Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Bere il tè troppo bollente aumenta rischio di cancro all’esofago

I risultati di una ricerca - che ha seguito per 10 anni una popolazione dell’Iran - hanno evidenziato come bere grandi quantità della bevanda ad alte temperature abbia un impatto significativo sul rischio di tumore, pari al 41% di possibilità in più

01 APR - (Reuters Health) – Un nuovo studio mette in guardia gli amanti del tè bollente, che potrebbe provocare un aumento del rischio di cancro all’esofago. Tra i bevitori di tè seguiti per circa 10 anni, quelli che hanno bevuto grandi quantità di bevanda e a temperature molto elevate – oltre 60°C – hanno fatto registrare quasi il doppio del rischio di carcinoma esofageo a cellule squamose rispetto a quelli che bevevano tè freddo e in generale in minor quantità, come hanno riportato gli autori dello studio sull’International Journal of Cancer.
 
Il carcinoma esofageo a cellule squamose è la sesta causa più comune di morte per cancro in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, secondo l’American Cancer Society, il rischio di sviluppare la malattia durante la vita è di circa 1 su 132 negli uomini e circa 1 su 455 nelle donne. L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha classificato le bevande “molto calde”, sopra i 65° C, come “probabilmente cancerogene” per l’uomo.


Lo studio
A partire dal 2004, i ricercatori guidati da Farhad Islami dell’American Cancer Society (Acs) di Atlanta, hanno raccolto dati relativi a 50.000 adulti che vivono nella provincia di Golestan, nel nord-est dell’Iran, dove sono stati segnalati alti tassi di cancro esofageo e dove i residenti bevono una media di 1.100 ml di tè nero al giorno.

All’inizio dello studio, i ricercatori hanno condiviso tazze di tè durante le interviste con i partecipanti per misurare le temperature della bevanda e hanno chiesto a ogni persona le preferenze sulla temperatura del tè. Nel 2017, 317 partecipanti avevano sviluppato un carcinoma esofageo a cellule squamose.
 
Le persone che bevevano regolarmente il tè a temperature di 60° C o superiori hanno avuto il 41% di probabilità in più di sviluppare un tumore rispetto a quelle che lo bevevano più freddo. Coloro che preferivano il tè “molto caldo” hanno avuto quasi due volte e mezzo il rischio di coloro a cui piaceva freddo o tiepido. E quelli che bevevano il loro tè entro due minuti dal servizio in tazza avevano un rischio del 51% più alto di quelli che aspettavano più di sei minuti.
 
Nel complesso, le persone che hanno bevuto almeno 700 ml al giorno a temperature superiori a 60° C hanno fatto registrare un aumento del rischio del 91% rispetto a quelli che hanno bevuto meno tè e a temperature più basse. “Non chiediamo alle persone di smettere di bere il tè, ma raccomandiamo di aspettare un po’ prima di bere, affinché le bevande calde si raffreddino”, ha detto Islami. 
Anche dopo che i ricercatori hanno tenuto conto di fattori che potrebbero influenzare il rischio di cancro esofageo, compreso l’uso di tabacco, alcool o oppio e fattori socio-demografici, il rischio aumentato con il tè bollente è rimasto.

Fonte: Int J Cancer 2019

Carolyn Crist
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

01 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy