Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 26 AGOSTO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Depressione nel Parkinson. Terapia bright light efficace anche a intensità minore

Uno studio olandese, condotto in doppio cieco, ha testato l’efficacia della bright light nella terapia della depressione maggiore legata al Parkinson. I punteggi ottenuti, misurati sull’Hamilton Depression Rating Scale, sono diminuiti anche tra coloro che sono stati esposti a una sorgente di luce meno intensa

02 APR - (Reuters Health) – Una nuova ricerca olandese sostiene che, nel trattamento della depressione maggiore nelle persone con Malattia di Parkinson, la terapia della bright light non sia più efficace dell’esposizione a un dispositivo che irradia una luce meno intensa.
 
Lo studio
Per lo studio, in doppio cieco, Sonja Rutten e colleghi, dell’Università di Amstrdam UMC, hanno reclutato 83 partecipanti con Parkinson idiopatico e depressione maggiore per un periodo di cinque anni. I ricercatori hanno randomizzato i pazienti a un trattamento domestico con un light box, per che simula la luce del giorno con un’intensità luminosa di 10.000 lux, o con un light box a un’intensità di 200 lux.

I partecipanti si sono seduti vicino alla fonte di luce per 30 minuti ogni mattina e sera per tre mesi, seguiti da sei mesi di follow-up. Dopo il ritiro di alcuni partecipanti durante la prima settimana dello studio, la coorte intent-to-treat modificata ha incluso 72 partecipanti. Al basale i soggetti avevano in media 64 anni e il 58% si trovava allo stadio 2 della scala di Hoehn & Yahr per la Malattia di Parkinson. Il punteggio medio sulla Hamilton Depression Rating Scale (HDRS) era di 14,6, quindi la maggior parte dei pazienti presentava una depressione moderatamente grave.


Per i primi sette giorni, i partecipanti hanno tenuto un diario del sonno e hanno indossato un orologio per l’esecuzione di un’attigrafia e un sensore di luce.
Inoltre i ricercatori hanno raccolto i loro campioni di saliva, in diversi momenti dello studio, per misurare i livelli di cortisolo e melatonina.
 
I risultati
Alla fine del trattamento, i punteggi sulla Hamilton Depression Rating Scale sono diminuiti in entrambi i gruppi, senza alcuna differenza significativa tra il gruppo della bright light (punteggio 7,6) e quello di controllo (punteggio 8,3; P=0,99). Dopo il follow-up, il punteggio medio sulla scala era inferiore nel gruppo di controllo (5,9 vs. 8,5, P=0,02).
 
Durante lo studio la qualità del sonno è migliorata in entrambi i gruppi. È stato osservato un miglioramento leggermente più marcato nel gruppo della bright light nella valutazione soggettiva del sonno (P=0,04). La secrezione totale di cortisolo salivare si è ridotta nel gruppo trattato, mentre è aumentata nei controlli (P=0,04).

I controlli
. “Siamo rimasti un po’ sorpresi dai nostri risultati”, dice Sonja Rutten. “Sulla base delle evidenze scientifiche disponibili, ci aspettavamo che la bright light fosse più efficace nella riduzione dei sintomi depressivi rispetto a una condizione di controllo. Tuttavia, siamo stati felici di osservare una riduzione di questi sintomi in entrambi i gruppi”.

“Il team di ricerca ha fatto due scoperte molto interessanti – aggiunge Claire Henchcliffe, professore associato di neuroscienze presso il Weill Cornell Medical College di New York City – È stata osservata una decisa riduzione della depressione a prescindere dall’utilizzo di una luce intensa o soffusa. Quindi, sebbene i ricercatori non abbiamo potuto provare che la terapia con bright light sia il trattamento giusto, qualcosa nello studio ha aiutato i pazienti. Una possibilità, anche se altamente speculativa, è che oltre a un possibile effetto placebo, un ruolo potrebbe essere stato rivestito dall’imposizione di un ciclo regolare sonno-veglia per seguire la terapia della luce. La seconda scoperta è aver registrato un miglioramento del sonno sia nel gruppo trattato con bright light, sia in quello con luce meno intensa e i pazienti hanno segnalato che la loro qualità del sonno soggettiva era migliorata con il trattamento con luce intensa con entrambi i trattamenti” .

Fonte: Neurology 2019
 
Lorraine L. Janeczko
 
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

02 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy