Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 26 GIUGNO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Violenza sulle donne: i dati  Oms e le linee d’azione per contenere il fenomeno che interessa una donna su tre nel mondo

La maggior parte di questa violenza è violenza da partner intimo. In tutto il mondo, quasi un terzo (30%) delle donne che hanno avuto una relazione riferisce di aver subito qualche forma di violenza fisica e / o sessuale da parte del loro partner durante la loro vita. A livello globale, ben il 38% degli omicidi di donne sono commessi da un partner maschile. La violenza può influire negativamente sulla salute fisica, mentale, sessuale e riproduttiva delle donne - e anche dei bambini - e può aumentare il rischio di contrarre l'HIV. AFFRONTARE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE: RISULTATI CHIAVE E PRIORITÀ - PIANO D'AZIONE GLOBALE SULLA VIOLENZA CONTRO DONNE E RAGAZZE

26 NOV - Anche l’Oms scende in campo contro la violenza sulle donne. Stime globali pubblicate dall'Organizzazione indicano che circa 1 su 3 (35%) delle donne di tutto il mondo ha subito violenze sessuali o fisica durante la loro vita.

La violenza contro le donne, in particolare la violenza dei partner e la violenza sessuale, è un grave problema di salute pubblica e una violazione dei diritti umani delle donne.

In tutto il mondo, quasi un terzo (30%) delle donne riferisce di aver subito qualche forma di violenza fisica e / o sessuale da parte del loro partner che, nel 38% dei casi, è anche l'autore dell'omicidio delle donna.

La violenza può influire negativamente sulla salute fisica, mentale, sessuale e riproduttiva delle donne e può aumentare il rischio di contrarre l'HIV in alcuni contesti.

Gli uomini hanno maggiori probabilità di perpetrare la violenza se hanno una bassa istruzione, una storia di maltrattamento sui minori, esposizione alla violenza domestica contro le madri, uso dannoso dell'alcol, norme di genere ineguali inclusi atteggiamenti che accettano violenza e un senso di diritto sulle donne.


Le donne hanno maggiori probabilità di subire violenza da partner se hanno scarsa istruzione, esposizione a madri abusate da un partner, abuso durante l'infanzia e atteggiamenti che accettano violenza, privilegi maschili e status subordinato delle donne.

Vi sono prove che gli interventi di counselling e di empowerment counseling, così come le visite a domicilio, possono  prevenire o ridurre la violenza domestica nei confronti delle donne.

Situazioni di conflitto, post conflitto e sfollamento possono esacerbare la violenza esistente, ad esempio da parte di partner intimi e violenza sessuale dai non-partner, e possono anche portare a nuove forme di violenza contro le donne.

Gli studi indicano che la violenza di genere nelle emergenze umanitarie è devastante. Un recente sondaggio nel Sud Sudan, ad esempio, ha rilevato che oltre la metà delle donne con un partner intimo attuale o passato aveva subito violenze fisiche e / o sessuali, mentre quasi un terzo delle donne ha riferito di violenza sessuale da parte di un non partner.

I fattori associati al partner intimo e alla violenza sessuale si verificano a livello individuale, familiare, di comunità e della società in generale. Alcuni sono associati all'essere un autore di violenze, alcuni sono associati all'esperienza della violenza e alcuni sono associati a entrambi.

I fattori di rischio per entrambi i partner intimi e le violenze sessuali includono:

- minori livelli di istruzione;

- una storia di esposizione al maltrattamento sui minori;

- essere testimoni di  violenza familiare;

- disturbo antisociale di personalità;

- uso dannoso di alcol;

- avere più partner o essere sospettati dai propri partner di infedeltà;

- atteggiamenti che perdonano la violenza;

- norme comunitarie che privilegiano o attribuiscono uno status superiore agli uomini e uno status inferiore alle donne;
- bassi livelli di accesso delle donne al lavoro retribuito.

I fattori specificamente associati alla violenza tra partner includono:

- storia passata di violenza;

- discordia e insoddisfazione coniugale;

- difficoltà nella comunicazione tra i partner:

- comportamenti di controllo maschili nei confronti dei loro partner.

I fattori specificamente associati alla perpetrazione della violenza sessuale includono:

- credenze nell'onore familiare e nella purezza sessuale;

- ideologie del diritto sessuale maschile;

- deboli sanzioni legali per la violenza sessuale.
La disuguaglianza di genere e le norme sull'accettabilità della violenza contro le donne sono una causa alla radice della violenza contro le donne.

Nei conflitti, i corpi delle donne troppo spesso diventano campi di battaglia, con la violenza usata per umiliare e opprimere. I rischi sono amplificati perché le donne possono essere sradicate dalle loro case e separate dalle loro solite reti di supporto, mentre i sistemi di protezione sociale e legale sono indeboliti o distrutti.

Le conseguenze a breve e a lungo termine della violenza per la salute delle donne sono molte e significative. Le donne che subiscono violenze sono più a rischio di lesioni, conseguenze sessuali e riproduttive e conseguenze per la salute mentale.

Ad esempio, le donne che subiscono violenza da partner hanno il doppio delle probabilità di soffrire di depressione e 1,5 volte più probabilità di contrarre un'infezione trasmessa sessualmente. Ha anche conseguenze sulla salute per i loro figli e impatti socio-economici sulle famiglie, le comunità e le società.

Le donne che subiscono abusi hanno maggiori probabilità di ricorrere all'assistenza sanitaria per una serie di condizioni correlate, anche se (come spesso accade) non rivelano esplicitamente la propria esperienza. Per questi motivi, è fondamentale garantire che gli operatori sanitari siano adeguatamente formati per fornire un supporto efficace e empatico e che le strutture sanitarie possano fornire assistenza sicura e confidenziale.

L'Oms ha pubblicato nuove linee guida e strumenti clinici per sostenere i paesi e formare gli operatori sanitari per fornire un'assistenza centrata sulle donne, che includa l'attenzione empatica, la risposta non giudicante, l'identificazione dei bisogni e delle preoccupazioni delle donne e l'accesso al sostegno sociale. Con i partner, sempre più paesi in tutto il mondo stanno adattando o aggiornando le proprie linee guida, oltre a fornire nuovi programmi di formazione per gli operatori sanitari in linea con queste raccomandazioni.

Nell'ambito di questo lavoro, è stata prestata particolare attenzione all'espansione del sostegno a paesi e contesti in cui conflitti o disastri hanno intensificato i rischi di violenza di genere. Ad esempio, in Siria, i fornitori di servizi sanitari e le organizzazioni sanitarie sono stati impegnati per facilitare un'adeguata assistenza e protezione.

In Afghanistan, il ministero della Sanità pubblica sta formando 6.500 operatori sanitari per aiutarli a sostenere i sopravvissuti. In Pakistan, sono stati effettuati corsi di formazione per operatori sanitari in tre province. In Myanmar, è stata condotta una formazione nazionale dei formatori nell'ambito della creazione di un centro di crisi one-stop per rispondere alla violenza contro le donne negli ospedali. In Uganda, le linee guida per la formazione sono state implementate in tutte le strutture sanitarie.

"Vogliamo essere sicuri che se una donna arriva e rivela la violenza, gli operatori sanitari sanno cosa fare", dice Elisabeth Roesch, un funzionario tecnico specializzato in violenza di genere con l'Oms in caso di emergenza. "Vogliamo che gli operatori sanitari comprendano appieno l'impatto della violenza di genere, quindi se sospettano che una donna possa essere stata sottoposta a tale violenza, allora sanno quali sono i prossimi passi da compiere e come possono fornire supporto", aggiunge .
Conseguenze sulla salute

Il partner intimo (fisico, sessuale ed emotivo) e la violenza sessuale causano gravi problemi fisici, mentali, sessuali e riproduttivi a breve e lungo termine per le donne. Influiscono anche sui loro figli e comportano elevati costi sociali ed economici per le donne, le loro famiglie e le società.
Tale violenza può:

- avere esiti fatali come omicidio o suicidio;

- danno da infortuni: il 42% delle donne che subiscono violenze da partner intimo riportando un infortunio come conseguenza di questa violenza;

- portare a gravidanze indesiderate, aborti indotti, problemi ginecologici e infezioni trasmesse sessualmente, incluso l'HIV. L'analisi del 2013 ha rilevato che le donne che avevano subito abusi fisici o sessuali erano 1,5 volte più probabilità di avere un'infezione trasmessa sessualmente e, in alcune regioni, l'HIV, rispetto alle donne che non avevano subito violenza da partner. Hanno anche il doppio delle probabilità di abortire;

- la violenza intima del partner in gravidanza aumenta anche la probabilità di aborto spontaneo, parto prematuro, parto prematuro e neonati con basso peso alla nascita. Lo stesso studio del 2013 ha dimostrato che le donne che hanno subito violenze da partner hanno avuto il 16% in più di probabilità di subire un aborto e il 41% di probabilità in più di avere un parto prematuro;

- queste forme di violenza possono portare a depressione, stress post-traumatico e altri disturbi d'ansia, difficoltà di sonno, disturbi alimentari e tentativi di suicidio. L'analisi del 2013 ha rilevato che le donne che hanno subito violenze da partner hanno avuto quasi il doppio delle probabilità di sperimentare depressione e problemi di consumo;

- gli effetti sulla salute possono includere anche mal di testa, mal di schiena, dolori addominali, disturbi gastrointestinali, mobilità limitata e scarsa salute generale;

- la violenza sessuale, in particolare durante l'infanzia, può portare a un aumento dell'abuso di fumo, droghe e alcol e a comportamenti sessuali a rischio in età avanzata. È anche associato alla perpetrazione della violenza (per i maschi) e alla vittima della violenza (per le donne).

Impatto sui bambini:

- i bambini che crescono in famiglie dove c'è violenza possono subire una serie di disturbi comportamentali ed emotivi. Questi possono anche essere associati a perpetrare o subire violenze nella vita;

- la violenza intima dei partner è stata anche associata a magiori alti tassi di mortalità e morbilità infantile e infantile (attraverso, ad esempio, la diarrea o la malnutrizione);

Costi sociali ed economici

I costi sociali ed economici della violenza sessuale di un  partner intimo sono enormi e hanno effetti a catena in tutta la società. Le donne possono soffrire di isolamento, incapacità lavorativa, perdita di stipendi, mancanza di partecipazione ad attività regolari e limitata capacità di prendersi cura di se stesse e dei propri figli.

Risposta dell'Oms

Nel maggio 2016 all'Assemblea mondiale della sanità, gli Stati membri hanno approvato un piano d'azione globale per rafforzare il ruolo dei sistemi sanitari nell'affrontare la violenza interpersonale, in particolare contro le donne e le ragazze e contro i bambini.

L'Oms, in collaborazione con i partner, prevede di:

- costruire la base di prove sulle dimensioni e la natura della violenza contro le donne in contesti diversi e sostenere gli sforzi dei paesi per documentare e misurare questa violenza e le sue conseguenze, compreso il miglioramento dei metodi per misurare la violenza contro le donne nel contesto del monitoraggio degli obiettivi di sviluppo sostenibile;

- rafforzare la ricerca e la capacità di valutare gli interventi per affrontare la violenza dei partner;

- intraprendere interventi di ricerca per testare e identificare interventi efficaci nel settore sanitario per affrontare la violenza contro le donne;

- sviluppare linee guida e strumenti di attuazione per rafforzare la risposta del settore sanitario al partner intimo e alla violenza sessuale e sintetizzare le prove su ciò che funziona per prevenire tale violenza;

- sostenere i paesi e i partner per attuare il piano d'azione globale sulla violenza attraverso collaborando con agenzie e organizzazioni internazionali per ridurre ed eliminare la violenza a livello globale attraverso iniziative come l'Iniziativa per la ricerca sulla violenza sessuale, Together for Girls, il gruppo di lavoro Violence Against Women della Federazione internazionale degli ostetrici-ginecologi (FIGO) e il Programma congiunto delle Nazioni Unite su Essential Pacchetto servizi per donne soggette a violenza.
 

26 novembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy