Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 24 OTTOBRE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Cancro al colon: dieta ricca di fibre sarebbe associata a riduzione della mortalità

di Lisa Rapaport

Dopo una diagnosi di tumore, aggiungere cinque grammi di fibre da cereali alla dieta ridurrebbe la probabilità di morire sia a causa del cancro che per qualsiasi altro motivo.

08 NOV - (Reuters Health) – Le persone che consumano alimenti ricchi di fibre o ne aumentano l’assunzione dopo una diagnosi di tumore del colon avrebbero una probabilità di morire di cancro più bassa rispetto a chi consuma meno fibre. È quanto avrebbe suggerito uno studio coordinato da Andrew Chan dell'Harvard Medical School e del Massachusetts General Hospital di Boston. Lo studio è stato pubblicato su JAMA Oncology.
 
Lo studio
I ricercatori americani hanno preso in considerazione 1.575 adulti con tumore del colon che si sono sottoposti a un'indagine sulla dieta che valutava la quantità di fibre consumate. Chan e colleghi hanno quindi tenuto sotto controllo i pazienti per almeno otto anni. Durante il follow-up, sarebbero morte 773 persone, di cui 174 di tumore.
 
Rispetto a chi assumeva meno fibre, ogni cinque grammi in più di questi composti sarebbero stati associati a una riduzione del 22% della probabilità di morire a causa di cancro al colon, nonché a una riduzione del 14% della morte per qualsiasi causa. Ma anche cambiare dieta avrebbe benefici. Sembra, inoltre, che il tipo di fibra faccia la differenza. “I cereali e gli alimenti integrali sarebbero associati al minor rischio di morire di cancro”, spiega Chan. E ogni cinque grammi in più di fibre da cereali sarebbero associati a una riduzione del rischio di morire di tumore del 33% e del rischio di morire per qualsiasi altra causa del 22%. Le fibre vegetali, invece, non sarebbero associate a una riduzione significativa del rischio di morire per tumore, ma ogni cinque grammi aggiunti alla dieta avrebbero ridotto del 17% il rischio di morire per qualsiasi altra causa. Infine, le fibre della frutta non avrebbero effetti.

 
I commenti
Secondo Samantha Hendren, dell'Università del Michigan di Ann Arbor, i più importanti fattori di rischio per il cancro del colon sono la familiarità, aver avuto polipi e aver sofferto di malattie come la colite ulcerosa. È possibile che le fibre possano avere benefici sul metabolismo che portano alla protezione dal tumore, ha ipotizzato Hendern, ma “non è chiaro perché i pazienti che hanno già un cancro vivrebbero più a lungo consumando più fibre”, ha concluso l'esperta, che non era coinvolta nello studio.
 
Fonte: JAMA Oncology

Lisa Rapaport
(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science)

 

08 novembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy