Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 19 GIUGNO 2018
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Morbillo. Italia non è più maglia nera in Europa. Ma allerta resta

L’Italia non è più la seconda in classifica dopo la Romania per numero di casi: il numero più elevato di casi fino a oggi nel 2018 è stato registrato, appunto, in Romania (3 284), seguita da Francia (2.306), Grecia (2.097) e al quarto posto Italia (1.258). Venticinque morti sono stati segnalati anche da questi paesi nel 2018. Inoltre, c’è un'epidemia in corso in Inghilterra e Galles con 1.346 casi di morbillo confermati segnalati quest'anno. La situazione è quella raccolta dall'ECDC attraverso l'intelligence epidemica e pubblicati nel CDTR (Communicable Diseases Threats Report). IL REPORT.

14 GIU - I casi di morbillo continuano ad aumentare nei paesi UE/SEE con più paesi che stanno vivendo focolai della malattia.

Ma l’Italia non è più la seconda in classifica dopo la Romania per numero di casi: il numero più elevato di casi fino a oggi nel 2018 è stato registrato, appunto, in Romania (3 284), seguita da Francia (2.306), Grecia (2.097) e al quarto posto Italia (1.258).

Venticinque morti sono stati segnalati anche da questi paesi nel 2018. Inoltre, c’è un'epidemia in corso in Inghilterra e Galles con 1.346 casi di morbillo confermati segnalati quest'anno.

La situazione è quella raccolta dall'ECDC (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) attraverso l'intelligence epidemica e pubblicati nel CDTR (Communicable Diseases Threats Report) .

Il CDTR ha aggiornato la situazione all’8 giugno scorso per 19 paesi UE/EFTA.

Focolai di morbillo sono in corso in Repubblica Ceca, Francia, Grecia, Italia, Romania, Spagna e Regno Unito. Informazioni aggiornate sui casi di morbillo sono disponibili per Austria, Belgio, Bulgaria, Finlandia, Germania, Ungheria, Irlanda, Portogallo, Polonia, Slovacchia, Svezia e Svizzera.

Il Belgio, secondo TESSy (The European Surveillance System), ha segnalato 29 casi nel gennaio-aprile 2018.

La Bulgaria ha segnalato quattro casi di morbillo nel 2018, a partire dalla settimana 2018-21. Non sono stati segnalati nuovi casi dal 13 maggio 2018.
Nella Repubblica ceca dall'inizio dell'anno e fino alla settimana 2018-21, 25 casi di morbillo sono stati segnalati nella centrale Bohemian. I casi sono tre bambini sotto i 4 anni di età, un adolescente e 21 adulti. Nessuno dei bambini era vaccinato, l'adolescente è stato vaccinato, quattro adulti non sono stati vaccinati e due adulti non erano disponibili per la vaccinazione.

Nella capitale, Praga, dall'inizio del 2018 e dal 25 maggio, sono stati segnalati 83 casi di morbillo. Dei casi, 25 sono bambini di età inferiore ai diciotto anni e 58 sono adulti. Dei 25 bambini nessuno è stato vaccinato. Cinque bambini erano più giovani rispetto all'età consigliata di tredici mesi per essere vaccinati, 13 bambini avevano posticipato o respinto la vaccinazione, cinque i bambini sono stati vaccinati in Ucraina e due bambini erano di origine straniera e il loro stato di vaccinazione è sconosciuto.

Inghilterra e Galles hanno segnalato 1.346 casi di morbillo sospetti e confermati nel 2018 a partire dal 27 maggio.

La Finlandia ha segnalato quattro casi di morbillo nel 2018, al 31 maggio. Si tratta di un aumento di un caso dal 17 maggio 2018.

La Francia ha segnalato 2.306 casi nel 2018 a partire dal 27 maggio. Si tratta di un aumento di 133 casi dal 13 maggio 2018. Dall'inizio dell'epidemia a novembre 2017 si sono avuti 2.364 casi, compreso un decesso, segnalati in tutto il paese. Un caso era importato dalla Guinea francese. Nel complesso, l'epidemia ha una tendenza decrescente in tutto il paese e nella regione della Nuova Aquitania, che in precedenza ha riportato circa la metà dei casi. Focolai attivi del morbillo sono stati segnalati in Bretagna, Centre Val de Loire, Hauts de France, Normandia, Paesi della Loira e Provenza-Alpi-Costa Azzurra. La più alta incidenza è nei bambini sotto un anno di età. Tra i casi segnalati, il 22% è stato ospedalizzato e l'88% non è stato vaccinato o è stato vaccinato in modo incompleto.

La Germania ha segnalato 240 casi di morbillo nel 2018, al 31 maggio. Si tratta di un aumento di 64 casi rispetto alla precedente relazione del 21 aprile.

La Grecia ha segnalato 2.097 casi nel 2018 a partire dal 7 giugno, compresi due decessi. Si tratta di un aumento di 149 casi dal CDTR pubblicato il 18 maggio. A partire dal 7 giugno 2018 e dall'inizio dell'epidemia di maggio 2017, la Grecia ha segnalato 3.065 casi di morbillo, di cui 1.789 confermati in laboratorio. Tra i casi confermati in laboratorio, sono stati segnalati quattro decessi. La maggior parte dei casi si è verificata nella Grecia meridionale tra i giovani bambini Rom e i giovani adulti greci. Tuttavia, un aumento di casi di morbillo nel nord della Grecia sono stati notificati.

L'Ungheria ha segnalato 16 casi di morbillo nel 2018, al 27 maggio. Non sono stati segnalati ulteriori casi dall'ultimo mese.

L'Irlanda ha segnalato 61 casi di morbillo nel 2018, al 26 maggio 2018. Si tratta di una diminuzione di 11 casi rispetto al precedente CDTR pubblicato il 18 maggio.

L'Italia ha segnalato 1.258 casi di morbillo tra il 1 ° gennaio e il 30 aprile 2018. Di questi, 208 casi sono stati segnalati a gennaio 289 a febbraio, 356 a marzo e 405 ad aprile. Quattro morti sono stati segnalati nel 2018. L'età media dei casi è di 24 anni. Dei 1.258 casi, 268 sono bambini di età inferiore ai 5 anni, di questi 84 erano più giovani di un anno. Dei casi, il 91,6% era non vaccinato al momento dell'infezione. Cinquantatre casi sono stati segnalati tra gli operatori sanitari. Diciotto Regioni in Italia hanno segnalato casi, tuttavia l'85,5% dei casi si è verificato in cinque Regioni: Sicilia (652), Lazio (158), Calabria (114), Campania (77) e Lombardia (74).

La Polonia ha segnalato 68 casi di morbillo nel 2018, al 30 maggio. Si tratta di un aumento di 24 casi dal precedente CDTR pubblicato il 18 maggio.
Il Portogallo ha segnalato 112 casi di morbillo confermati nel 2018, al 28 maggio. Si tratta di un aumento di un caso dal precedente CDTR in poi 18 maggio. Inoltre, 26 casi sono in attesa di risultati del test. Dei casi confermati, 111 sono adulti e 89 (79%) sono sanitari professionisti. La maggior parte dei casi (107) sono segnalati nel nord del paese.

La Romania ha segnalato 3.284 casi di morbillo, compresi 18 decessi, nel 2018, a partire dall'11 maggio. Questo è un aumento di 572 casi e tre morti dal precedente CDTR il 18 maggio. Dall'inizio dell'epidemia nell'ottobre 2016 e dal 6 aprile 2018, la Romania ha segnalati 13.563 casi di morbillo confermati, compresi 55 decessi.

La Slovacchia ha riferito che tra il 7 e il 28 maggio 2018 sono stati rilevati quattro casi di morbillo nel distretto di Michalovce, tre sono stati importati dal Regno Unito. I casi hanno tra 12 e 19 anni e non sono stati vaccinati contro il morbillo.

La Spagna ha segnalato 136 casi di morbillo confermati nel 2018, al 27 maggio. Tra questi, sono stati segnalati 85 casi da Valencia e 21 casi dalla Catalogna. Dal precedente CDTR del 18 maggio si tratta di un aumento di 31 casi in tutto il paese, di cui 21 casi nella regione di Valencia.

La Svezia ha segnalato 23 casi di morbillo dall'inizio del 2018.

La Svizzera ha segnalato 23 casi nel 2018, al 27 maggio. Si tratta di un aumento di tre casi dal precedente CDTR del 18 maggio.

Paesi al di fuori dell'UE/AELS

L'Albania ha segnalato 729 casi nel 2018, secondo un rapporto del 2 maggio. Si tratta di un aumento di 129 casi dal precedente CDTR il 18 maggio. La maggior parte dei casi sono bambini e adulti nati negli anni '70 e '80 e sono persone che non erano immunizzate contro il morbillo.

La Russia ha segnalato 1.149 casi di morbillo nel 2018, al 30 aprile. Si tratta di un aumento di 306 casi dal precedente CDTR al 18 maggio. Nel 2017, la Russia ha segnalato 725 casi.

La Serbia ha segnalato 5.402 casi, compresi 15 decessi, tra ottobre 2017 e 29 maggio 2018. Si tratta di un aumento di 235 casi e tre morti dal precedente CDTR del 13 aprile. Dei casi riportati, 2.752 sono stati confermati.

L'Ucraina ha segnalato 18.144 casi di morbillo, inclusi otto decessi nel 2018, al 29 maggio. E’ un aumento di 2.883 casi dal precedente rapporto del 15 maggio. Tra i casi, 7.378 erano adulti e 10.766 erano bambini. La maggior parte dei casi è segnalata da Lviv, Zakarpatie, Ivano-Frakivsk, Odessa, la città delle regioni di Kiiv e Chenivetsk.

Secondo l'Oms, nel 2018 e dal 19 maggio, ci sono stati 11 paesi che hanno segnalato 1.194 casi confermati nella Regione delle Americhe: Antigua e Barbuda (1 caso), Argentina (3 casi), Brasile (173 casi), Canada (11 casi), Colombia (25 casi), Ecuador (7 casi), Guatemala (1 caso), Messico (4 casi), Perù (2 casi), Stati Uniti (63 casi) e Bolivariano Repubblica del Venezuela (904 casi).
Questo numero supera quello che è stato segnalato nel 2017, quando 4 paesi nella regione hanno segnalato 895 casi confermati: Argentina (3 casi), Canada (45 casi), Stati Uniti d'America (120 casi) e Venezuela (727 casi).

Mauritius ha un focolaio di morbillo con 40 casi confermati nel 2018 a partire dal 20 maggio. La maggior parte del i casi sono segnalati dalle parti nord e nord-occidentali dell'isola. Il 60% dei casi sono bambini sotto i 15 anni di età. Non sono stati segnalati decessi.
 
Valutazione dell'ECDC


I focolai di morbillo continuano a verificarsi in un alto numero di paesi UE/SEE. C'è il rischio di diffusione e trasmissione prolungata in aree con popolazioni sensibili. Gli attuali focolai colpiscono vari gruppi di popolazione, compresi gli operatori sanitari che si occupano di persone a rischio di malattia grave e complicanze (ad es. bambini sotto l'anno di età, immunocompromessi).

La risposta tempestiva e mirata alle epidemie per interrompere le catene di trasmissione è essenziale. Ciò include l'isolamento di sospetti e casi confermati e lo stretto monitoraggio di contatti precedentemente non vaccinati.

Per raggiungere l'eliminazione e proteggere le persone più vulnerabili da gravi complicanze e morte da morbillo come i bambini, il 95% della popolazione deve essere vaccinato con due dosi di vaccino contenente il virus del morbillo. Solo cinque paesi UE/SEE (Croazia, Portogallo, Slovacchia, Svezia e Ungheria) hanno segnalato una copertura vaccinale almeno del 95% per entrambe le dosi, secondo i dati più recenti raccolti (WHO 2016), a dimostrazione del fatto che sono necessarie ulteriori azioni.

“In diversi paesi dell'UE - spiega Andrea Ammon direttore dell'ECDC - si verificano ancora epidemie di morbillo. Questo fatto rende più importante che mai per le persone vaccinarsi con due dosi di un vaccino contenente il morbillo per proteggere se stessi e le loro famiglie prima delle vacanze".

 


14 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy