Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 14 NOVEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Acqua e bicarbonato aiuterebbero a eliminare residui di pesticidi sulle mele

La miscela sarebbe più efficace di quella a base di candeggina, utilizzata in realtà solo per rimuovere batteri e sostanze organiche dalla superficie del frutto

30 OTT - (Reuters Health) - Lavare le mele in acqua con un pizzico di bicarbonato di sodio sarebbe il metodo più efficace per rimuovere i residui di pesticidi. Il mix, secondo un team di ricercatori guidato da Lili He,dell'Università del Massachusetts ad Amherst, sarebbe risultato più efficace dei disinfettanti a base di candeggina. La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Agricultural and Food Chemistry.

La premessa
I pesticidi sono largamente utilizzati in agricoltura per uccidere insetti, funghi e altri parassiti. Questi prodotti chimici possono infettare però anche gli essere umani, ma la maggior parte di noi è esposta a quantità così ridotte da non essere un pericolo, almeno secondo lEPA (Environmental Protection Agency). Molte persone lavano i cibi per eliminare i residui di pesticidi, ma non è stato mai studiato quanto questa pratica effettivamente fosse efficace.

Lo studio
Per capire gli effetti di acqua e bicarbonato, He e colleghi hanno trattato le mele con tiabendazolo, un fungicida, o con Phosmet, un prodotto utilizzato per uccidere diversi parassiti. Quindi hanno lavato la frutta con acqua, o con una miscela di acqua e candeggina o acqua e bicarbonato di sodio. Attraverso test super-sensibili e ad alta tecnologia, i ricercatori americani sono andati a cercare sulla superficie della mela o all'interno i residui, misurando la loro concentrazione.


Così, hanno evidenziato che risciacquare le mele con acqua e bicarbonato per 12 minuti sarebbe stato più efficace nella rimozione di tiabendazolo dalla buccia, mentre prolungare il tempo fino a 15 minuti sarebbe stato più efficace nel rimuovere il Phosmet. Alcuni pesticidi sarebbero in grado di oltrepassare la superficie della mela, con il tiabendazolo che andrebbe quattro volte più in profondità del Phosmet, e in questo caso nessuno dei metodi di lavaggio sarebbe riuscito a rimuovere i residui di pesticidi completamente.

Alla ricerca di una soluzione
Dopo la raccolta, l'EPA richiede agli agricoltori di immergere le mele per due minuti in una miscela di acqua e candeggina, per rimuovere batteri e altre sostanze inorganiche, ma non per eliminare i pesticidi, ha evidenziato He. Mentre “l'ideale sarebbe trovare un trattamento che elimini entrambi”, ha spiegato la ricercatrice.

“La soluzione di acqua e bicarbonato è probabilmente più efficace perché potrebbe rompere le molecole di pesticidi oltre a lavare altri tipi di prodotti - ha evidenziato He - anche se questo potrebbe dipendere dalla struttura dei frutti e delle verdure”. La concentrazione usata per lo studio è stata di un cucchiaino di bicarbonato per due bicchieri d'acqua, ma secondo He “non bisogna essere precisi, basta aggiungerne un po'”, ha concluso.

Fonte: Journal of Agricultural and Food Chemistry

Anne Harding

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Nutri&Previeni)

30 ottobre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy