia, la frequenza di resistenza all'oslamatore di neuraminidasi oseltamivir rimane bassa (1-2%). La suscettibilità antivirale è costantemente monitorata attraverso il sistema globale di sorveglianza e risposta dell'influenza dell'Oms.

Necessità di un'azione coordinata
La resistenza antimicrobica è un problema complesso che colpisce tutta la società ed è legato a molti fattori interconnessi. I singoli interventi isolati hanno un impatto limitato. È necessaria un'azione coordinata per ridurre al minimo l'emergere e la diffusione della resistenza antimicrobica.
Tutti i paesi hanno bisogno di piani d'azione nazionali su AMR.
Maggiore innovazione e investimenti sono necessari per la ricerca e lo sviluppo di nuovi farmaci antimicrobici, vaccini e strumenti diagnostici.

Risposta dell'Oms
L'Oms sta fornendo assistenza tecnica per aiutare i paesi a sviluppare i loro piani d'azione nazionali e rafforzare i loro sistemi di sorveglianza e di salute in modo da impedire e gestire la resistenza antimicrobica. 

L'Oms sta lavorando a stretto contatto con l'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) e l'Organizzazione mondiale per la salute degli animali (OIE) in un approccio "One Health" per promuovere le migliori pratiche per evitare l'emergere e la diffusione della resistenza antibatterica, l'uso di antibiotici sia negli esseri umani che negli animali.

Una dichiarazione politica approvata dai capi di Stato all'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York nel settembre 2016 ha segnalato l'impegno del mondo ad adottare un approccio ampio e coordinato per affrontare le cause fondamentali della resistenza antimicrobica in diversi settori, in particolare la salute umana, la salute degli animali e agricoltura. 

L'Oms ha messo in campo molteplici iniziative per affrontare la resistenza antimicrobica:

Giornata mondiale di sensibilizzazione antibiotica
Tenuto ogni novembre dal 2015 con il tema "Antibiotici: maneggiare con cura", la campagna globale e pluriennale ha un volume crescente di attività durante la settimana in cui si svolge.

Il sistema globale di sorveglianza della resistenza antimicrobica (GLASS)
Il sistema sostenuto dall'Oms supporta un approccio standardizzato per la raccolta, l'analisi e la condivisione di dati relativi alla resistenza antimicrobica a livello globale per informare il processo decisionale, condurre azioni a livello locale, nazionale e regionale.

Global Partnership per la ricerca e lo sviluppo degli antibiotici (GARDP)
L'iniziativa congiunta dell'Oms e di Iniziative contro la droga per le malattie trascurate (DNDi), GARDP incoraggia la ricerca e lo sviluppo attraverso partenariati pubblico-privato. Entro il 2023, la partnership mira a sviluppare e distribuire fino a quattro nuovi trattamenti, migliorando gli antibiotici esistenti e accelerando l'ingresso di nuovi farmaci antibiotici.

Gruppo di coordinamento interagenzia sulla resistenza antimicrobica (IACG)
Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha istituito l'IACG per migliorare il coordinamento tra le organizzazioni internazionali e per assicurare un'azione efficace globale contro questa minaccia per la sicurezza sanitaria. 
L'IACG è co-presieduto dal segretario generale delle Nazioni Unite e dal direttore generale dell'Oms e comprende rappresentanti di alto livello delle agenzie delle Nazioni Unite, delle altre organizzazioni internazionali e di esperti individuali in diversi settori.

10 ottobre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy