Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 01 MARZO 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Vaccini. Nuovo allarme OMS: copertura globale ferma all'86% con 2-3 milioni di morti l'anno. Evitabili ulteriori 1,5 milioni di morti se la copertura migliorerà


Nel 2016, circa l'86% dei bambini di tutto il mondo (116,5 milioni di bambini) ha ricevuto 3 dosi di vaccino contro la difterite-tetano-pertosse (DTP3), proteggendoli dalle malattie infettive che possono causare gravi malattie e disabilità o essere fatali. Entro il 2016, 130 paesi hanno raggiunto almeno il 90% della copertura del vaccino DTP3. La situazione aggiornata dall’Oms della copertura immunitaria globale 2016. IL RAPPORTO DI VALUTAZIONE SAGE 2017 DEL PIANO D'AZIONE PER I VACCINI - LA RISOLUZIONE 2017 DELL'OMS.

19 GEN - Senza un’adeguata immunizzazione l’Oms stima 2-3 milioni di morti ogni anno da difterite, tetano, pertosse (pertosse) e morbillo. E  ulteriori 1,5 milioni di morti potrebbero essere evitati se la copertura vaccinalee globale migliorerà.

La copertura globale della vaccinazione - la proporzione di bambini del mondo che ricevono vaccini raccomandati – secondo l’Oms si è arrestata negli ultimi anni.

Nel corso del 2016, circa l'86% dei bambini di tutto il mondo (116,5 milioni di bambini) ha ricevuto 3 dosi di vaccino contro la difterite-tetano-pertosse (DTP3), proteggendoli dalle malattie infettive che possono causare gravi malattie e disabilità o essere fatali. Entro il 2016, 130 paesi hanno raggiunto almeno il 90% della copertura del vaccino DTP3.
 
Questa la situazione aggiornata dall’Oms della copertura immunitaria globale 2016
 
Haemophilus influenzae di tipo b (Hib) provoca meningite e polmonite. Il vaccino Hib è stato introdotto in 191 paesi entro la fine del 2016. La copertura globale con 3 dosi di vaccino Hib è stimata al 70%. C'è una grande variazione tra le regioni. Nella regione dell'Oms delle Americhe, la copertura è stimata al 90%, mentre è solo del 28% nella regione occidentale del Pacifico dell'Oms. La regione dell'Oms del Sud-Est asiatico ha aumentato la copertura dal 56% nel 2015 all'80% nel 2016.
 
L'epatite B è un'infezione virale che attacca il fegato. Il vaccino per l'epatite B per i bambini è stato introdotto a livello nazionale in 186 paesi entro la fine del 2016. La copertura globale con 3 dosi di vaccino contro l'epatite B è stimata all'84% e raggiunge il 92% nel Pacifico occidentale. Inoltre, 101 paesi hanno introdotto una dose di vaccino contro l'epatite B nei neonati entro le prime 24 ore di vita e la copertura globale è del 39 per cento.
 
Il papillomavirus umano è l'infezione virale più comune del tratto riproduttivo e può causare cancro cervicale, altri tipi di cancro e verruche genitali sia negli uomini che nelle donne. Il vaccino contro il papillomavirus umano è stato introdotto in 74 paesi entro la fine del 2016, compresi quattro paesi con introduzione in alcune parti del paese.
 
Il morbillo è una malattia altamente contagiosa causata da un virus, che provoca febbre alta ed eruzioni cutanee e può portare a cecità, encefalite o morte. Entro la fine del 2016, l'85% dei bambini aveva ricevuto una dose di vaccino contro il morbillo entro il secondo compleanno, e 164 paesi avevano incluso una seconda dose nell'ambito dell'immunizzazione di routine e il 64% dei bambini ha ricevuto due dosi di vaccino contro il morbillo secondo l'immunizzazione nazionale orari.
 
La meningite A è un'infezione che può causare gravi danni cerebrali ed è spesso mortale. Entro la fine del 2016 - a 6 anni dalla sua introduzione - oltre 260 milioni di persone nei paesi africani colpiti dalla malattia sono state vaccinate con MenAfriVac, un vaccino sviluppato dall'OMS e dal PATH. Il Ghana e il Sudan sono stati i primi due paesi a includere MenAfriVac nel loro programma di vaccinazione di routine nel 2016.
 
La parotite è un virus altamente contagioso che causa gonfiore doloroso ai lati del viso sotto le orecchie (ghiandole parotidi), febbre, mal di testa e dolori muscolari. Può portare a meningite virale. Il vaccino contro la parotite è stato introdotto a livello nazionale in 121 paesi entro la fine del 2016.
Le malattie da pneumococco comprendono la polmonite, la meningite e la batteriemia febbrile, così come l'otite media, la sinusite e la bronchite. Il vaccino anti-pneumococco è stato introdotto in 134 paesi entro la fine del 2016, di cui tre in alcune parti del paese, e la copertura globale è stata stimata al 42 per cento.
 
La polio è una malattia virale altamente infettiva che può causare paralisi irreversibile. Nel 2016, l'85% dei bambini di tutto il mondo ha ricevuto tre dosi di vaccino antipolio. Destinato all'eradicazione globale, la polio è stata fermata in tutti i paesi tranne Afghanistan, Pakistan e Nigeria. I paesi senza polio sono stati contagiati dal virus importato e tutti i paesi, in particolare quelli che hanno avuto conflitti e instabilità, rimangono a rischio fino a quando la poliomielite non è completamente sradicata.
 
I rotavirus sono la causa più comune di grave diarrea nei bambini piccoli in tutto il mondo. Il vaccino contro il rotavirus è stato introdotto in 90 paesi entro la fine del 2016, di cui sei in alcune parti del paese, e la copertura globale è stata stimata al 25 per cento.
 
La rosolia è una malattia virale che di solito è lieve nei bambini, ma l'infezione durante la gravidanza può causare la morte del feto o la sindrome della rosolia congenita, che può portare a difetti del cervello, del cuore, degli occhi e delle orecchie. Il vaccino contro la rosolia è stato introdotto a livello nazionale in 152 paesi entro la fine del 2016 e la copertura globale è stata stimata al 47 per cento.
 
Il tetano è causato da un batterio che cresce in assenza di ossigeno, per esempio in ferite sporche o nel cordone ombelicale se non viene tenuto pulito. Le spore di C. tetani sono presenti nell'ambiente indipendentemente dalla posizione geografica. Produce una tossina che può causare gravi complicazioni o morte. Il vaccino per prevenire il tetano materno e neonatale è stato introdotto in 106 paesi entro la fine del 2016. Circa l'84% dei neonati è stato protetto attraverso l'immunizzazione. Il tetano materno e neonatale persiste come problemi di salute pubblica in 18 paesi, principalmente in Africa e Asia.
 
La febbre gialla è una malattia emorragica virale acuta trasmessa da zanzare infette. A partire dal 2016, il vaccino contro la febbre gialla è stato introdotto nei programmi di immunizzazione infantile di routine in 35 dei 42 paesi e territori a rischio di febbre gialla in Africa e nelle Americhe. In questi 42 paesi e territori, la copertura è stimata al 45%.
 
Nel 2016, circa 19,5 milioni di bambini nel mondo non sono stati raggiunti con servizi di immunizzazione di routine come il vaccino DTP3. Circa il 60% di questi bambini vive in 10 paesi: Angola, Brasile, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, India, Indonesia, Iraq, Nigeria, Pakistan e Sudafrica.
Il monitoraggio dei dati a livello subnazionale è fondamentale per aiutare i paesi a stabilire le priorità e adattare le strategie di vaccinazione e i piani operativi per affrontare le lacune immunitarie e raggiungere ogni persona con vaccini salvavita.

L'Oms sta lavorando con paesi e partner per migliorare la copertura vaccinale globale, anche attraverso queste iniziative adottate dall'Assemblea mondiale della sanità nel maggio 2012.

Il Global Vaccine Action Plan (GVAP) è una tabella di marcia per prevenire milioni di morti attraverso un accesso più equo ai vaccini entro il 2020. A oggi, i progressi verso gli obiettivi GVAP non sono stati centrati.

Nel maggio 2017, i ministri della sanità di 194 paesi hanno approvato una nuova risoluzione sul rafforzamento dell'immunizzazione per raggiungere gli obiettivi del GVAP. La risoluzione esorta i paesi a rafforzare la governance e la leadership dei programmi nazionali di immunizzazione e a migliorare i sistemi di monitoraggio e sorveglianza per garantire politiche aggiornate sulle guide dati e decisioni programmatiche per ottimizzare le prestazioni e l'impatto. Invita inoltre i paesi a espandere i servizi di vaccinazione oltre l'infanzia, a mobilitare i finanziamenti nazionali e a rafforzare la cooperazione internazionale per raggiungere gli obiettivi del GVAP.

La risoluzione chiede al Segretariato dell'Oms di continuare a sostenere i paesi per raggiungere obiettivi di vaccinazione regionali e globali. Raccomanda di incrementare gli sforzi di advocacy per migliorare la comprensione del valore dei vaccini e l'urgenza di raggiungere gli obiettivi GVAP. Il Segretariato riferirà all'Assemblea della Salute nel 2018, 2020 e 2022 sui risultati rispetto agli obiettivi e agli obiettivi del GVAP.

L'immunizzazione consente di risparmiare milioni di vite ed è ampiamente riconosciuta come uno degli interventi sanitari più efficaci e redditizi al mondo.

L'obiettivo principale della campagna 2017 con il tema #VaccinesWork è stato quello di sensibilizzare sull'importanza della piena immunizzazione durante la vita e sul suo ruolo nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Nell'ambito della campagna, l'Oms e i partner hanno puntato a:
• sottolineare l'importanza dell'immunizzazione come massima priorità di investimento per la salute globale;
• promuovere la comprensione delle azioni necessarie per raggiungere il GVAP;
• mostrare il ruolo dell'immunizzazione nello sviluppo sostenibile e nella sicurezza della salute globale.
 


19 gennaio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy