Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 20 FEBBRAIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Ogni anno 3 milioni di morti nel mondo per colpa dell’alcol. In Italia la situazione non è drammatica come in molti altri paesi ma i consumi aumentano. Report OMS

Nel mondo, tra tutti i decessi attribuibili all'alcol, il 28% è dovuto a infortuni, come incidenti stradali, autolesionismo e violenza interpersonale; il 21% a disturbi digestivi; il 19% per malattie cardiovascolari e il resto per malattie infettive, tumori, disturbi mentali e altre condizioni di salute. Italia al 73º posto per i consumi (su 188 paesi) ma il consumo pro capite è aumentato di 0,5 litri in soli 6 anni. IL RAPPORTO 2018 - LA STRATEGIA OMS.

24 SET - Più di 3 milioni di persone sono morte nel 2016 (pari a un decesso su 20 di tutte le morti) a seguito di danni diretti o indiretti provocati dal consumo di alcol. Di queste più di tre quarti sono maschi. L’uso di alcol e le sue conseguenze in termini di danni alla salute, poi, sono responsabili di oltre il 5% del complesso delle malattie.
 
I dati sono contenuti nel nuovo Rapporto sullo stato globale dell'Oms  su alcol e salute 2018 (con dati 2016) che presenta un quadro completo del consumo di alcol e del carico di malattia attribuibile all'alcol in tutto il mondo. 

"Troppe persone, le loro famiglie e comunità soffrono le conseguenze dell'uso dannoso dell'alcol attraverso la violenza, gli infortuni, i problemi di salute mentale e le malattie come il cancro e l'ictus", ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. "È ora di intensificare l'azione per prevenire questa grave minaccia allo sviluppo di società sane".

Tra tutti i decessi attribuibili all'alcol, il 28% è dovuto a infortuni, come quelli per incidenti stradali, autolesionismo e violenza interpersonale; il 21% a causa di disturbi digestivi; il 19% per malattie cardiovascolari e il resto per malattie infettive, tumori, disturbi mentali e altre condizioni di salute.

Nonostante alcune tendenze globali positive nella prevalenza dell’uso episodico pesante dell’alcol e sul numero di decessi correlati all'alcol dal 2010, il carico complessivo di malattie e lesioni è sempre elevato, in particolare nella Regione europea e nella regione delle Americhe .

A livello mondiale si stima che 237 milioni di uomini e 46 milioni di donne soffrano di disturbi da alcoolcon la più alta prevalenza tra uomini e donne nella regione europea (14,8% rispetto al 3,5%) e nella regione delle Americhe (11,5% e 5,1%). I disturbi legati all'alcol sono più comuni nei paesi ad alto reddito e si stima che il consumo globale aumenterà nei prossimi 10 anni, in particolare nelle regioni del Sud-Est asiatico e del Pacifico occidentale e nella regione delle Americhe.

Circa 2,3 miliardi di persone sono bevitori attuali. L'alcol è consumato da più della metà della popolazione in tre regioni dell'Oms: America, Europa e Pacifico occidentale. L'Europa ha il più alto consumo pro capite del mondo, anche se il suo consumo pro capite è diminuito di oltre il 10% dal 2010.
 
Il consumo medio giornaliero è di 33 grammi di alcol puro al giorno, equivalenti circa a 2 bicchieri (ciascuno da 150 ml) di vino o di una bottiglia di birra da 750 ml. 

In tutto il mondo, più di un quarto (27%) di tutti i ragazzi di 15-19 anni sono bevitori. I tassi di consumo di alcol tra i giovani sono i più alti in Europa (44%), seguita dalle Americhe (38%) e dal Pacifico occidentale (38%). 

Indagini scolastiche indicano che, in molti paesi, l'uso di alcol inizia prima dei 15 anni con differenze molto piccole tra ragazzi e ragazze.

A livello globale il 44,8% delle bevande alcoliche consumato è costituito da liquori, seguiti dalla birra (34%) e dal vino (12%). Un trend che ha fatto registrare pochi cambiamenti dal 2010 tranne in Europa, dove il consumo di liquori è diminuito del 3% mentre quello del vino e della birra è aumentato.

Al contrario, più della metà (57% par a 3,1 miliardi di persone) della popolazione globale di 15 anni e più si era astenuta dal bere alcolici nei precedenti 12 mesi.

"Tutti i paesi possono fare molto di più per ridurre i costi sanitari e sociali del consumo dannoso di alcol", ha affermato Vladimir Poznyak, coordinatore dell'unità Gestione dell'abuso di sostanze dell'Oms. "Azioni comprovate ed economicamente vantaggiose comprendono l'aumento delle tasse sulle bevande alcoliche, divieti o restrizioni sulla pubblicità di alcolici e la limitazione della disponibilità di alcolici".
 
Quasi tutti i paesi (95%) hanno accise sull'alcol, ma meno della metà prevede interventi sul prezzo vietando sconti o promozioni. La maggior parte dei paesi ha qualche tipo di restrizione sulla pubblicità della birra, con divieti totali più comuni per televisione e radio, ma meno comuni per Internet e  social media.

"Vorremmo vedere gli Stati membri implementare soluzioni creative in grado di salvare vite umane, come tassare l'alcol e limitare la pubblicità. Dobbiamo fare di più per ridurre la domanda e raggiungere l'obiettivo fissato dai governi di una riduzione del 10% del consumo di alcol a livello globale tra il 2010 e il 2025 ", ha aggiunto Tedros.

La situazione italiana
Nella classifica del consumo di litri di alcol (medio) procapite nel 2016 per gli over 15 stilata in base ai dati Oms, l’Italia è 73ᵃ con 7,5 litri, in aumento di 0,5 litri rispetto al 2010.

In Italia si beve soprattutto vino (65%) seguito da birra (25%) e alcol in generale (10%).

Dal punto di vista delle conseguenze sulla salute, nel 2016 sono attribuibili all’alcol 5.209 decessi per cirrosi epatica, 1.019 per incidenti stradali e 7.852 per cancro, sempre legato all’uso di alcolici.

La dipendenza da alcol è attribuita allo 0,8% dei bevitori maschi e allo 0,5% delle consumatrici, con una media dello 0,6% a fronte di una media dei paesi Oms della Regione europea del 3,7%.

 

 

 

 

24 settembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy