Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 23 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Fotofobia da emicrania. Efficace la tossina botulinica A

Se l’emicrania è ampiamente studiata dal punto di vista farmacologico, lo stesso non può dirsi di alcuni sintomi che ne accompagnano le crisi, come occhio secco e fototofobia. Un gruppo di ricercatori di Miami ha valuto l’efficacia della tossina botulinica A nel trattamento di questi sintomi

31 OTT - (Reuters Health) – La fotofobia nei pazienti con emicrania migliora dopo le iniezioni di tossina botulinica A. È quanto emerge da uno studio osservazionale americano pubblicato dal British Journal of Ophthalmology. I sintomi di fotofobia e secchezza oculare sono comuni nei pazienti con emicrania, ma pochi studi hanno ad oggi valutato terapie per questi sintomi.
 
Lo studio
. Anat Galor e colleghi, del Miami VA Medical Center, hanno valutato la potenziale efficacia della tossina botulinica A (BoNT-A) nel ridurre i sintomi di fotofobia e secchezza oculare in una revisione retrospettiva di 72 pazienti, tutti curati con questa tossina. La maggior parte dei pazienti (l’80,6%) ha giudicato” severa” la propria fotofobia e tutti i pazienti, tranne due, hanno riferito sintomi di secchezza oculare (il 63,4% ha dichiarato che era grave). Solo il 20,3% dei pazienti ha tuttavia mostrato prove obiettive di un volume lacrimale basso.

Dopo un tempo medio di follow-up post-iniezione di 30,5 giorni, i punteggi di fotofobia sono migliorati significativamente, passando da 29,8 a 27,7 sul totale di Visual Light Sensitivity Question-8 (VLSQ-8), che varia da 8 a 40. E i soggetti con sintomi più gravi di secchezza oculare hanno riportato un miglioramento statisticamente significativo, passando da 15,4 a 13,8 sulla scala del Dry Question Questionnaire-5 (DEQ-5), che varia da 0 a 22.

 
I commenti
. “La scoperta che BoNT-A  sia in grado di migliorare sia la fotofobia, sia i gravi sintomi dell’occhio secco, suggerisce l’ipotesi che altre terapie che modulano la funzione somatosensoriale e il dolore neuropatico possano essere considerate per trattare pazienti i cui sintomi di secchezza oculare non spariscono con i trattamenti convenzionali o i cui sintomi non possono essere spiegati con un esame oftalmico”.
 
Fonte: Br J Ophthalmol 2018
 

Reuters Staff

 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)
 

31 ottobre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy