Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 01 DICEMBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

ESMO/7 Combinazione ipilimumab-nivolumab: efficacia e durabilità dei risultati nei pazienti con carcinoma renale

di Maria Rita Montebelli

Lo confermano i dati del CheckMate 214 presentato a Monaco al congresso europeo di oncologia. Rispetto al comparator attivo (sunitinib), l’associazione di questi due immunoterapici prolunga la sopravvivenze e l’intervallo di tempo libero da ulteriori trattamenti. Buona la risposta, a prescindere dall’espressione PD-L1 e ottima la durability degli effetti: a due anni dalla sospensione del trattamento erano ancora liberi da ulteriori trattamenti il 42% dei soggetti del gruppo ipilimumab-nivolumab, contro il 12% dei trattati con sunitinib.

24 OTT - Una nuova analisi dello studio di fase 3 CheckMate-214 presentata al congresso dell’ESMO a Monaco, dimostra che i pazienti con carcinoma renale a cellule chiare in fase avanzata , mai trattati prima, hanno una sopravvivenza libera da trattamento più lunga se trattati con la combinazione ipilimumab-nivolumab. Dopo un follow up minimo di 30 mesi, il 36% dei soggetti trattati con la combinazione risultava ancora vivo, senza dover ricorrere ad ulteriori terapie; il risultato del braccio di controllo attivo (i pazienti erano trattati con sunitinib) era di appena il 16%.
 
Dopo 2 anni, tra quanti avevano interrotto la terapia, risultavano ancora liberi da trattamento il 19% dei soggetti trattati con la combinazione degli immunoterapici, contro il 6% del gruppo sunitinib.
 
“I risultati di questa analisi del CheckMate-214 . commenta il professor David F. McDermott, direttore del programma di Immuno-Oncologia del Beth Israel Deaconess Medical Center – danno importanti informazioni sulla possibilità di ottenere un beneficio clinico duraturo con la combinazione ipilimumab.-nivolumab nei pazienti con questa forma di tumore in fase avanzata. La sopravvivenza libera da trattamento è risultata significativamente maggiore con la combinazione che con il sunitinib. Due anni dopo l’interruzione della terapia, tra coloro che avevano ottenuto una risposta completa o parziale al trattamento, rimanevano liberi da trattamento il 42% dei soggetti del gruppo ipilimumab-nivolumab, contro il 12% dei trattati con sunitinib. Il beneficio della sopravvivenza libera di terapia (TFS) è risultato presente anche nei sottogruppi a diversa espressione di PD-L1; così, a due anni dalla sospensione del trattamento,  nei soggetti con PD-L1 ≥ 1% il TFS del gruppo trattato con la combinazione è stato del 27%, contro l’8% del braccio sunitinib; mentre nei soggetti con espressione di PD-L1 < 1% il TFS è stato dell’18%, contro il 5% del braccio di controllo. Il beneficio clinico della combinazione insomma, si mantiene nel tempo, sia come sopravvivenza globale che come durabilità della risposta.

 
Il checkMate-214 è uno studio di fase 3, randomizzato in aperto che confronta la terapia con la combinazione ipilimumab-nivolumab versus sunitinib nel pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato o metastatico, responsabile di 140 mila decessi nel mondo ogni anno.
 
Maria Rita Montebelli

24 ottobre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy