Quotidiano on line
di informazione sanitaria
19 SETTEMBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Settimana della resistenza antimicrobica: Oms, Fao e Oie chiedono ai Governi di utilizzare l’approccio “One health”


L'approccio One Health richiede ai professionisti con una gamma di competenze in materia di salute pubblica, salute degli animali, salute delle piante, cibo e ambiente di collaborare per ridurre al minimo le minacce da AMR e raccogliere prove per identificare e affrontare con urgenza le aree a più alto rischio. SCHEDA SULLA RESISTENZA ANTIMICROBICASORVEGLIANZA ANTIMICROBICA DELL'ASIA CENTRALE E DELL'EUROPA ORIENTALE. RELAZIONE ANNUALE 2017 (2018).

14 NOV - “In occasione della World Antibiotic Awareness Week 2018, le nostre tre organizzazioni (Oms Europa, Organizzazione regionale per l'Europa e l'Asia centrale dell'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) e Organizzazione mondiale per la salute degli animali (Oie) per l'Asia centrale), leader nella lotta contro la resistenza antimicrobica (AMR), hanno scelto di parlare con una sola voce. Chiediamo ai governi di utilizzare l'approccio ‘One Health’" nella lotta contro la resistenza antimicrobica e di riunire la salute umana, la salute degli animali e la salute ambientale. Riteniamo che questo approccio intersettoriale sia il modo migliore per compiere reali progressi nella lotta alla resistenza antimicrobica in Europa e nel mondo”.

Questa la richiesta di Oms, Fao e Oie durante la settimana della resistenza antimicrobica, aperta il 12 novembre e che si chiuderà il 18 novembre.

La situazione secondo le organizzazioni è urgente per una serie di motivi:
- Gli antimicrobici sono ampiamente utilizzati nella produzione di bestiame, a volte per promuovere la crescita e talvolta per prevenire l'infezione, piuttosto che curare l'animale. Questo uso eccessivo di antimicrobici può portare a una maggiore resistenza ai farmaci tra i microbi.

- Le stesse classi di antimicrobici sono spesso utilizzate sia negli esseri umani che negli animali da produzione alimentare.
- La catena alimentare è una via importante per la trasmissione di malattie e richiede uno stretto monitoraggio e coordinamento per prevenirne la diffusione.

Tutto ciò indica che nessun singolo settore ha la capacità di risolvere da solo il crescente problema della resistenza antimicrobica, ma l'azione collettiva può aiutare il mondo a fare progressi. L'approccio One Health significa coordinare l'azione in tutti i settori - come la sanità pubblica, la veterinaria e la salute ambientale - per ottenere i migliori risultati di salute possibili per tutte le specie. Significa riconoscere che i microbi resistenti non conoscono confini: possono facilmente incrociarsi dagli umani agli animali e diffondersi da una posizione geografica all'altra.

Un modo efficace per proteggere la salute umana è ridurre le probabilità di resistenza che si sviluppa tra i microbi negli animali. Molti governi stanno eliminando gradualmente l'uso di antibiotici come promotori della crescita e misure preventive nel bestiame, e ora usano solo antimicrobici in animali sani in circostanze eccezionali. I paesi che non lo hanno già fatto sono sollecitati a prendere provvedimenti per garantire che i farmaci contenuti negli elenchi riservati di antibiotici essenziali, quelli che sono della massima importanza per la salute umana e veterinaria, vengano utilizzati solo quando assolutamente necessario. Questo aiuta a prevenire la formazione della resistenza antimicrobica e mantiene in funzione gli antibiotici, sia per gli uomini che per gli animali.

L'AMR è ampiamente riconosciuta come una delle maggiori minacce del 21° secolo alla salute, al benessere e alla sicurezza alimentare. In tutto il mondo, circa 700 000 persone muoiono ogni anno a causa di infezioni resistenti ai farmaci e solo nell'Unione europea e nello Spazio economico europeo si contano 33.000 vite ogni anno, con numeri in aumento.

Molti degli stessi microbi (ad es. Batteri, virus, funghi, parassiti) colpiscono sia gli animali che gli esseri umani attraverso l'ambiente che condividono e il 60% di tutte le malattie umane hanno origine negli animali. Ciò significa che quando i microbi sviluppano la resistenza ai farmaci negli animali, possono facilmente andare a colpire gli esseri umani, rendendo difficile il trattamento di malattie e infezioni.

L'approccio One Health richiede ai professionisti con una gamma di competenze in materia di salute pubblica, salute degli animali, salute delle piante, cibo e ambiente di collaborare per ridurre al minimo le minacce da AMR e raccogliere prove per identificare e affrontare con urgenza le aree a più alto rischio.

Le infezioni causate da batteri resistenti, funghi, virus e parassiti non conoscono confini. Le stesse classi di antimicrobici sono utilizzate sia negli esseri umani che negli animali da produzione alimentare e la catena alimentare è una via importante per la trasmissione. Ciò significa che l'azione da un solo settore non può controllare l'intero problema e gli sforzi devono essere fatti a tutti i livelli - locale, nazionale, regionale e globale - da parte dell'intera società e dell'intero governo.

Esortiamo i governi – sottolineano le organizzazioni - a investire in campagne che incoraggiano i loro cittadini a 'pensarci due volte ea chiedere consiglio' e utilizzano solo antimicrobici in linea con una prescrizione di professionisti della salute umana o animale.Incoraggiamo inoltre i governi a eliminare gradualmente l'uso di antibiotici come promotori della crescita negli animali. Questo sforzo include investimenti per un migliore accesso ai vaccini e una diagnostica rapida ed economica, nonché buone pratiche di igiene e di biosicurezza. Applaudiamo coloro che evitano l'usofrequente di antibiotici di importanza critica presenti negli elenchi riservati e hanno la massima importanza per la salute umana e animale.Insieme siamo più forti e siamo rincuorati dall'impegno dimostrato da paesi, governi, professionisti della salute umana e animale così come dal settore privato - senza di questo non possiamo riuscire. Ma per affrontare in modo efficace AMR, dobbiamo rafforzare ulteriormente questo impegno. Dobbiamo lavorare insieme per garantire un uso prudente degli antimicrobici nel trattamento di malattie umane e animali; ora è il momento di agire per mantenere la nostra capacità di curare gli esseri umani e gli animali per le generazioni a venire”.

"La salute umana, animale e ambientale sono tutti ugualmente responsabili per il corretto uso degli antimicrobici e per scongiurare la minaccia della resistenza antimicrobica", ha affermato Zsuzsanna Jakab, direttore regionale dell'Oms per l'Europa. "Mentre ci sforziamo di assicurare che gli antibiotici siano usati correttamente nella comunità e nelle strutture sanitarie, un settore da solo non risolverà il problema. Un approccio ‘One Health’ riunisce i professionisti in materia di salute umana, animale, alimentare e ambientale come un'unica forza, e in quanto tale è l'unico modo per mantenere in funzione gli antibiotici. Chiedo a tutti i paesi europei di garantire il massimo impegno a questo approccio da parte dell'intera società e dell'intero governo ".

"Con 33.000 morti ogni anno a seguito di un'infezione dovuta a batteri resistenti agli antibiotici e 1 miliardo di euro di spese sanitarie annuali, dobbiamo garantire che gli antibiotici siano utilizzati con prudenza e che siano predisposte misure di prevenzione delle infezioni in tutti gli ambienti in tutta Europa", ha dichiarato Andrea Ammon, direttore del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC). Ha aggiunto: "Poiché le percentuali di resistenza agli antibiotici e il tasso di consumo di antibiotici nonché le pratiche di prevenzione delle infezioni variano da paese a paese, è essenziale personalizzare le strategie per soddisfare esigenze specifiche. L'ECDC chiede un'azione continua a tutti i livelli ".

14 novembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy