Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 16 DICEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Malattia di Lyme. Sintomi SNC non causati da batterio

In caso di sintomi comportamentali, non ci sono prove che il batterio si sia diffuso a livello cerebrale e i sintomi potrebbero essere dovuti a una risposta immunitaria sistemica.

01 FEB - (Reuters Health) – Nei pazienti con sintomi neurologici della malattia di Lyme, non ci sarebbero prove che l'infezione si diffonda a livello del sistema nervoso centrale. A dimostrarlo sarebbe stato un team di ricercatori guidati da John Halperin dell'Overlook Medical Center di Summit, in New Jersey, che hanno pubblicato uno studio su Clinical Infectious Diseases.

Si ipotizza risposta immunitaria
L'encefalopatia di Lyme si manifesta con anomalie a livello cognitivo, riscontrate da test specifici, ma non è chiaro quali meccanismi siano alla base di questo fenomeno. “Le difficoltà cognitive, di memoria e di concentrazione spesso attribuite alla malattia di Lyme non sono causate da infezione a livello cerebrale o attivazione immunitaria nel sistema nervoso”, afferma Halperin, che per spiegare il meccanismo ha ipotizzato che “potrebbe esserci un'attivazione immunitaria a livello sistemico”.
 
Lo studio
Halperin e colleghi hanno eseguito test immunologici multipli per misurare citochine e chemochine in campioni di liquido cerebrospinale prelevati da 74 pazienti che si erano sottoposti a puntura a livello lombare per una possibile neuroborreliosi di Lyme (LNB). Numerosi marker infiammatori sarebbero risultati elevati nel liquido cerebrospinale dei pazienti con LNB e infiammazione a livello cerebrale, ma non nei pazienti con encefalopatia di Lyme o non-Lyme. In particolare, CXCL13 si sarebbe mostrato un marker sensibile e specifico per LNB nei pazienti con anticorpi intratecali specifici per Borrelia burgdorferi.

 
Mentre i livelli del fattore di crescita delle T-cell, IL-7, sarebbero aumentati nei pazienti che avevano sintomi comportamentali, indipendentemente dal fatto che fossero affetti o meno dalla malattia di Lyme. Inoltre, i pazienti con encefalopatia e cefalea, che fossero affetti o meno da malattia di Lyme, avrebbero mostrato livelli aumentati di citochine sieriche indicativi di una risposta immunitaria di tipo Th17.
 
Fonte: Clinical Infectious Diseases
 
Will Boggs
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science)

01 febbraio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy