Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 18 GENNNAIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Fumo: meno tossine per i ‘vaper’ rispetto ai fumatori

Uno studio conferma che le e-cig possono essere efficaci per smettere di fumare perché meno tossiche, anche se chi “svapa” è esposto a un livello di tossicità più elevato dei non fumatori. Da evitare invece il doppio utilizzo di device elettronici e bionde tradizionali.

17 DIC - (Reuters Health) – Chi fuma sigarette elettroniche (i cosiddetti “vapers”) inalano livelli significativamente inferiori di sostanze chimiche tossiche rispetto ai fumatori di sigarette tradizionali.

È quanto suggerisce un nuovo studio condotto presso il Roswell Park Cancer Center, in USA.

Rispetto ai non fumatori, i vapers mostrano una maggiore quantità di biomarcatori di sostanze chimiche tossiche nelle loro urine, ma a livelli più bassi rispetto ai fumatori di sigarette tradizionali”, dice Maciej Goniewicz, autore principale dello studio. ”Per i fumatori che cercano di smettere potrebbe essere utile usare le e-cig come transizione”.

Ma dallo studio emerge anche che alcuni utenti di sigarette elettroniche finiscono per svapare e fumare allo stesso tempo. Un numero significativo di persone intervistate si sono infatti rivelate “doppi utilizzatori”, con biomarcatori che mostravano un consumo più elevato di nicotina e sostanze tossiche.

Lo studio
Goniewicz e colleghi hanno analizzato i dati 2013-2014 del Population Assessment of Tobacco and Health Study, che è stato progettato a livello nazionale per valutare l’uso del tabacco e la salute negli Stati Uniti.


I 5.105 partecipanti adulti hanno fornito campioni di urina per l’analisi dei biomarcatori. 

Complessivamente, 2.411 dei volontari fumavano solo sigarette, 247 usavano solo e-cig, 792 usavano sia sigarette tradizionali che sigarette elettroniche e 1.655 non avevano mai né svapato né fumato.

I doppi utilizzatori avevano i più alti livelli di biomarcatori di nicotina, seguiti da quelli che fumavano solo sigarette tradizionali. I biomarcatori per il piombo e il cadmio erano più bassi nei vapers rispetto ai fumatori, ma ancora significativamente più alti rispetto ai non fumatori.

L’esposizione a nitrosammine specifiche del tabacco che causano il cancro era molto più alta nei fumatori e nei doppi utilizzatori rispetto a coloro che usavano solo sigarette elettroniche o non usavano mai tabacco. Lo stesso valeva per molte altre sostanze tossiche.

I commenti
Secondo gli esperti lo studio aiuta a chiarire i rischi per la salute legati alle sigarette elettroniche. “L’uso delle e-cig è aumentato in modo significativo e stiamo tutti cercando di capirne i potenziali rischi e benefici rispetto alle sigarette tradizionali”, dice Michael Lynch, tossicologo, medico di medicina d’urgenza e direttore medico del Pittsburgh Poison Center alla University of Pittsburgh Medical Center. “Ma i risultati dovrebbero essere presi come preliminari, in quanto non ci sono così tanti consumatori di sigarette elettroniche che possano pareggiare quelli di sigarette tradizonali.”
 
Fonte: Jama Network Open.
Linda Carroll
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

17 dicembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy