Quotidiano on line
di informazione sanitaria
25 AGOSTO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Tumori infantili. Importante diagnosi precoce di disfunzione erettile

La disfunzione erettile è un disturbo che si manifesta con una certa frequenza nei maschi che sopravvivono a un tumore infantile. Si tratta, tuttavia, di una condizione modificabile, soprattutto se è diagnosticata precocemente

22 OTT - (Reuters Health) – La disfunzione erettile è un disturbo comune in chi ha avuto un cancro in età infantile; per questo è importante che i pazienti possano beneficiare di una diagnosi precoce. “I nostri dati supportano l’ipotesi che la disfunzione erettile sia una condizione modificabile in questi uomini”, affermano gli autori dello studio pubblicato su Jama Oncology, guidati da Laura van Iersel.

Lo studio
Lo studio ha coinvolto 956 persone (età media 31 anni) che avevano ricevuto la diagnosi di cancro infantile almeno 10 anni prima  Per gli 873 partecipanti che erano sessualmente attivi è stato usato l’International Index of Erectile Function, mentre ai non attivi è stato somministrato un questionario con domande sui problemi a raggiungere e mantenere l’erezione.

I risultati
Problemi di disfunzione erettile sono stati riportati da 277 uomini (il 29% dei partecipanti). Tra i sessualmente attivi, i fattori di rischio indipendenti per la disfunzione erettile includevano l’età più giovane e bassi livelli di testosterone. I partecipanti più insoddisfatti dell’immagine del loro corpo e con bassa massa muscolare magra sono stati più propensi a riportare disfunzione erettile, indipendentemente dal fatto che fossero o meno attivi sessualmente. Nella coorte generale l’appartenenza all’etnia afro-americana è stata individuata come fattore di rischio.


Le evidenze
Gli autori suggeriscono come l’ipogonadismo, che spesso non viene diagnosticato nei sopravvissuti a cancro infantile (Ccs), “potrebbe spiegare le associazioni tra bassi livelli di testosterone, scarsa massa magra e disfunzione erettile. I medici dovrebbero essere consapevoli che un’appropriata gestione dell’ipogonadismo potrebbe migliorare la funzionalità sessuale compromessa in questi pazienti”.

La carenza di testosterone può essere causata da alcuni tipi di farmaci chemioterapici, in particolare agenti alchilanti e radioterapia per il cervello o i testicoli.

Fonte: Jama Oncology 2018

Scott Baltic

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

22 ottobre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy