Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 LUGLIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Farmaceutica. Farmindustria: “Siamo su orlo precipizio. Con questa manovra il settore rischia”

"Se arriverà anche la nuova governance di settore, con l'introduzione del principio dell'equivalenza terapeutica fra farmaci e una revisione del prontuario senza scientificità, potremmo rischiare molto. Se verrà applicata l'equivalenza terapeutica, non solo non si otterranno i 2 mld di risparmi ipotizzati, ma si potrebbe rischiare di distruggere un'industria". Così il presidente Massimo Scaccabarozzi commenta i dati Istat sulla produzione industriale

13 GEN - "Il dato sulla produzione industriale relativo al nostro settore è ancora positivo e conferma il valore della farmaceutica italiana. Ma anche noi cominciamo a calare: nel primo semestre del 2018 la produzione industriale di medicinali aveva fatto segnare un +5%, a novembre +3%. Anche il dato del mese è positivo (+1,3%), ma il quadro è molto preoccupante: noi stiamo ancora tirando, ma siamo sull'orlo del precipizio". A lanciare l'allarme, dopo i dati diffusi dall'Istat sulla produzione industriale che fotografano una situazione in calo generale, è il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi.
 
Secondo l'Istat, a novembre 2018 i settori di attività economica con variazioni tendenziali positive sono appunto solo la produzione di farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+1,3%), le industrie alimentari, bevande e tabacco (+2,7%) e le altre industrie manifatturiere, riparazione e installazione di macchine e apparecchiature (+1,1%). "Speriamo - dice Scaccabarozzi all'Adnkronos Salute - che la nuova governance farmaceutica non ci dia la spinta
finale verso il basso. Noi, infatti, oltre che di manovre finanziare viviamo di manovre collaterali, e quella presentata dal ministero della Salute qualche settimana fa speriamo venga discussa con il settore, altrimenti c'è il concreto rischio che anche il nostro comparto arrivi a segnare una percentuale negativa, dopo almeno 5 anni di crescita continua".

 
"Abbiamo fatto da traino alla ripresa del Paese e, con la nostra crescita, abbiamo contribuito fortemente alla sua uscita dalla crisi economica e all'affermazione dell'Italia come primo produttore di medicinali in Europa. Adesso questi dati, pur essendo in controtendenza con il settore industriale in generale, non sono più sui livelli che avevamo prima. E questo primato è a rischio". 
 
"Stiamo subendo la manovra economica - evidenzia Scaccabarozzi - ma se arriverà anche la nuova governance di settore, con l'introduzione del principio dell'equivalenza terapeutica fra farmaci e una revisione del prontuario senza scientificità, potremmo rischiare molto. Se verrà applicata l'equivalenza terapeutica - avverte - non solo non si otterranno i 2 miliardi di risparmi ipotizzati, dato che il 90% della spesa farmaceutica territoriale è già a brevetto scaduto, ma si potrebbe rischiare di distruggere un'industria. Se non avremo più la possibilità di vendere i nostri prodotti allo Stato, che è il nostro unico compratore, la produzione calerà molto e questo mi preoccupa davvero, date anche le battaglie che abbiamo fatto per rendere l'Italia primo produttore europeo di medicinali. Potrebbe presto non essere più così".

13 gennaio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy