Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 23 LUGLIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Lesioni dell’arteria poplitea. Stessi risultati per angioplastica con o senza stent

In base a una nuova revisione Cochrane, l'angioplastica con o senza stent fornisce esiti a breve termine simili nell'ischemia cronica dovuta a lesioni all’interno dell’arteria poplitea. In base a questa evidenza, gli esperti non ritengono che òa procedura con stent possa essere considerata trattamento di prima linea

07 GEN - (Reuters Health) – Angioplastica con o senza stent per trattare l’ischemia cronica che minaccia l’arto a causa di lesioni all’interno dell’arteria poplitea? Secondo una recente revisione Cochrane, gli esiti, a breve termine, sono simili.
 
“Nonostante il maggiore successo tecnico iniziale dello stent, non abbiamo osservato differenze evidenti nella pervietà a breve termine a sei mesi tra i due metodi di trattamento”, dice Charlie C-T Hsu, del Gold Coast University Hospital di Southport, in Australia, autore principale della revisione. “Pochissimi studi hanno riportato un follow-up a lungo termine (fino a 12 mesi) e non mostrano una chiara differenza di pervietà tra le due metodiche di trattamento”.
 
La revisione
. Nella revisione sistematica e nella metanalisi di sette studi che hanno incluso 542 partecipanti con questa patologia, il team di Hsu ha valutato l’efficacia e la sicurezza dell’angioplastica da sola rispetto all’angioplastica con stent di lesioni arteriose infrapopliteali.

Le percentuali di successo tecnico sono state significativamente maggiori nel gruppo degli stent (97,6%) rispetto al gruppo della sola angioplastica (93,3%). Tuttavia, la pervietà a breve termine (sei mesi) non presentava differenze significative significativamente tra le lesioni arteriose infrapopliteali trattate con angioplastica e quelle trattate con angioplastica più stent.


I gruppi di trattamento non hanno mostrato differenze significative anche nei tassi di complicanze delle procedure, nei tassi di amputazioni maggiori a 12 mesi o nei tassi di mortalità, sempre a 12 mesi.

I commenti
. “Sulla base dei dati attualmente disponibili e dei risultati della nostra metanalisi, non indichiamo l’inserimento di stent iniziale o di prima linea per il trattamento delle lesioni arteriali infrapopliteali – ha affermato Hsu – L’inserimento di stent potrebbe essere utilizzato come procedura di “salvataggio” solo quando richiesto”. “La nostra revisione non ha valutato la differenza fondamentale nell’uso di farmaci antipiastrinici post-trattamento, come l’aspirina o il clopidogrel, e la durata del loro uso potrebbe avere una potenziale influenza sul risultato”, conclude lo specialista.

Fonte: Cochrane Database Syst Rev 2018

Will Boggs

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

07 gennaio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy