Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 28 GIUGNO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Come difendersi dall'apocalisse biologica? La proposta degli esperti americani in sicurezza sanitaria

di Maria Rita Montebelli

Bioterrorismo o pandemie spontanee rappresentano minacce planetarie contro le quali è necessario mettere a punto delle strategie di difesa e di prevenzione. Come quelle elencate nel report del Johns Hopkins Center for Health Security appena pubblicato. La minaccia principale è rappresentata dai virus respiratori a RNA. L’appello ai governi e alle aziende farmaceutiche per intensificare la ricerca di nuovi farmaci anti-virali

29 MAG - Quale microrganismo, diffuso ad arte nell’ambiente o per cause naturali, potrebbe rendersi responsabile nel prossimo futuro di una pandemia di dimensioni epocali? Se lo sono chiesti i ricercatori del Johns Hopkins Center for Health Security, che hanno redatto un report con l’identikit dei germi più temibili, quelli contro i quali mettere in campo tutte le possibili strategie di prevenzione. Il pericolo in questione riguarda non solo lo storico, i microrganismi già protagonisti in passato di temibili pandemie, ma anche e soprattutto quelli che non hanno ancora dato prova delle loro potenzialità di morte e che configurano tuttavia un rischio biologico da catastrofe globale (GCBR).
 
Gli eventi etichettati come GCBR sono quelli in cui un agente biologico può determinare un disastro straordinario e di proporzioni gigantesche che andrebbe oltre la possibilità di controllo da parte dei governi nazionali e internazionale e del settore privato.
 
Finora nessuno aveva pensato di redigere un ‘catalogo’ dei possibili responsabili di GCBR e dunque le priorità di allerta venivano disegnate solo su basi ‘storiche (es. la pandemia di spagnola del 1918).
“E’ invece fondamentale – afferma Amesh Adalja, leader del progetto – che gli esperti in sicurezza sanitaria siano preparati anche alle nuove minacce, non solo a quelle del passato, se si vogliono scongiurare GCBR”.
 
Detto fatto, i ricercatori della Johns Hopkins hanno convocato 120 tra i maggiori esperti mondiali del campo per stilare delle raccomandazioni ad hoc su vecchie e nuove minacce. Il tutto è racchiuso nel rapporto “The characteristics of Pandemic Pathogens”.
 
L’identikit del microrganismo della catastrofe perfetta. Per prima cosa si è provveduto a stilare un identikit dei patogeni in grado di determinare un GCBR. L’agente infettivo ‘ideale’ nel provocare catastrofi di questo tipo avrebbe una modalità di diffusione per via respiratoria; sarebbe contagioso anche nel periodo di incubazione, prima cioè della comparsa dei sintomi o quando i soggetti infettati presentino ancora solo una sintomatologia sfumata. Andrebbe a colpire dei soggetti naive da un punto di vista immunologico; avrebbe un tasso di mortalità basso ma significativo, fatto questo che aumenterebbe ulteriormente il rischio di diffusione dell’infezione.
Nel report si legge anche che  il potenziale pandemico maggiore è quello dei  virus a RNA.
 
Come difendersi dal pericolo di una pandemia. Nel report gli esperti elencano al riguardo una lista di otto raccomandazioni, “con la speranza – afferma Adalja – che medici e responsabili politici le prendano in seria considerazione per rafforzare la capacità di recupero del settore sanitario ed essere sempre più preparati ad affrontare un’eventuale pandemia”.
·         Prepararsi contro una minaccia di livello GCBR implica l’adozione di un approccio focalizzato, ma sempre con la dovuta flessibilità
 
·         Gli approcci basati su una lista di patogeni ‘storici’ non dovrebbero costituire un’idea standard permanente che distolga il pensiero da altri patogeni a potenzialità pandemica
 
·         Migliorare la sorveglianza delle infezioni umane causate da virus a RNA dovrebbe rappresentare una priorità assoluta
 
·         Sviluppare una pipeline di agenti anti-virali contro i virus respiratori a RNA (sia ad ampio spettro che mirati ai singoli virus) aumenterebbe le possibilità di difendersi da potenziali agenti GCBR
 
·         Analogamente dovrebbe rappresentare una priorità la ricerca di vaccini contro i virus respiratori a RNA (compreso un vaccino universale contro l’influenza)
 
·         Un’agenda di ricerca clinica volta a ottimizzare il trattamento dei virus respiratori a RNA dovrebbe essere sostenuta finanziariamente dalle aziende farmaceutiche e dai produttori di device medici e sviluppata presso centri di ricerca clinica.
 
·         Fondamentale anche un’attenta revisione della letteratura relativa ai virus respiratori a RNA, a rischio di determinare una pandemia.
 
·         Dovrebbe diventare una routine effettuare diagnosi microbiologiche specifiche delle sindromi infettive in qualunque parte del mondo
 
 
Maria Rita Montebelli

29 maggio 2018
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy