Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 18 DICEMBRE 2017
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Vaccini: il 17 ottobre riunione Oms del Gruppo internazionale di coordinamento sulla fornitura di vaccini per garantire scorte immediate in caso di epidemie

La gestione delle scorte d'emergenza di vaccini è diventata sempre più complessa, secondo l’Oms, a causa del crescente numero di epidemie, del numero di paesi in grado di accedere alle scorte, delle nuove scorte di vaccini gestite dal Gruppo internazionale di coordinamento sulla fornitura di vaccini (ICG), dell'aumento del numero di soggetti coinvolti nella risposta epidemica e di un fragile mercato dell'offerta vaccinale. L’Oms ha programmato per il 17 ottobre una riunione per raggiungere l'accordo sulle azioni per migliorare la governance, l'accessibilità e la gestione delle scorte di emergenza, la loro composizione, la trasparenza dei processi decisionali e i processi di comunicazione interna e esterna. TERMINI DI RIFERIMENTO PER LA VALUTAZIONE ESTERNA DEL ICGREVISIONE DEL GRUPPO INTERNAZIONALE SULLA DISPONIBILITÀ DEI VACCINI (2006-2016)

12 OTT - Mentre in Italia, dopo l’introduzione dell’obbligo vaccinale, si accendono discussioni su eventuali interessi economici che potrebbero sottostare alla scelta, nel mondo – sotto la guida dell’Oms, ma non solo – si programmano interventi per avere a disposizione scorte sufficienti di vacc9ini almeno per le patologie più gravi che potrebbero da un momento all’altro generare  epidemie altrimenti non controllabili.

 
La gestione delle scorte d'emergenza di vaccini è diventata sempre più complessa, secondo l’Oms, a causa del crescente numero di epidemie, del numero di paesi in grado di accedere alle scorte, delle nuove scorte di vaccini gestite dall'ICG (Gruppo internazionale di coordinamento sulla fornitura di vaccini), dell'aumento del numero di soggetti coinvolti nella risposta epidemica e di un fragile mercato dell'offerta vaccinale. 
 
I partner ICG e le parti interessate hanno chiesto una valutazione esterna indipendente per evidenziare i punti di forza e le debolezze dei meccanismi di governo, di decisione e di comunicazione della ICG e di sviluppare opzioni attuabili per migliorare il funzionamento dell'ICG.
 
L'obiettivo della riunione che l’Oms ha programmato per il prossimo 17 ottobre consiste nell'accordo sulle azioni volte a migliorare la governance, l'accessibilità e la gestione delle scorte di emergenza di vaccini specifiche per le malattie e la loro composizione, la trasparenza dei processi decisionali e i processi di comunicazione interna e esterna di ICG.
 
Ciò che dovrà risultare dalla riunione è un Piano d'azione per migliorare il funzionamento dell'ICG.
 
La valutazione esterna indipendente del gruppo internazionale di coordinamento sul meccanismo di vaccinazione (ICG) esaminerà il meccanismo internazionale unico, frutto di un partenariato tra IFRC, MSF, UNICEF e OMS che considera le domande dei paesi per i vaccini contro colera, meningite e focolai di febbre gialla. 
 
I partner ICG utilizzano le loro competenze tecniche e la loro conoscenza del settore per prendere decisioni che consentano entro 48 ore di rilasciare stock di emergenza di vaccini per epidemie di queste tre malattie epidemiche e far raggiungere dai rispettivi vaccini salvavita i paesi entro una settimana. Ad esempio, solo l'anno scorso più di 35 milioni di dosi sono state fornite ai paesi per fermare epidemie potenzialmente pericolose.
 
La Richiesta di Proposte (RFP) per i fornitori di servizi di valutazione è stata lanciata sul mercato globale delle Nazioni Unite l'8 maggio scorso. La pubblicazione della RFP segna il punto di partenza della valutazione del meccanismo esterno ICG. Le organizzazioni associate a ICG (IFRC - Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna -, MSF - Medici senza frontiere -, Unicef ​​e Oms) e i vari partner hanno deciso di condurre questa valutazione per prendere decisioni che migliorino la governance di ICG, il suo meccanismo relativo alla gestione e all'accessibilità delle scorte di emergenza specifiche per le malattie e la loro composizione, la trasparenza dei processi decisionali e la comunicazione interna ed esterna di ICG. 
 
La valutazione propone inoltre opzioni per rendere il meccanismo ICG adatto per la gestione di epidemie sempre più complesse che sono previste nel XXI secolo.
 
Sebbene le epidemie di meningite, febbre gialla e colera siano eventi imprevedibili, infatti, possono essere controllati con l'uso tempestivo del vaccino. 
 
Le malattie prevenibili dal vaccino influiscono tipicamente sulle persone in situazioni vulnerabili che hanno accesso limitato ai vaccini. Ma i vaccini possono richiedere mesi per essere prodotti e non sono sempre prontamente disponibili nella quantità necessaria durante le emergenze. 
 
Le carenze risultanti hanno sollevato problemi difficili su come le risorse limitate dovrebbero essere assegnate in periodi di forte domanda.
 
Per questo motivo, dopo che le organizzazioni sanitarie pubbliche si sono trovate impreparate a rispondere tempestivamente a una diffusione di meningite su vasta scala in Nigeria, alcune di queste agenzie hanno creato nel 1997 il gruppo internazionale di coordinamento (ICG) sulla fornitura di vaccini che ha lavorato da allora per gestire le scorte di vaccino per l'uso di emergenza durante le epidemie.
 


12 ottobre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy