Quotidiano on line
di informazione sanitaria
09 AGOSTO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Botulino, un pericolo non solo alimentare. I rischi, le principali vie di trasmissione e le stretegie per la prevenzione dell’Oms 


Le tossine botuliniche bloccano le funzioni nervose e possono portare a paralisi respiratoria e muscolare. Il botulismo può essere di origine alimentare, ma anche infantile, da ferite, per inalazione, nell'acqua e anche il botox usato per fini estetici può avere effetti collaterali. LE CINQUE CHIAVI OMS PER LA SICUREZZA ALIMENTARE.

25 GEN - Altolà dell’Oms: attenti al botulino, una delle tossine batteriche più letali (in scarsa presenza di ossigeno) conosciute al mondo.
Le tossine botuliniche bloccano le funzioni nervose e possono portare a paralisi respiratoria e muscolare.

Il botulismo umano può riferirsi al botulismo alimentare, al botulismo infantile, al botulismo della ferita e al botulismo per inalazione o altri tipi di intossicazione.

Il botulismo di origine alimentare, causato dal consumo di alimenti trattati in modo improprio, è una malattia rara ma potenzialmente fatale se non diagnosticata rapidamente e trattata con antitossina.

Gli alimenti in scatola, conservati o fermentati fatti in casa sono una fonte comune di botulismo alimentare e la loro preparazione richiede un'attenzione particolare.

Botulismo alimentare
Il Clostridium botulinum è un batterio anaerobico, il che significa che può crescere solo in assenza di ossigeno. Il botulismo di origine alimentare si verifica quando C. botulinum cresce e produce tossine nel cibo prima del consumo. C. botulinum produce spore che esistono ampiamente nell'ambiente, compreso suolo, fiumi e acqua di mare.


La crescita dei batteri e la formazione di tossine si verificano in prodotti con basso contenuto di ossigeno e alcune combinazioni di temperatura di conservazione e parametri di conservazione. Ciò accade più spesso in alimenti non trattati in modo adeguato, confezionati in casa o imbottigliati in casa.

C. botulinum non cresce in condizioni acide (pH inferiore a 4.6), e quindi la tossina non si forma in alimenti acidi (tuttavia, un pH basso non degrada alcuna tossina preformata). Combinazioni di bassa temperatura di conservazione e contenuti salini e / o pH sono anche usati per prevenire la crescita dei batteri o la formazione della tossina.

La tossina botulinica è stata trovata in una varietà di alimenti, tra cui verdure conservate a basso contenuto di acido, come fagiolini, spinaci, funghi e barbabietole; pesce, compreso il tonno in scatola, pesce fermentato, salato e affumicato; prodotti a base di carne, come prosciutto e salsiccia.
Il cibo implicato differisce tra i paesi e riflette le abitudini alimentari locali e le procedure di conservazione degli alimenti. Occasionalmente sono coinvolti alimenti preparati commercialmente.

Sebbene le spore di C. botulinum siano resistenti al calore, la tossina prodotta dai batteri che crescono dalle spore in condizioni anaerobiche viene distrutta mediante ebollizione (ad esempio, a temperatura interna superiore a 85 ° C per 5 minuti o più). Quindi, gli alimenti pronti al consumo in confezioni a basso contenuto di ossigeno sono più frequentemente coinvolti in casi di botulismo alimentare.

Botulismo infantile
Il botulismo infantile si verifica soprattutto nei bambini di età inferiore a 6 mesi. Diverso dal botulismo alimentare causato dall'ingestione di tossine preformate negli alimenti, si verifica quando i bambini ingeriscono spore di C. botulinum , che germinano in batteri che colonizzano nell'intestino e rilasciano tossine. Nella maggior parte degli adulti e dei bambini di età superiore a circa 6 mesi, questo non dovrebbe accadere perché le difese naturali nell’intestino che si sviluppano nel tempo impediscono la germinazione e la crescita del batterio.

C. botulinum nei neonati comprende stitichezza, perdita di appetito, debolezza  altri sintomi. Sebbene ci siano diverse possibili fonti di infezione per il botulismo infantile, il miele contaminato da spore è stato associato a numerosi casi. Pertanto, genitori e operatori sanitari sono avvisati di non dare da mangiare ai bambini prima dell'età di 1 anno.

Botulismo delle ferite
Il botulismo della ferita è raro e si verifica quando le spore penetrano in una ferita aperta e sono in grado di riprodursi in un ambiente anaerobico. I sintomi sono simili al botulismo di origine alimentare, ma possono essere necessarie fino a 2 settimane per comparire. Questa forma della malattia è stata associata ad abuso di sostanze, in particolare quando si iniettava eroina nera.

Botulismo per inalazione
Il botulismo per inalazione è raro e non si presenta in modo naturale. E’ associato ad esempio a eventi accidentali o intenzionali (come il bioterrorismo) che provocano il rilascio delle tossine negli aerosol. Il botulismo per inalazione mostra un'impronta clinica simile al botulismo alimentare. La dose letale mediana per l'uomo è stata stimata in 2 nanogrammi di tossina botulinica per chilogrammo di peso corporeo, che è circa 3 volte maggiore rispetto ai casi alimentari.

Dopo l'inalazione della tossina, i sintomi diventano visibili tra 1-3 giorni, con tempi di esordio più lunghi per i livelli più bassi di intossicazione. I sintomi procedono in modo simile all'ingestione della tossina botulinica e culminano nella paralisi muscolare e nell'insufficienza respiratoria.

Altri tipi di intossicazione
Il botulismo a base acquosa potrebbe teoricamente risultare dall'ingestione della tossina preformata. Tuttavia, poiché i processi di trattamento delle acque comuni (come la bollitura, la disinfezione con soluzione di candeggina di ipoclorito allo 0,1%) distruggono la tossina, il rischio è considerato basso.

Il botulismo di origine indeterminata di solito comporta casi negli adulti in cui non è possibile identificare alcun alimento o fonte di ferita. Questi casi sono paragonabili al botulismo infantile e possono verificarsi quando la normale flora intestinale è stata alterata a seguito di procedure chirurgiche o terapia antibiotica.

Botox
Il batterio C. botulinum è lo stesso batterio che viene utilizzato per produrre Botox, un prodotto farmaceutico prevalentemente iniettato per uso clinico e cosmetico. I trattamenti di Botox impiegano la neurotossina botulinica purificata e fortemente diluita di tipo A. Il trattamento viene somministrato in ambito medico, adattato alle esigenze del paziente ed è generalmente ben tollerato anche se si osservano occasionalmente effetti collaterali.

Le cinque chiavi dell'Oms per la sicurezza alimentare servono come base per programmi educativi per addestrare gli operatori del cibo e educare i consumatori. Sono particolarmente importanti nel prevenire l'intossicazione alimentare.

Le cinque chiavi sono:
1. mantenere pulito
2. separato crudo e cotto
3. cucinare a fondo
4. mantenere il cibo a temperature sicure
5. utilizzare acqua e materie prime sicure.

Le epidemie di botulismo sono rare, ma sono emergenze di salute pubblica che richiedono un rapido riconoscimento per identificare la fonte della malattia, distinguere i tipi di epidemia (tra naturali, accidentali o potenzialmente intenzionali), prevenire ulteriori casi e amministrare efficacemente il trattamento ai pazienti affetti.

Il trattamento efficace dipende in modo significativo dalla diagnosi precoce e dalla rapida somministrazione dell'antitossina del botulino.
Il ruolo dell'Oms nel rispondere alle epidemie di botulismo che possono essere di interesse internazionale è il seguente.

Sorveglianza e rilevamento: l'Oms sostiene il rafforzamento della sorveglianza nazionale e dei sistemi di allerta internazionali per assicurare una rapida individuazione di focolai locali e un'efficace risposta internazionale. Lo strumento principale dell'Oms per queste attività di sorveglianza, coordinamento e risposta è l'uso della Rete internazionale delle autorità per la sicurezza alimentare (INFOSAN) che collega le autorità nazionali degli Stati membri incaricate della gestione degli eventi di sicurezza alimentare. Questa rete è gestita congiuntamente dalla FAO e dall'Oms.

Valutazione del rischio: la risposta dell'Oms si basa su una metodologia di valutazione del rischio che include la considerazione dell'eventualità che l'epidemia sia naturale, accidentale o, eventualmente, intenzionale. L'Oms fornisce anche valutazioni scientifiche come base per gli standard internazionali di sicurezza alimentare, linee guida e raccomandazioni elaborate dalla Commissione del Codex Alimentarius.

Contenimento della malattia: l'Oms si coordina con le autorità nazionali e locali al fine di contenere i focolai alla fonte.

Assistenza: l'Oms coordina le agenzie internazionali, gli esperti, i laboratori nazionali, le compagnie aeree e le organizzazioni commerciali per mobilitare attrezzature, materiali e forniture per la risposta, compresa la fornitura e la somministrazione di antitossina botulinica.

25 gennaio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy