Quotidiano on line
di informazione sanitaria
19 MAGGIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Ibd. Ok a ecografia gastrointestinale per valutare attività malattia

Valutare l’attività della malattia intestinale attraverso l’ecografia gastrointestinale è utile e accurato. La metodica non è invasiva e sarebbe in grado di identificare patologia intra ed extra intestinali. Ma è scosigliabile come strumento di sorveglianza della colite. È quanto emerge da una review australiana pubblicata da Gut

20 FEB - (Reuters Health) – L’ecografia gastrointestinale sarebbe un metodo accurato e non invasivo per valutare l’attività della malattia infiammatoria intestinale. È quanto ha evidenziato una review pubblicata su Gut e coordinata da Robert Venning Bryant, del Queen Elizabeth Hospital di Adelaide, in Australia.

Nel trattamento della malattia infiammatoria intestinale, l’obiettivo è la guarigione della mucosa e l’endoscopia è l’esame che viene solitamente utilizzato per valutare questo parametro, mentre Tac e Risonanza Magnetica sono le alternative più utilizzate. Secondo i ricercatori australiani, però, l’ecografia gastrointestinale aiuterebbe a identificare patologie sia interne che extra-intestinali e tecniche speciali potrebbero essere usate per rilevare anomalie specifiche. L’ecografia a contrasto, per esempio, sarebbe utile a rilevare l’infiammazione e il restringimento dovuti alla malattia di Crohn, mentre l’ecografia transperineale potrebbe aiutare a rilevare la presenza di fistole o ascessi perianali e l’ecografia con mezzi di contrasto potrebbe caratterizzare ascessi sospetti.


L’ecografia gastrointestinale, nonostante possa svolgere ruoli importanti nella diagnosi dell’Ibd così come nella valutazione dell’attività della malattia, non sarebbe però raccomandabile come strumento di sorveglianza nella colite, perché non ci sarebbero prove che è in grado di rilevare la displasia associata. “L’ecografia gastrointestinale è un prezioso strumento non invasivo nella gestione della malattia infiammatoria intestinale”, hanno concluso gli autori.

Fonte: Gut

Reuters Staff

(Versione italiana per Quotidiano Sanità/Popular Science)

20 febbraio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy