Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 24 SETTEMBRE 2018
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Ipertensione. In tarda età aumenta patologie legate ad Alzheimer

Una ricerca Usa, condotta su oltre 1.000 partecipanti anziani, ha messo in evidenza una relazione tra ipertensione e aumento di infarti cerebrali e grovigli neurofibrillari, questi ultimi tipici della malattia di Alzheimer. La ricerca è stata pubblicata da Neurology

12 LUG - (Reuters Health) – Un aumento della pressione arteriosa in tarda età sarebbe associato a un aumento di infarti cerebrali e grovigli neurofibrillari, tipici della malattia di Alzheimer. Sono i risultati di una ricerca pubblicata su Neurology da Zoe Arvanitakis, del Rush Alzheimer’s Disease Center di Chicago, e colleghi.

La ricerca
I ricercatori americani hanno valutato il ruolo della pressione media e della sua variazione in relazione alla malattia neurodegenerativa, in tarda età, su 1.288 partecipanti a tre studi sull’invecchiamento. La pressione arteriosa media all’inizio dello studio era di 136/72 mmHg e durante gli otto anni di follow-up, la pressione sistolica è diminuita di circa 0,8 mmHg e quella diastolica di 0,1 mmHg in media, l’anno. Due terzi dei partecipanti hanno avuto ipertensione nel corso dello studio e l’87% ha assunto un farmaco antipertensivo.

La maggior parte dei pazienti aveva almeno un fattore di rischio vascolare all’inizio della ricerca e il 48% dei soggetti aveva uno o più infarti pregressi. Una pressione arteriosa sistolica inizialmente alta sarebbe stata associata a un aumento del numero di infarti, con il 46% in più di probabilità. Un aumento della probabilità che, secondo Arvanitakis e colleghi, sarebbe equivalente a quello osservato con nove anni di invecchiamento.


Le conclusioni
Mentre una pressione diastolica più elevata all’inizio aveva un’associazione più debole con gli infarti e la variazione della pressione diastolica non aveva alcuna associazione con questi eventi cardiovascolari. Infine, i partecipanti con pressione arteriosa sistolica o diastolica all’inizio più elevata o con un declino più rapido della pressione avevano più probabilità di andare incontro a gradi più elevati di aterosclerosi. La pressione sistolica media più elevata era associata, inoltre, a un numero maggiore di grovigli neurofibrillari, come osservato nella malattia di Alzheimer, ma non a placche neuritiche. Mentre la pressione diastolica e le variazioni della pressione arteriosa non sarebbero associate a eventi riconducibili a malattia di Alzheimer.

“La scoperta di una relazione tra la pressione arteriosa sistolica media nel corso degli anni e malattia di Alzheimer, in particolare dei grovigli neurofibrillari, è stata molto interessante”, osserva Arvanitakis “Ma sono necessarie molte più ricerche per comprendere meglio la relazione tra pressione arteriosa tardiva e la salute del cervello, prima che possano essere determinate le implicazioni cliniche”.

Fonte: Neurology

Will Boggs

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

12 luglio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy