Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 13 NOVEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Chi ha uno scarso sonno “profondo” potrebbe essere più soggetto a stress post-traumatico

La qualità del sonno potrebbe aiutare a capire chi è più incline a sviluppare questi disturbi perché i livelli di sonno REM contribuirebbero a modulare l'attività del cervello in seguito a un evento pauroso

31 OTT - (Reuters Health) – Il tempo trascorso in particolari stadi del sonno influisce sul benessere cognitivo ed emotivo dei pazienti e potrebbe anche servire come segno di avvertimento per future patologie. In particolare, i livelli di sonno REM - il sonno profondo - contribuirebbero a modulare l'attività del cervello e la connettività tra le diverse aree cerebrali, in seguito a un evento traumatico o pauroso. In particolare, chi dorme “a fondo” più tempo, “si riprende prima dagli stimoli paurosi. A riportarlo è stato Itamar Lerner, della Rutgers University di Newark, nel New Jersey, e colleghi, sul Journal of Neuroscience.

“Nel passato, gli studi sugli effetti del sonno, in particolare di quello REM, si sono concentrati sul ruolo nel trattamento della paura dopo che si è verificato un evento traumatico - spiega Lerner  - Questo è il primo studio sull'uomo che mostra come il sonno regolare prima di essere esposti a una situazione di paura può influire sulla futura formazione della memoria dell'evento”.

Il sonno avrebbe un ruolo significativo nei processi di apprendimento della paura. Lerner e colleghi hanno analizzato se i parametri di base del sonno, in particolare il sonno REM, valutati prima di avere un condizionamento da paura, potessero far prevedere quale sarebbe stata l'attività neuronale dopo un evento “pauroso”, in o tra regioni del cervello implicate nel processo di condizionamento dalla paura: amigdala, corteccia prefrontale ventromediale (vmPFC) e ippocampo.


Dopo aver sottoposto i partecipanti allo studio a uno stimolo pauroso, è stato osservato che l'attivazione di tutte e tre le regioni cerebrali prese in considerazione sarebbe stata inversamente correlata alla media del tempo trascorso nel sonno REM. Durante lo stimolo, l'ippocampo avrebbe modulato l'attività sia dell'amigdala che della vmPFC e il tempo medio passato nella fase REM sarebbe stato inversamente proporzionale all'interconnessione ippocampo/amigdala e ippocampo/vmPFC.

Quando gli individui stanno imparando ad avere paura di certi stimoli, coloro che hanno avuto più sonno REM avrebbero sperimentato “minore attività a livello dell'amigdala, il “centro della paura” del cervello, e altre aree cerebrali responsabili della formazione e della regolazione della memoria, tra cui ippocampo, e vmPFC - spiega Lerner - I nostri risultati possono avere implicazione nel comprendere e prevenire i disturbi dell’umore e l’ansia”. In particolare, “dal momento che una delle manifestazioni del disturbo da stress post-traumatico è il sonno disturbato, soprattutto quello REM, potrebbe essere che le anomalie del sonno non siano solo un sintomo, ma potrebbero contribuire a perpetuare le paure”.

Inoltre, secondo i ricercatori “i nostri risultati aumentano la possibilità che le anomalie del sonno REM possano servire a capire chi è più incline a sviluppare disturbo da stress post-traumatico”, ha concluso. Secondo Laura Straus, del San Francisco VA Medical Center, in California “questo studio fornisce evidenze che un sonno disturbato è un fattore di rischio per lo sviluppo di disturbo da stress post-traumatico”. E comunque, “ci sono pochi studi in questo settore”, ha sottolineato, specificando che la maggior parte “si focalizza su persone sane e non su pazienti per esempio con disturbo da stress post-traumatico”.

Katherine Miller, del VA Palo Alto Healthcare System, in California, è d'accordo sulla possibilità di considerare il sonno come un biomarker per identificare individui che possono essere più protetti o più vulnerabili a traumi. “Questi risultati evidenziano l'importanza della salute del sonno”, anche se Miller stessa evidenzia che la ricerca è stata condotta su studenti universitari che non hanno avuto problemi psicologici.

Fonte: Journal of Neuroscience

Will Boggs

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

31 ottobre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy