Quotidiano on line
di informazione sanitaria
17 DICEMBRE 2017
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Dolore: l’intensità di quello al viso è legata anche agli stati emotivi

Il dolore a livello del viso è frequentemente percepito con maggiore intensità rispetto a quello localizzato in altre parti del corpo. Un team di ricercatori statunitensi ha scoperto che il “percorso” che il dolore al viso fa all’interno del cervello va a “sollecitare” anche i centri legati alle emozioni e agli istinti.
 

20 NOV - (Reuters Health) – Spesso il dolore alla testa e alla faccia sembra più forte e insopportabile di quello percepito in altre parti del corpo. Il fenomeno sarebbe dovuto a uno speciale “percorso” cerebrale che aumenta la sensazione di dolori in questi siti. A evidenziarlo è uno studio condotto su animali da laboratorio da Fan Wang del Duke University Medical Center di Durham, in Carolina del Nord, e colleghi. I risultati sono stati pubblicati da Nature Neuroscience.
 
La premessa
Per indagare le motivazioni biologiche dell’intensità di questo tipo di dolore, Wang e colleghi hanno esaminato i circuiti cerebrali coinvolti nella percezione del dolore negli animali da laboratorio, concentrandosi sulle differenze tra gli stimoli dolorosi a livello del viso e della zampa. I ricercatori erano già a conoscenza del fatto che i segnali del dolore dal viso viaggiano su entrambi i lati di una zona del cervello chiamata nucleo parabrachiale laterale (PBL).
 
Il nuovo studio ha dato un’ulteriore evidenza, dimostrando che i segnali del dolore al viso viaggiano in direzione di diversi centri nel cervello legati alle emozioni e agli istinti, dai quali partono input verso il nucleo parabrachiale laterale. Al contrario, i segnali del dolore della zampa viaggiano attraverso il midollo e finiscono in una parte diversa del PBL, sul lato del cervello opposto rispetto a quello della zampa stimolata.

 
“Il dolore, in particolare quello cronico, non è solo un disturbo sensoriale, ma coinvolge emotivamente la persona - ha spiegato Wang - La scoperta dimostra che le informazioni dolorose vengono elaborate e trasmesse a seconda dello stato cerebrale interno dell’animale. In poche parole, lo stesso stimolo doloroso può essere percepito in modo più o meno grave, a seconda degli stati emotivi in corso”.
 
Secondo Arne May, dell’Universitaetsklinikum Hamburg Eppendorf, in Germania, non è ancora chiaro “perché esista un percorso del genere, ma probabilmente il motivo sta nel fatto che la porzione faccia/testa è più importante in termini di sopravvivenza”. Mentre Milind Deogaonkar, della Ohio State University di Columbus, ha sottolineato che “questi risultati confermano ciò che vedo ogni giorno nella pratica clinica”.
 
Ma a differenza di quanto auspicano gli autori dello studio, l’esperto non sarebbe a favore di un intervento chirurgico per affrontare il dolore facciale, quanto piuttosto a “una neuromodulazione dei percorsi cerebrali che contribuiscono agli aspetti emotivi del dolore”.
 
Fonte: Nature Neuroscience
 
Will Boggs
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

20 novembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy