Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 19 AGOSTO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Asma e donne. Gli inalatori a breve durata possono ridurre la fertilità

Le donne con asma, che usano inalatori a breve durata d’azione per controllare i sintomi asmatici, possono avere bisogno di maggior tempo per restare incinte rispetto alle donne che non soffrono di questa patologia. È quanto emerge da uno studio pubblicato dall’European Respirology Journal.

23 MAR - (Reuters Health) – Un gruppo di ricercatori dell’Università di Adelaide in Australia – guidati da Luke Grzeskowiak – hanno esaminato i dati relativi a 5.617 donne nel corso delle loro prime gravidanze. Tra queste 1.106 hanno dichiarato di aver ricevuto una diagnosi di asma. Le donne partecipanti che hanno avuto bambini tra il 2004 e il 2011, appartenevano a Nuova Zelanda, Australia, Irlanda e Regno Unito.
 
Lo studio ha rilevato che, rispetto alle non asmatiche, le donne con asma, che usavano solo farmaci di primo soccorso a breve durata d’azione, come l’albuterolo, hanno avuto il 15% in meno di probabilità di concepire in un preciso ciclo mensile. Anche le donne in terapia di salvataggio hanno presentato il 30% in più di probabilità di aver impiegato più di 12 mesi per rimanere incinte.
 
I commenti
“Abbiamo scoperto che l’asma è legata a una ridotta fertilità, ma è ancora più sorprendente vedere come questa relazione venga osservata solo nel gruppo di donne che si affidano esclusivamente a farmaci antiasmatici a breve durata d’azione per gestire l’asma – dice Luke Grzeskowiak, dell’Università di Adelaide – Invece, non è stata osservata alcuna relazione tra uso di farmaci per l’asma a lungo effetto e la fertilità. Questo dato fornisce prove rassicuranti per le donne che usano farmaci per l’asma a lunga durata d’azione, per prevenire i sintomi dell’asma e mantenere un buon controllo dell’asma”.

 
“È stato ipotizzato che l’asma riduca l’afflusso di sangue uterino e aumenti l’infiltrazione delle cellule infiammatorie nel tessuto di rivestimento dell’utero, che comprometterebbero l’impianto e la fertilità – osserva Eyal Sheiner del Soroka University Medical Center e Ben-Gurion University del Negev in Beer-Sheva, Israele – I farmaci preventivi possono svolgere un ruolo protettivo nel migliorare il controllo dell’asma e possono ridurre l’infiammazione sistemica associata, che può causare una riduzione della fertilità”.
 
Fonte: Eur Respir J

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

23 marzo 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy