Quotidiano on line
di informazione sanitaria
17 DICEMBRE 2017
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Degenerazione maculare. Nell’ultimo secolo è diminuita del 60%

Stando alle evidenze di uno studio pubblicato da JAMA Ophthalmology, la degenerazione maculare senile è diminuita drasticamente nel corso dell’ultimo secolo. “I baby boomers, con l’avanzare dell’età, saranno in grado di vivere più a lungo e con una vista migliore rispetto a quella che avevano i loro genitori”, dice Karen J. Cruickshanks dell’Università del Wisconsin-Madison, autrice principale dello studio che ha fatto emergere questa evidenza

27 NOV - (Reuters Health) -  Rispetto ai nostri nonni e bisnonni, abbiamo il 60% in meno di possibilità di soffrire di degenerazione maculare. Almeno per quanto riguarda il mondo occidentale. Ma ancora non è chiaro quali siano i fattori che hanno contribuito alla riduzione di questo rischio-   “Il forte declino della patologia suggerisce che ci sono molti fattori di rischio modificabili che non abbiamo ancora identificato e che potrebbe essere utile identificare per prevenire l’AMD”, commenta Karen J. Cruickshanks dell’Università del Wisconsin-Madison, autrice principale dello studio che ha fatto emergere questa evidenza.

Lo studio
Per indagare quanto e se il declino dell’AMD continuasse nelle generazioni dei ‘baby boomers’, gli autori hanno esaminato i dati del Beaver Dam Eye Study (BDES) e del Beaver Dam Offspring Study(BOSS), che hanno preso in considerazione residenti della città del Wisconsin compresi tra i 43 e gli 84 anni di età, reclutati tra il 1987 e il 1988 ,e i loro figli. L’analisi includeva 2.746 persone di BDES e 2.073 della loro progenie, tutte libere da AMD all’inizio dello studio e classificate per gruppi generazionali: la Greatest Generation (857 partecipanti allo studio nati tra il 1901 e il 1924), la Silent Generation (2.068, nata tra il 1925 e il 1945), il Baby Boom Generation (1.424, nati tra il 1946 e il 1964) e Generation X (470, nati tra il 1965 e il 1984).


L’incidenza di AMD a 5 anni è stata del 4,2% globalmente ed è aumentata con l’età. L’incidenza di AMD a cinque anni aggiustata per età e sesso è stata dell’8,8% per la generazione più grande, del 3% per la generazione silenziosa, dell’1% per i baby boomer e dello 0,3% per la generazione X. Il rischio di AMD rettificato è diminuito di oltre il 65% in ciascuna generazione.

Quando i ricercatori hanno preso in considerazione altri fattori di rischio di AMD, come il fumo, l’educazione, l’esercizio fisico e l’uso di farmaci, il crollo generazionale del rischio è leggermente diminuito, ma è rimasto significativamente stabile al 60%.

Fonte: JAMA Ophthalmology

Anne Harding

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

27 novembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy