Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 12 NOVEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Bagnetto dopo il parto, ritardarlo favorisce l’allattamento al seno

Un ospedale dell’Ohio, in USA, ha posticipato di 24 ore il bagnetto cui sono sottoposti i bambini subito dopo la nascita, partendo dal presupposto che un immediato contatto madre-figlio migliora l’allattamento. I risultati hannno confermato le attese

15 FEB - (Reuters Health) - I neonati che non ricevono il bagnetto subito dopo il parto possono essere più facilmente allattati al seno rispetto a quelli che vengono portati via per essere lavati immediatamente dopo la nascita.
 
A suggerirlo è uno studio statunitense realizzato dai ricercatori della Cleveland Clinic Hillcrest Hospital in Mayfield, Ohio, pubblicato online dal Journal of Obstetric, Gynecologic & Neonatal Nursing, partito dal dato – emenrso in altre ricerche – che l’allattamento al seno può iniziare meglio quando le madri non sono separate dai bambini in ospedale e avere maggiori opportunità di successo in quei primi giorni grazie al contatto pelle a pelle.
 
Lo studio
I ricercatori hanno esaminato le percentuali di allattamento al seno in un ospedale che ha cambiato la sua politica di ‘bagnetti’: da entro 2 ore dalla nascita fino a 12-24 ore dopo la nascita.
 
Lo studio ha coinvolto 448 madri e bambini che rientravano nel primo caso (entro 2 ore) e 548 coppie madre-bambino che rientravano nel secondo (12-24 ore dopo la nascita). La percentuale di madri che allattavano esclusivamente mentre era in ospedale è aumentata da circa il 60% del “bagnetto rapido” al 68% con la nuova politica di “bagnetto ritardato”.

 
Secondo lo studio, durante la loro degenza in ospedale, le madri avevano il 49% di probabilità in più di allattare esclusivamente i bambini dopo la nuova politica.
Le donne erano anche più propense a riferire che avrebbero allattato al seno dopo la dimissione dall’ospedale.
 
I commenti
Lo studio non era un esperimento controllato progettato per dimostrare se o come i tempi dei bagni appena nati potessero influenzare direttamente l’allattamento al seno. Ai ricercatori mancavano anche i dati sul numero di donne che allattavano al seno dopo essere tornate a casa dall’ospedale.
Tuttavia “aggiunge l’evidenza che il rinvio di quel primo bagnetto potrebbe essere di beneficio per i bambiniW, osserva Jennifer Yourkavitch, consulente per l’allattamento al Center for Women’s Health and Wellness at The University of North Carolina, Greensboro, non coinvolta nello studio.
 
“Fare il bagno a un bambino subito dopo la nascita può scatenare una catena negativa di eventi per l’esperienza dell’allattamento al seno. Un bagno subito dopo la nascita può rendere i bambini freddi e far sì che inizino a bruciare grassi per riscaldarsi. Questo può causare stress e basso livello di zucchero nel sangue, e quando i livelli diventano troppo bassi, è più probabile che i bambini ricevano latte in polvere. L’integrazione con il latte in polvere può rendere più difficile l’allattamento naturale.Freddo e stress rendono difficile per un bambino nutrirsi in modo efficace”, conclude la ricercatrice.
 
“I bambini non hanno bisogno di fare il bagno subito a meno che non ci sia un rischio specifico di infezione, come con l’Hiv – spiega Lori Feldman-Winter, ricercatore pediatrico alla Cooper Medical School della Rowan University di Camden, nel New Jersey, anch’egli non coinvolto nello studio – Quindi il messaggio alle mamme e alle famiglie è che il bagno può essere posticipato per concentrarsi su altre questioni più importanti e sensibili come l’allattamento al seno. Inoltre, ritardando il bagno fino al secondo giorno, potranno parteciparvi anche le neomamme”.
 
Fonte: J Obstet Gynecol Neonatal Nurs 2019
 
Lisa Rapaport
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)
 

15 febbraio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy