Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 23 SETTEMBRE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Tumore pancreas. Analisi Dna tumorale circolante utile per la prognosi

di Reuters Staff

La cosiddetta “biopsia liquida” del Dna tumorale circolante ha dimostrato di essere in grado di prevedere la a progressione della malattia e la sopravvivenza nei pazienti con carcinoma pancreatico. L’evidenza arriva da uno studio USA che ha preso in consideraziione 194 casi

28 SET - (Reuters Health) – L’analisi attraverso ‘biopsia liquida’ del Dna tumorale circolante (ctDna) e dell’esosoma del Dna (exoDna), materiale genetico sotto forma di microvescicole, sarebbe in grado di prevedere la progressione della malattia e la sopravvivenza nei pazienti con carcinoma pancreatico. E’ quanto emerge da una ricerca guidata da Hector Alvarez, dell’University of Texas Anderson Cancer Center di Houston, e pubblicata da Gastroenterology.

Lo studio
I ricercatori hanno analizzato le biopsie liquide di 194 pazienti in trattamento per un adenocarcinoma duttale pancreatico (Pdac) localizzato o metastatico. I tassi di rilevamento di mutazioni su Kras all’inizio dello studio sono stati del 61% nell’exoDna e del 53% nel ctDna, nei pazienti con metastasi, e rispettivamente del 38% e 34% nei pazienti con tumore localizzato. I tassi di rilevamento delle mutazioni, invece, sono stati significativamente più bassi nei pazienti con altre lesioni al pancreas: rispettivamente 12% e 16%,  in caso di cisti pancreatiche, e 25% e 17% in caso di malattia pancreatica non neoplastica.


La frazione di allele mutante (Maf) ExoKras, inoltre, è diminuita dopo la terapia neoadiuvante e dopo la resezione del tumore, ma è aumentata, o rimasta invariata, nei pazienti che non potevano sottoporsi a intervento chirurgico. La presenza di ctDna rilevabile sarebbe stata associata a sopravvivenza libera da progressione significativamente più breve, con un rapporto di rischio di 1,93, e una più breve sopravvivenza globale, con un rapporto di rischio di 2,36. Così, i pazienti con frazione di allele mutante exoKras maggiore del 5% avrebbero avuto una riduzione significativa di sopravvivenza libera da progressione e di sopravvivenza globale.

Fonte: Gastroenterology

Reuters Staff

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

28 settembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy