Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 16 OTTOBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Antibiotici. Il problema è anche tra gli animali. Nuove linee guida Oms

In alcuni paesi, circa l'80% del consumo totale di antibiotici di rilevanza medica è nel settore degli animali, in gran parte per la promozione della crescita in quelli sani. Da qui le linee guida Oms per contenere il fenomeno perché uso improprio ed eccessivo degli antibiotici negli animali contribuisce alla crescente minaccia della resistenza antimicrobica. Aggiornate anche le linee guida per uso umano. LINEE GUIDA OMS SULL'USO DI ANTIMICROBICI IN ANIMALI CHE PRODUCONO CIBO - ANTIMICROBICI IMPORTANTI PER LA MEDICINA UMANA V REVISIONE - PIANO D'AZIONE GLOBALE CONTRO LA RESISTENZA ANTIMICROBICA

08 NOV - Stop all’uso degli antibiotici per promuovere la crescita e prevenire la malattia negli animali sani. La raccomandazione è dell’Oms agli agricoltori e all'industria alimentare e ha lo scopo di contribuire a preservare l'efficacia degli antibiotici importanti per la medicina umana riducendo il loro uso inutile negli animali.

In alcuni paesi, circa l'80% del consumo totale di antibiotici di rilevanza medica è nel settore degli animali, in gran parte per la promozione della crescita in quelli sani.

In questo senso l’Oms ha messo a punto  linee guida sull'uso di antimicrobici medici importanti negli animali che producono cibo: l'eccessivo uso e l'uso improprio degli antibiotici negli animali e negli esseri umani contribuisce alla crescente minaccia della resistenza antimicrobica.


Alcuni tipi di batteri che causano infezioni gravi negli esseri umani hanno già sviluppato una resistenza alla maggior parte o a tutti i trattamenti disponibili e ci sono ben poche opzioni promettenti nelle linee di ricerca.

"La mancanza di antibiotici efficaci è una grave minaccia alla sicurezza, un focolaio improvviso e mortale", afferma Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. "L'azione forte e sostenuta in tutti i settori è fondamentale se vogliamo bloccare la marea della resistenza antimicrobica e mantenere il mondo al sicuro".

Una revisione sistematica pubblicata in The Lancet Planetary Health ha rilevato che gli interventi che limitano l'uso degli antibiotici negli animali utilizzati per produrre cibo hanno ridotto i batteri resistenti agli antibiotici in questi animali fino al 39%. Questa ricerca ha guidato lo sviluppo delle nuove linee guida dell'Oms.

Gli animali sani secondo l’Oms devono ricevere antibiotici solo  per prevenire le malattie se sono stati diagnosticati in altri animali nello stesso gregge o allevamento.

Dove possibile, gli animali malati devono essere sottoposti a test per determinare l'antibiotico più efficace e a minor rischio per curare la loro specifica infezione.

Gli antibiotici utilizzati negli animali dovrebbero essere selezionati tra quelli che l'Oms ha elencato come "a minor rischio " per la salute umana e non da quelli classificati come "a maggior rischio e criticità ". Questi antibiotici sono spesso l'ultima risorsa per trattare gravi infezioni batteriche nell'uomo.

"Le prove scientifiche dimostrano che l'uso eccessivo di antibiotici negli animali può contribuire all'emersione della resistenza agli antibiotici", afferma Kazuaki Miyagishima, direttore del Dipartimento per la sicurezza alimentare e le zoonosi dell'Oms. "Il volume degli antibiotici utilizzati negli animali continua ad aumentare in tutto il mondo, guidato da una crescente domanda di alimenti di origine animale, spesso prodotta con grandi allevamenti".
Molti paesi hanno già adottato misure per ridurre l'uso degli antibiotici negli animali che producono cibo.

Ad esempio, dal 2006, l'Unione europea ha vietato l'uso di antibiotici per la promozione della crescita. I consumatori stanno inoltre spingendo  la domanda di carne cresciuta senza uso routinario degli antibiotici, con alcune catene alimentari importanti che adottano politiche "antibiotiche" per i loro prodotti.

Le alternative all'uso di antibiotici per la prevenzione delle malattie negli animali includono il miglioramento dell'igiene, il miglior utilizzo della vaccinazione e le modifiche nelle pratiche di alloggiamento e di allevamento.

Le linee guida dell'Oms sull'utilizzo di antimicrobici medici importanti negli animali che producono prodotti alimentari si basano su decenni di valutazioni sul ruolo dell'uso antibiotico agricolo nella crescente minaccia della resistenza agli antibiotici. Contribuiscono direttamente agli obiettivi del piano d'azione globale sulla resistenza antimicrobica adottato dall'Assemblea mondiale della sanità nel 2015 e alla Dichiarazione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite sulla resistenza antimicrobica adottata nel 2016.

Dal 2005, l'Oms ha pubblicato un elenco di antimicrobici di particolare importanza per la medicina umana, con revisioni regolari, da utilizzare come base per promuoverne l’ uso prudente. La lista raggruppa tutti gli antibiotici attualmente utilizzati negli esseri umani e negli animali in tre categorie: "importanti", "molto importanti" e "critici", sulla base della loro importanza per la medicina umana.

L'obiettivo generale è incoraggiare l'uso prudente per rallentare la resistenza antimicrobica e preservare l'efficacia degli antibiotici più importanti per la medicina. Le nuove linee guida adottate incorporano questo obiettivo nelle raccomandazioni per l'uso di antibiotici nell'agricoltura e negli allevamenti.

Nella quinta revisione dell'elenco pubblicato nell'aprile del 2017, gli antibiotici considerati massima priorità tra gli antimicrobici di importanza critica sono i quinoloni, le cefalosporine dalla terza generazione in poi, i macrolidi e i ketolidi, i glicopeptidi e le polimine (note anche come colistina). Questi antibiotici sono essenziali per le infezioni farmaco-resisten nell'uomo.

Un numero crescente di infezioni - come la polmonite, la tubercolosi, la gonorrea e la salmonellosi  stanno diventando più difficili da trattare, poiché gli antibiotici usati per trattarle diventano meno efficaci.

La resistenza agli antibiotici porta a ricoveri più lunghi, maggiori costi medici e maggiore mortalità.

Il mondo secondo l’Oms ha urgente bisogno di cambiare il modo in cui prescrive e usa gli antibiotici. Anche se nuovi farmaci vengono sviluppati, la resistenza agli antibiotici rimane una minaccia fondamentale. Le modifiche del comportamento devono includere anche azioni per ridurre la diffusione delle infezioni attraverso la vaccinazione, il lavaggio delle mani, la pratica del sesso sicuro e la buona igiene dei prodotti alimentari.

Le indicazioni Oms per prevenire la resistenza agli antibiotici

Per prevenire e controllare la diffusione della resistenza agli antibiotici, gli individui possono:
• Usare solo antibiotici quando prescritti da un professionista sanitario certificato.
• Non chiedere mai antibiotici se il medico dice che non ce ne è bisogno.
• Seguire sempre i consigli del medico curante quando si utilizzano antibiotici.
• Non condividere mai o utilizzare antibiotici residui.
• Prevenire le infezioni regolarmente lavando le mani, preparando gli alimenti in modo igienico, evitando stretti contatti con i malati, praticando il sesso sicuro e mantenendo aggiornate le vaccinazioni.
• Preparare i prodotti alimentari in modo igienico, seguendo le cinque chiavi dell'Oms al cibo più sicuro (tenere pulito, separato e cotto, cuocere a fondo, conservare alimenti a temperature sicure, utilizzare acqua e materie prime sicure) e scegliere cibi che sono stati prodotti senza l'uso di antibiotici per promozione della crescita o prevenzione delle malattie negli animali sani.

Per prevenire e controllare la diffusione della resistenza agli antibiotici, i responsabili politici possono:
• Garantire che sia in atto un robusto piano d'azione nazionale per affrontare la resistenza agli antibiotici.
• Migliorare la sorveglianza delle infezioni resistenti agli antibiotici.
• Rafforzare le politiche, i programmi e l'attuazione delle misure di prevenzione e di controllo delle infezioni.
• Regolare e promuovere l'uso appropriato e lo smaltimento di medicinali.
• Rendere disponibili informazioni sull'impatto della resistenza agli antibiotici.

Per prevenire e controllare la diffusione della resistenza agli antibiotici, i professionisti della salute possono:
• Prevenire le infezioni assicurando che le mani, gli strumenti e l'ambiente siano puliti.
• Prescrivere e dispensare gli antibiotici solo quando sono necessari, secondo le linee guida vigenti.
• Segnalare infezioni antibiotico-resistenti.
• Parlare con i pazienti su come assumere correttamente gli antibiotici, la resistenza agli antibiotici e i pericoli di un uso improprio.
• Parlare con i pazienti per prevenire le infezioni (ad esempio, la vaccinazione, il lavaggio delle mani, il sesso sicuro,  coprire il naso e la bocca quando si starnutisce).
 
Per prevenire e controllare la diffusione della resistenza agli antibiotici, l'industria sanitaria può:
• Investire nella ricerca e nello sviluppo di nuovi antibiotici, vaccini, diagnostica e altri strumenti.
 
Per prevenire e controllare la diffusione della resistenza agli antibiotici, il settore agricolo può:
• Dare solo antibiotici agli animali sotto supervisione veterinaria.
• Non utilizzare antibiotici per promuovere la crescita o per prevenire le malattie negli animali sani.
• Vaccinare gli animali per ridurre la necessità di antibiotici e utilizzare alternative agli antibiotici quando disponibili.
• Promuovere e applicare buone pratiche in tutte le fasi della produzione e della trasformazione di alimenti da origine animale e vegetale.
• Migliorare la biosicurezza nelle aziende agricole e prevenire le infezioni attraverso una migliore igiene e il benessere degli animali.

Il Piano di azione Oms
La lotta contro la resistenza agli antibiotici è un'alta priorità per l'Oms. Un piano d'azione globale sulla resistenza antimicrobica è stato approvato all'Assemblea mondiale della sanità nel maggio 2015.

Il piano d'azione globale mira a garantire la prevenzione e il trattamento delle malattie infettive con farmaci sicuri ed efficaci.

Il "piano d'azione globale sulla resistenza antimicrobica" ha cinque obiettivi strategici:
1. migliorare la consapevolezza e la comprensione della resistenza antimicrobica;
2. rafforzare la sorveglianza e la ricerca;
3. ridurre l'incidenza dell'infezione;
4. ottimizzare l'uso di farmaci antimicrobici;
5. garantire investimenti sostenibili nel contrastare la resistenza antimicrobica.

Una dichiarazione politica approvata dai capi di Stato all'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York nel settembre 2016 ha segnalato l'impegno del mondo ad adottare un approccio ampio e coordinato per affrontare le cause fondamentali della resistenza antimicrobica in diversi settori, in particolare la salute umana, la salute degli animali e agricoltura. L'Oms supporta gli Stati membri per sviluppare piani d'azione nazionali sulla resistenza antimicrobica, basati sul piano d'azione globale.
 



08 novembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy