Quotidiano on line
di informazione sanitaria
16 GIUGNO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Menopausa. La terapia ormonale precoce non danneggia il cuore

Se assunti all’inizio del periodo, i trattamenti ormonali per la menopausa non alterano nel tempo le strutture cardiache, normalmente modificate dall’invecchiamento. Un gruppo di ricercatori inglesi ha registrato questa evidenza studiando i dati di oltre 500 donne di età compresaatra i 40 e i 69 anni.

23 MAR - (Reuters Health) – Le donne in post-menopausa, che assumono una terapia sostitutiva ormonale e che non hanno malattie cardiache, non presentano alterazioni subcliniche della struttura cardiovascolare associate all’invecchiamento. È quanto ha evidenziato uno studio pubblicato da PLoS One, che si è basato sull’utilizzo della risonanza magnetica cardiovascolare (CMR). La ricerca è stata guidata da Mihir Sanghvi, della Queen Mary University di Londra.
 

Lo studio
I ricercatori inglesi hanno analizzato le immagini CMR di 1.604 donne che avevano preso parte allo studio Biobank, nel Regno Unito, che ha raccolto dati relativi a oltre mezzo milione di persone di età compresa tra 40 e 69 anni, nel 2006-2010. Nel gruppo considerato da Sanghvi e colleghi c’erano 513 donne in post-menopausa, in terapia con trattamenti ormonali da almeno tre mesi. L’età media delle donne all’inizio della terapia ormonale era di 47,6 anni. La durata media del trattamento era di otto anni e al momento di sottoporsi all’esame di imaging il 15,2% era ancora in terapia con sostitutivi ormonali.

 

Dai risultati è emerso che il volume del ventricolo sinistro era significativamente inferiore tra le donne in terapia ormonale; 119,8 ml contro 122,8 ml, mentre i volumi massimi dell’atrio destro erano rispettivamente di 57,5 ml e 60,2 ml. Secondo gli autori, la riduzione dei volumi delle camere è associata a migliori risultati in altri aspetti della medicina cardiovascolare. “I maggiori volumi della camera o l’aumento della massa ventricolare sarebbero associati a esiti avversi ed è rassicurante che questo non sia stato evidenziato tra le donne che usavano terapia ormonale”, hanno spiegato.
 

Fonte: PLoS One

Will Boggs

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

23 marzo 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy