Quotidiano on line
di informazione sanitaria
24 MARZO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Sindrome metabolica. La blefarite può essere un segnale predittivo

Uno studio condotto a Taiwan ha preso in considerazione una popolazione di oltre 10 mila persone con blefarite, all’interno della quale hanno individuato una forte probavbilità di sviluppare la sindrome metabolica. Inoltre, la malattia oftalmica era associata in modo significativo all’insorgenza di iperlipidemie e malattia coronarica

13 DIC - (Reuters Health) – La malattia oftalmica nota come blefarite potrebbe essere un segnale precoce della  sindrome metabolica. È quanto ipotizza uno studio condotto sulla popolazione di Taiwan e coordinato da Chia-Yi Lee, dello Show Chwan Memorial Hospital di Changhua, a Taiwan. La ricerca è stata pubblicata sul British Journal of Ophthalmology.

Lo studio
Lee e colleghi hanno analizzato in modo retrospettivo i dati, ottenuti tra il 2009 e il 2013, del Longitudinal Health Insurance Database di Taiwan, prendendo in considerazione 10.093 persone che avevano  avuto una diagnosi di blefarite ed escludendo i ciechi, le persone che avevano subito la rimozione del bulbo oculare o che avevano avuto un tumore oculare. Come controllo, i ricercatori hanno considerato, invece, 40.372 persone non affette da blefarite. Dopo aver aggiustato i risultati sulla base di età, sesso, comorbidità e reddito, i ricercatori hanno visto che i pazienti con blefarite avevano una probabilità significativamente maggiore di sviluppare sindrome metabolica rispetto ai controlli. Inoltre, la malattia oftalmica era associata in modo significativo all’insorgenza di iperlipidemie e malattia coronarica, ma non a ipertensione, diabete mellito e resistenza all’insulina.


Una patologia in crescita
Sumitra Khandelwal, del Baylor College of Medicine di Houston, in Texas, spiega che “sempre più pazienti giovani  sono colpiti da blefarite, ma questi, più che rivolgersi a un medico di cura primaria, che potrebbe diagnosticare precocemente le malattie metaboliche, si rivolgono generalmente a uno specialista degli occhi”. Questi risultati, ha comunque  sottolineato l’esperta, “sono interessanti, specialmente perché arrivano da una ampia popolazione di pazienti”, anche se lo studio, secondo Khandelwal, non avrebbe  valutato alcune variabili importanti, come l’obesità o i sottotipi di blefarite.

James Dunn, del Willis Eye Hospital di Philadelphia, concorda con Khandelwal rispetto alle valutazioni  mancanti dello studio, ma aggiunge che “i risultati di questa ricerca potrebbero aiutare gli oftalmologi a  identificare i pazienti a rischio di sindrome metabolica e, viceversa, gli specialisti che trattano la sindrome metabolica  potrebbero più facilmente evidenziare i pazienti con bruciore oculare e inviarli a una visita oftalmica per la blefarite”.

Fonte: British Journal of Ophthalmology

Lorraine Janeczko

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

13 dicembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy