Quotidiano on line
di informazione sanitaria
16 GIUGNO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Farmaci. L’industria rivendica e avverte: “Siamo leader in Europa. Da noi 1 mld di investimenti in ricerca e sviluppo ma con nuova governance a rischio il futuro”

I dati del primato italiano arrivano dal Rapporto realizzato da Nomisma “Industria 2030. La Farmaceutica italiana e i suoi campioni alla sfida del nuovo paradigma manifatturiero”, presentato ieri a Roma. Ma la preoccupazione degli industriali è tangibile soprattutto per la nuova governance: “Senza un piano normativo chiaro per il futuro, difficile garantire lo stesso livello di sviluppo”.

18 GEN - Il Farma made in Italy resiste alla crisi. Forte di un miliardo di investimenti in ricerca e sviluppo e di un’occupazione in crescita, il settore ha contribuito in modo determinante a rendere l’Italia la piattaforma produttiva farmaceutica in Europa con un fatturato complessivo annuo di oltre 31 miliardi di euro. Le tredici aziende italiane del farmaco aderenti a Farmindustria, le cosiddette “Fab13”, Abiogen Pharma, Alfasigma, Angelini, Chiesi, Dompé, I.B.N. Savio, Italfarmaco, Kedrion, Mediolanum, Menarini, Molteni, Recordati e Zambon, hanno continuato a investire portando l’export a toccare livelli importanti con 24,8 miliardi, ricavi aggregati di oltre 11 miliardi e un + 57% degli occupati nel settore in dieci anni (2007-2017).
 
I dati del primato italiano arrivano dal Rapporto realizzato da Nomisma “Industria 2030. La Farmaceutica italiana e i suoi campioni alla sfida del nuovo paradigma manifatturiero”, presentato ieri a Roma. Ma la preoccupazione degli industriali è tangibile: senza un piano normativo chiaro per il futuro, difficile garantire lo stesso livello di sviluppo. “Anche nel 2018 siamo riusciti a crescere, rimaniamo un settore anticiclico rispetto ad altri, ma non cresciamo come prima”, spiega Massimo Scaccabarozzi, presidente di Farmindustria.


Il mercato italiano ha reagito alla perdita di copertura brevettuale, che ha abbassato i prezzi della quasi totalità dei farmaci, con investimenti e internazionalizzazione ma per mantenere la crescita degli ultimi 10 anni serve una pianificazione su medio e lungo periodo precisa. “Non può esistere crescita sostenibile senza investimenti - precisa Alberto Chiesi, presidente Chiesi - e la consapevolezza di poter contare sulla situazione di stabilità del Paese dal punto di vista della governance farmaceutica ha fatto sì che le aziende italiane abbiamo quasi raddoppiato gli investimenti tra il 2013 e il 2018. In un settore come il nostro - prosegue - in cui il processo di ricerca e sviluppo di un farmaco dura mediamente una decina di anni, al termine dei quali è necessaria l’approvazione dalle agenzie regolatorie, è indispensabile poter contare su una visione di lungo termine delle attività aziendali che, a sua volta, richiede una ragionevole stabilità del sistema in cui le aziende operano”.

Dello stesso avviso è Francesco De Santis, presidente Italfarmaco: “In un settore in cui la competizione è totale, abbiamo bisogno di quella tranquillità interna che ci permette di pianificare e crescere. Parlando per l’azienda che rappresento, dal primo euro investito per un nuovo farmaco alla prima fattura sono passati 12 anni - prosegue De Santis - Sono questi i tempi con cui viviamo costantemente e se cambiamo le regole diventa molto difficile competere”.

 A questo si aggiunge un altro tipo di preoccupazione che riguarda il principio di equivalenza terapeutica proposto dal documento di nuova governance del ministro della Salute Giulia Grillo: “Se l’equivalenza terapeutica non è riconosciuta a livello scientifico rappresenta un rischio non solo per l’industria, ma anche per i pazienti”, conclude De Santis.

Come settore, “siamo riusciti a inventare una internazionalizzazione senza delocalizzazione - precisa Lucia Aleotti, presidente Menarini - Siamo riusciti, come settore a capitale italiano, a portare in Italia produzioni che erano all’estero; siamo riusciti a rendere i nostri stabilimenti davvero competitivi. Ora, la preoccupazione sulla governance non è solo di carattere scientifico, e mi riferisco all’equivalenza terapeutica, è una preoccupazione anche di carattere aziendale”, prosegue Aleotti.
 
“Se il Servizio Sanitario Nazionale, che è il nostro unico acquirente in Italia, facesse davvero una cernita sui farmaci da dare ai pazienti, dovremmo chiederci cosa succede agli stabilimenti che producono i farmaci scartati? Cosa succede agli introiti derivati dalla ricerca su quei farmaci? Ecco, se tolgo la produzione ad uno stabilimento, rendo quello stabilimento non più competitivo”, conclude. Le Fab13 tutte, dunque, confermano la solidità del settore farmaceutico italiano ma denunciano i primi scricchiolii legati a incertezze di gestione. “Abbiamo impiegato 25 anni per riportare a casa un settore che sembrava perso; il nostro Paese ha perso tanti altri settori, non ci possiamo permettere di perdere anche questo”, riassume efficacemente Sergio Dompé, presidente e ceo Dompé.
 
Marzia Caposio

18 gennaio 2019
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer Report Nomisma

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy