Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 26 SETTEMBRE 2018
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Degenerazione maculare. Nell’ultimo secolo è diminuita del 60%

Stando alle evidenze di uno studio pubblicato da JAMA Ophthalmology, la degenerazione maculare senile è diminuita drasticamente nel corso dell’ultimo secolo. “I baby boomers, con l’avanzare dell’età, saranno in grado di vivere più a lungo e con una vista migliore rispetto a quella che avevano i loro genitori”, dice Karen J. Cruickshanks dell’Università del Wisconsin-Madison, autrice principale dello studio che ha fatto emergere questa evidenza

27 NOV - (Reuters Health) -  Rispetto ai nostri nonni e bisnonni, abbiamo il 60% in meno di possibilità di soffrire di degenerazione maculare. Almeno per quanto riguarda il mondo occidentale. Ma ancora non è chiaro quali siano i fattori che hanno contribuito alla riduzione di questo rischio-   “Il forte declino della patologia suggerisce che ci sono molti fattori di rischio modificabili che non abbiamo ancora identificato e che potrebbe essere utile identificare per prevenire l’AMD”, commenta Karen J. Cruickshanks dell’Università del Wisconsin-Madison, autrice principale dello studio che ha fatto emergere questa evidenza.

Lo studio
Per indagare quanto e se il declino dell’AMD continuasse nelle generazioni dei ‘baby boomers’, gli autori hanno esaminato i dati del Beaver Dam Eye Study (BDES) e del Beaver Dam Offspring Study(BOSS), che hanno preso in considerazione residenti della città del Wisconsin compresi tra i 43 e gli 84 anni di età, reclutati tra il 1987 e il 1988 ,e i loro figli. L’analisi includeva 2.746 persone di BDES e 2.073 della loro progenie, tutte libere da AMD all’inizio dello studio e classificate per gruppi generazionali: la Greatest Generation (857 partecipanti allo studio nati tra il 1901 e il 1924), la Silent Generation (2.068, nata tra il 1925 e il 1945), il Baby Boom Generation (1.424, nati tra il 1946 e il 1964) e Generation X (470, nati tra il 1965 e il 1984).


L’incidenza di AMD a 5 anni è stata del 4,2% globalmente ed è aumentata con l’età. L’incidenza di AMD a cinque anni aggiustata per età e sesso è stata dell’8,8% per la generazione più grande, del 3% per la generazione silenziosa, dell’1% per i baby boomer e dello 0,3% per la generazione X. Il rischio di AMD rettificato è diminuito di oltre il 65% in ciascuna generazione.

Quando i ricercatori hanno preso in considerazione altri fattori di rischio di AMD, come il fumo, l’educazione, l’esercizio fisico e l’uso di farmaci, il crollo generazionale del rischio è leggermente diminuito, ma è rimasto significativamente stabile al 60%.

Fonte: JAMA Ophthalmology

Anne Harding

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

27 novembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy