Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 21 OTTOBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Asma e donne. Gli inalatori a breve durata possono ridurre la fertilità

Le donne con asma, che usano inalatori a breve durata d’azione per controllare i sintomi asmatici, possono avere bisogno di maggior tempo per restare incinte rispetto alle donne che non soffrono di questa patologia. È quanto emerge da uno studio pubblicato dall’European Respirology Journal.

23 MAR - (Reuters Health) – Un gruppo di ricercatori dell’Università di Adelaide in Australia – guidati da Luke Grzeskowiak – hanno esaminato i dati relativi a 5.617 donne nel corso delle loro prime gravidanze. Tra queste 1.106 hanno dichiarato di aver ricevuto una diagnosi di asma. Le donne partecipanti che hanno avuto bambini tra il 2004 e il 2011, appartenevano a Nuova Zelanda, Australia, Irlanda e Regno Unito.
 
Lo studio ha rilevato che, rispetto alle non asmatiche, le donne con asma, che usavano solo farmaci di primo soccorso a breve durata d’azione, come l’albuterolo, hanno avuto il 15% in meno di probabilità di concepire in un preciso ciclo mensile. Anche le donne in terapia di salvataggio hanno presentato il 30% in più di probabilità di aver impiegato più di 12 mesi per rimanere incinte.
 
I commenti
“Abbiamo scoperto che l’asma è legata a una ridotta fertilità, ma è ancora più sorprendente vedere come questa relazione venga osservata solo nel gruppo di donne che si affidano esclusivamente a farmaci antiasmatici a breve durata d’azione per gestire l’asma – dice Luke Grzeskowiak, dell’Università di Adelaide – Invece, non è stata osservata alcuna relazione tra uso di farmaci per l’asma a lungo effetto e la fertilità. Questo dato fornisce prove rassicuranti per le donne che usano farmaci per l’asma a lunga durata d’azione, per prevenire i sintomi dell’asma e mantenere un buon controllo dell’asma”.

 
“È stato ipotizzato che l’asma riduca l’afflusso di sangue uterino e aumenti l’infiltrazione delle cellule infiammatorie nel tessuto di rivestimento dell’utero, che comprometterebbero l’impianto e la fertilità – osserva Eyal Sheiner del Soroka University Medical Center e Ben-Gurion University del Negev in Beer-Sheva, Israele – I farmaci preventivi possono svolgere un ruolo protettivo nel migliorare il controllo dell’asma e possono ridurre l’infiammazione sistemica associata, che può causare una riduzione della fertilità”.
 
Fonte: Eur Respir J

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

23 marzo 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy