Quotidiano on line
di informazione sanitaria
22 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Con poco sonno si è a rischio di aterosclerosi subclinica

Chi riposa per meno di sei ore sarebbe più esposto al rischio di sviluppare aterosclerosi subclinica, una condizione che predispone a malattie cardiovascolari. L’evidenza emerge da uno studio spagnolo che ha osservato ciirca 4 mila impiegati di banca

18 GEN - (Reuters Health) – Uno studio spagnolo sostiene che le persone che dormono meno di sei ore a notte potrebbero avere più probabilità di sviluppare aterosclerosi subclinica rispetto a quelle che riposano sette-otto ore.

Nello studio - condotto daJose Ordovas, ricercatore presso il CNIC di Madrid e direttore di nutrizione e genomica presso il Jean Mayer USDA Human Nutrition Research Center on Aging della Tufts University di Boston.- 3.974 impiegati di banca hanno indossato activity tracker per valutare il sonno per una settimana. Inoltre, sono stati sottoposti a ecografia vascolare in 3D e TC per indagare l’eventuale presenza di cardiopatia.

I ricercatori hanno riscontrato che rispetto ai soggetti che dormivano sette-otto ore, quelli che riposavano per meno di sei ore a notte avevano il 27% delle probabilità in più di sviluppare aterosclerosi subclinica.

Lo studio

I partecipanti avevano in media 46 anni e nessuno presentava una cardiopatia nell’anamnesi. I soggetti tendevano ad essere leggermente sovrappeso, ma praticavano anche per circa 45 minuti al giorno un’attività fisica da moderata a intensa.

Le persone che dormivano meno tendevano ad essere più in là con gli anni, a pesare meno e ad avere livelli di colesterolo e pressione arteriosa più elevati rispetto agli individui che riposavano di più.Il team dello studio ha valutato il loro rischio a 10 e 30 anni di un grave evento cardiaco come attacco cardiaco o ictus utilizzando il calcolatore del rischio di Framingham.

Nel complesso, i partecipanti presentavano un 5,9% di rischio di attacco cardiaco o ictus a 10 anni e un 17,7% di rischio a 30 anni. Tuttavia, con meno di sei ore di sonno, il rischio a 10 anni è salito al 6,9% e quello a 30 è giunto al 20,9%.

I commenti

“I risultati sottolineano l’importanza di riposare suffcientemente”, dice il coautore di un editoriale di accompagnamento, Dr. Daniel Gottlieb, direttore del centro per i disturbi del sonno presso il VA Boston Healthcare System. “Un elemento chiave per avere un sonno adeguato è rendere il sonno una priorità – spegnendo TV, computer, tablet e telefono a un’ora ragionevole, coricandosi regolarmente alla stessa ora, prendendosi del tempo per il relax prima di andare a letto ed evitando la caffeina a fine giornata”, concludeGottlieb. “Anche esercizio fisico e una corretta alimentazione possono migliorare la qualità del sonno”.

 

Fonte:Journal of the American College of Cardiology 2019

Lisa Rapaport

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

18 gennaio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy